Formicolio alle gambe: quali sono le cause?

Anna Nascimben | Editor

Ultimo aggiornamento – 31 Marzo, 2023

Ecco tutte le cause del formicolio alle gambe

Il formicolio alle gambe è un fenomeno molto frequente che, nella maggior parte dei casi, è dovuto a una postura scorretta degli arti inferiori. A volte però, esso può essere il sintomo di qualcosa di più grave che vale la pena di approfondire.

Andiamo alla scoperta di tutte le cause che possono determinare il formicolio agli arti inferiori.

Cos'è il formicolio alle gambe e come si manifesta

In campo medico i formicolii, o le cosiddette gambe che si addormentano, sono definite con il termine di parestesie agli arti inferiori, e sono un sintomo riconducibile sia a eventi del tutto innocui e temporanei, sia a patologie più gravi.

In genere chi soffre di questo disturbo lamenta un'insensibilità ed intorpidimento agli arti inferiori, i quali tendono a sparire nel giro di pochi minuti. Sebbene questo sintomo possa manifestarsi in qualunque parte del corpo, solitamente esso colpisce con maggior frequenza le gambe, i piedi o i polpacci.

Le cause del formicolio alle gambe

L'intorpidimento delle gambe, anche chiamato formicolio o "gambe addormentate", è un sintomo estremamente comune che può essere ricondotto a un ampio ventaglio di malattie, più o meno gravi.

In genere si prova la sensazione di avere la gamba che si addormenta quando si mantiene troppo a lungo una postura sbagliata: un caso tipico, ad esempio, è quando si rimane molto tempo con gli arti inferiori accavallati e ciò è dovuto al fatto che vi è una temporanea mancanza, o riduzione, di flusso sanguigno verso le gambe.

Se questo evento compare solo raramente, è probabile che esso sia dovuto, appunto, a un errore di postura, tuttavia se esso si accompagna a dolore o ad altri sintomi, oppure se compare frequentemente o si protrae per diversi minuti, allora potrebbe essere un campanello d'allarme da non sottovalutare.

undefined

Quando il dolore e formicolio alle gambe si associa a una sensazione di bruciore, di fastidio o a una mancanza di sensibilità, esso non va sottovalutato, in quanto potrebbe essere un segnale riconducibile alla malattia arteriosa periferica. Questa patologia si manifesta quando le arterie che contengono il sangue diretto ai vari organi, si ostruiscono.

Le cause possono essere di diverso tipo e vanno dall'accumulo di placche arteriosclerotiche alle vasculiti, fino al diabete. Altri sintomi da sintomi che si accompagnano al formicolio gamba e piede in presenza di una malattia arteriosa periferica sono, poi, i crampi quando si cammina e la sensazione di avere sempre le estremità fredde.

Un'altra occasione in cui è piuttosto comune avvertire formicolio alla gamba destra o sinistra è la gravidanza. Nelle donne incinte, infatti, è comune che l'utero, a causa del suo aumento di dimensione, schiacci i nervi, determinando proprio questa sensazione di addormentamento. Per alleviare il fastidio è utile cambiare spesso posizione e non indossare indumenti troppo stretti.

Le patologie associate a dolori e formicolii alle gambe

Altre patologie che si manifestano anche con la parestesia alla gamba sono:

  • la neuropatia periferica, causata dalla disfunzione di uno o più nervi;
  • l'artrite reumatoide;
  • l'insufficienza renale;
  • una situazione di grave dipendenza da alcol. L'alcol è una vera e propria tossina e chi presenta una dipendenza da questa sostanza può soffrire della cosiddetta neuropatia alcolica. Si stima che il 25-66% degli alcolisti presenti tale patologia;
  • l'intossicazione da piombo;
  • squilibri ormonali di varia natura;
  • infezioni batteriche o virus. Fra queste le più comuni sono: HIV, epatite B e C, lebbra, herpes zoster, malattia di Lyme;
  • malattie autoimmuni, come ad esempio il lupus;
  • neoplasie;
  • infiammazione del nervo sciatico;
  • sindrome delle gambe senza riposo. Si tratta di un disturbo neurologico che si caratterizza per prurito, formicolio e dolore alle gambe, le quali non riescono a rilassarsi e hanno bisogno di muoversi per stare meglio;
  • ernia discale;
  • sclerosi;
  • ictus;
  • anemia sideropenica;
  • arteriosclerosi;
  • carenza di vitamine, in particolare quelle del gruppo B;
  • trattamenti radio o chemioterapici;
  • mielite trasversa;
  • lombalgia;
  • spondilolistesi;
  • stenosi lombare o stenosi spinale lombare che solitamente causa formicolio ad entrambe le gambe contemporaneamente.

Formicolio alle gambe: quando contattare il medico

Quando la pesantezza e il formicolio alle gambe costituiscono un evento fisiologico e quando, invece, è consigliabile contattare il medico per eseguire qualche accertamento in più?

Risulta importante prestare attenzione a questi campanelli d'allarme:

  • il formicolio compare di frequente;
  • l'intorpidimento agli arti non è associato a posture errate o mantenute troppo a lungo;
  • il formicolio si accompagna a dolore;
  • il formicolio dura più di qualche minuto;
  • si è in presenza di altri sintomi, come ad esempio stanchezza, debolezza, stato confusionale.

Il medico ha a disposizione diversi strumenti per indagare questa problematica. In genere si parte da un esame del sangue, il quale è utile per valutare la concentrazione di vitamine e di eventuali sostanze tossiche, poi, si procede con un esame alla tiroide (fondamentale per identificare degli squilibri ormonali). A questi due primi test preliminare possono seguire:

  • angiogramma;
  • risonanza magnetica alla testa;
  • TAC alla colonna vertebrale;
  • ecografia per valutare il rischio di ictus;
  • radiografia alle gambe;
  • rachicentesi, per identificare eventuali anomalie a danno del sistema nervoso centrale;
  • elettromiografia, che valuta la risposta dei muscoli agli stimoli.

Per arrivare a una diagnosi corretta è importante anche analizzare dove si manifesta l'intorpidimento. Ad esempio, se si soffre di formicolio alla gamba sinistra, è comunque possibile che sia coinvolto anche l'arto destro.

Qualora il disturbo fosse simmetrico, invece, il medico riceverà già un'importante indicazione, mentre se il fastidio che interessa la gamba intorpidita si presenta lungo una radice nervosa, potrebbe essere coinvolto il nervo sciatico.

Anna Nascimben | Editor
Scritto da Anna Nascimben | Editor

Con una formazione in Storia dell'Arte e un successivo approfondimento nello studio del Digital Marketing, mi occupo da anni di creare contenuti web. In passato ho collaborato con diversi magazine online scrivendo soprattutto di sport, vita outdoor e alimentazione, tuttavia nel corso del tempo ho sviluppato sempre più attenzione nei confronti di temi come il benessere mentale e la crescita interiore.

a cura di Dr.ssa Emiliana Meleo
Le informazioni proposte in questo sito non sono un consulto medico. In nessun caso, queste informazioni sostituiscono un consulto, una visita o una diagnosi formulata dal medico. Non si devono considerare le informazioni disponibili come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento o l’assunzione o sospensione di un farmaco senza prima consultare un medico di medicina generale o uno specialista.
Anna Nascimben | Editor
Anna Nascimben | Editor
in Salute

999 articoli pubblicati

a cura di Dr.ssa Emiliana Meleo
Contenuti correlati