Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Le regole per fare la spesa (proteggendoci dal Coronavirus)

Le regole per fare la spesa (proteggendoci dal Coronavirus)

Ultimo aggiornamento – 14 Aprile, 2020

Spesa: come farla in sicurezza per proteggersi dal Coronavirus

La spesa è una delle motivazioni indispensabili - consentite da tutti i decreti emanati sino ad oggi dal Governo - per poter uscire di casa. 

Ovviamente, anche in questo caso, ci sono delle regole da rispettare in modo più che scrupoloso: è obbligatorio recarsi nel negozio il più vicino a casa o al luogo di lavoro, proprio per limitare gli spostamenti allo stretto necessario. Come chiarisce il Governo stesso, è necessario muoversi all’interno del proprio Comune e, qualora non sia possibile, si deve scegliere il punto vendita più vicino a casa, nel paese immediatamente limitrofo.

Ovviamente, oltre alle regole, entra in gioco anche il buon senso. Meglio ridurre quanto più le uscite settimanali e rispettare rigorosamente la distanza tra le persone negli spostamenti, così come all'entrata, all'uscita e all'interno dei punti vendita. 

Il rispetto delle norme igieniche rimane poi un imperativo. Come comportarsi durante la spesa, per ridurre al minimo il contagio?

Alla spesa non possiamo rinunciare: ma come farla in sicurezza?

Niente panico: i rifornimenti alimentari, come assicurano tutte le autorità, non mancheranno. La corsa ai supermercati? Inutile, se non dannosa. 

Anche le norme igieniche all’interno dei negozi sono più che regolamentate. Il personale, ad esempio, utilizza guanti e mascherine monouso, cambiati e smaltiti secondo le indicazioni fornite dal Ministero. Le procedure per far sì che i clienti possano rispettare la distanza di almeno un metro l’uno, contingentando gli ingressi e facendo rispettare le file che si vengono a creare all’estero delle strutture, sono sempre rispettate.

Chiariti questi punti, cosa può fare ognuno di noi per proteggersi dal Coronavirus, anche nei super e ipermercati? L’Istituto Superiore di Sanità (ISS) ci viene in aiuto con un vademecum dedicato a tutti i cittadini

  • Utilizzo dei guanti - Anche l’ISS lo raccomanda: quando si entra nei supermercati, i guanti si possono utilizzare. Attenzione, però: indossare questo tipo di protezione non significa essere immuni dal contagio del Coronavirus. È dunque fondamentale il lavaggio delle mani dopo il loro utilizzo e, soprattutto, mentre li abbiamo indosso, è vietato toccarsi occhi, naso e bocca. Spesa terminata? I guanti vanno sfilati al rovescio e smaltirli nei contenitori della raccolta indifferenziata.
  • Distanze di sicurezza - Questa regola vale sì per la spesa, ma non solo: è obbligatorio, infatti, rispettare il distanziamento sociale dunque mantenere sempre la distanza di un metro con le altre persone che si recano nei supermercati e negozi di alimentari in generale. Commessi e cassieri compresi. 
  • Acquisto di prodotti freschi - In queste giornate dove la precauzione e la prevenzione sono la nostra prima arma di difesa, ci si chiede spesso se i prodotti freschi siano più pericolosi rispetto a quelli non freschi. La risposta, si legge sui vademecum stilati dall’Iss, è assolutamente negativa. Come ovvio, anche per i prodotti freschi valgono le buone norme igieniche consuete, da rispettare da chiunque manipoli il cibo. Dunque, ottima abitudine, soprattutto in questo frangente, è di maneggiare frutta e verdura con i guanti (usa e getta) forniti direttamente dai punti vendita.
  • Lavaggio delle superfici dei prodotti - Un’altra domanda che spesso ci si pone è se il virus rimanga o meno attaccato alla superficie dei prodotti che si acquistano al supermercato. La risposta, purtroppo, non è del tutto chiara. Gli esperti sostengono che il nuovo Coronavirus potrebbe sopravvivere da qualche ora a qualche giorno, se le superfici non vengono pulite, disinfettate o non sono esposte a sole e pioggia. Sappiamo, di contro, che il virus è altamente sensibile ai disinfettanti a base di cloro e alcol. Quindi? Sì, pulire scatole e confezioni una volta giunti a casa può essere una buona idea.

Ovviamente, spesa a parte, una volta ritornati presso la propria abitazioni, vi sono delle operazioni da compiere, per tutelarsi dal contagio. Tra queste, lavarsi le mani (seguendo tutte le regole del caso) e assicurarsi un’igiene corretta degli ambienti di casa

Non dimenticate, prima di mettervi ai fornelli, di lavare in modo molto accurato frutta e verdura, soprattutto se si desidera consumarle crude: sebbene questi prodotti siano considerati “a basso rischio di trasmissione”, la prevenzione non è mai abbastanza.

Mostra commenti
Emergenza Coronavirus: come ricevere la ricetta senza andare dal medico
Emergenza Coronavirus: come ricevere la ricetta senza andare dal medico
Coronavirus: ci sono gruppi sanguigni più a rischio? Facciamo chiarezza
Coronavirus: ci sono gruppi sanguigni più a rischio? Facciamo chiarezza
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Macromastia: quando le dimensioni del seno sono un problema
Macromastia: quando le dimensioni del seno sono un problema
Forfora abbondante: i consigli dell’esperto
Forfora abbondante: i consigli dell’esperto
Il trauma cranico che contrasta gli effetti dello stress
Il trauma cranico che contrasta gli effetti dello stress
Dormire bene: il segreto per una buona memoria
Dormire bene: il segreto per una buona memoria