Cardiopatia ischemica: un rischio maggiore per le donne?

Antonia de Gioia | Blogger

Ultimo aggiornamento – 23 Febbraio, 2022

Cardiopatia Ischemica nelle Donne

Secondo gli esperti dell'American College of Cardiology, una donna su tre muore prematuramente di cardiopatia ischemica. La cardiopatia ischemica è, infatti, la prima causa di morte tra la popolazione femminile in menopausa.

Questi dati risultano alquanto sconcertanti, se pensiamo agli innumerevoli studi e progressi che negli ultimi decenni sono stati compiti nel campo della medicina cardiovascolare.

Perché molte donne sono vittime della cardiopatia ischemia? Scopriamolo insieme!

Cosa è la cardiopatia ischemica e qual è il rischio per le donne?

La cardiopatia è una malattia cardiovascolare causata da un’ostruzione delle arterie coronarie, che genera un insufficiente apporto di sangue e ossigeno al cuore, con conseguente alto rischio di infarto e arresto cardiaco.

Per molti anni, si è pensato che l’infarto e l’ictus fossero malattie quasi esclusivamente maschili, tanto da concentrare gli studi in prevalenza questa fascia di pazienti, trascurando quella di sesso femminile. 

Questa errata considerazione ha portato ad oggi un vero e proprio divario tra progressi in campo medico inerenti patologie cardiovascolari tra pazienti di vario sesso. Non è detto che sintomi conclamati e diagnosi accertate su pazienti di sesso maschile abbiano gli stessi effetti su quelli di sesso femminile. Ed è proprio il caso della cardiopatia ischemica, una patologia che si comporta in modo molto differente tra pazienti donne e maschi.

Come per gli uomini, anche per le donne, i soggetti più a rischio risultano essere quelli in sovrappeso, con problemi di ipertensione, abuso di alcool, uso di droghe, fumo, alimentazione poco salutare, vita sedentaria.

Per le donne si aggiungono, inoltre, altre condizioni di rischio, ad esempio menopausa, gestosi in gravidanza e parto pretermine.

Sovente nelle donne la cardiopatia ischemica si manifesta con sintomi molto comuni ad altre condizioni di malessere, tra cui stanchezza, vomito, fiato corto, vertigini, dolori al petto, che spesso, soprattutto nelle pazienti ultra-cinquantenni i segni vengono confusi con una tipica condizione di menopausa.

La diagnosi di cardiopatia ischemica risulta altrettanto difficoltosa per le donne in età fertile, per le quali i risultati degli elettrocardiogrammi non sempre risultano espliciti, poiché viziati dagli sbalzi ormonali.

Alla luce di ciò, attualmente sussiste una reale difficoltà nel diagnosticare una condizione di cardiopatia ischemica nelle donne. Spesso, l’evidenza arriva quando ormai è troppo tardi per definire un trattamento preventivo o contenitivo, motivo per il quale il tasso di mortalità risulta più alto tra le donne rispetto agli uomini, e sempre più spesso si parla di cardiopatia ischemica femminile.

Come prevenire la cardiopatia ischemica?

La prevenzione è certamente la migliore arma per evitare conseguenze irreversibili dovute a patologie cardiache.

Alimentazione corretta, attività fisica costante, sane abitudini, eliminazione di alcol e fumo certamente sono la migliore arma per prevenire patologie cardiovascolari. Senza omettere controlli periodici, da intensificare soprattutto con l’avanzare dell’età.

Proprio sul tema della prevenzione di patologie cardiovascolari, negli ultimi anni sono state attivate varie iniziative volte a sensibilizzare l’opinione medica, con l’obiettivo di annullare la discriminazione di sesso in materia di ricerca. Iniziative e progetti di questo genere hanno contribuito a salvare più di 40 mila persone nell’ultima anno e l’intento è di aumentare notevolmente questa numerica.

Antonia de Gioia | Blogger
Scritto da Antonia de Gioia | Blogger

Sono una laureata in Marketing e mi occupo della gestione di attività promozionali e di comunicazione, con un’attenzione particolare al mondo digitale e social. Nel tempo libero, lontana dal lavoro quotidiano, mi dedico alla scrittura.

a cura di Dr.ssa Elisabetta Ciccolella
Le informazioni proposte in questo sito non sono un consulto medico. In nessun caso, queste informazioni sostituiscono un consulto, una visita o una diagnosi formulata dal medico. Non si devono considerare le informazioni disponibili come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento o l’assunzione o sospensione di un farmaco senza prima consultare un medico di medicina generale o uno specialista.
Antonia de Gioia | Blogger
Antonia de Gioia | Blogger
in Salute

138 articoli pubblicati

a cura di Dr.ssa Elisabetta Ciccolella
Contenuti correlati
Scopriamo quali sono gli effetti dell'ora legale sull'organismo
Ora legale: i 5 effetti collaterali sulla salute

Il cambio dell'ora, e il successivo passaggio a quella legale, possono causare diversi disturbi (transitori) all'organismo. Clicca qui per conoscerne alcuni.

Scopriamo quanti battiti al minuto occorre avere
Quanti battiti cardiaci bisogna avere al minuto?

La frequenza del battito cardiaco può essere condizionata da numerosi fattori: scopri qui quali sono e quanti battiti al minuto è necessario avere.