Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Gruppi sanguigni: perché il tipo AB è così raro?

Gruppi sanguigni: perché il tipo AB è così raro?

Ultimo aggiornamento – 10 Ottobre, 2016

gruppo sanguigno: caratteristiche

Conoscere il proprio gruppo sanguigno è importante per vari motivi: per questioni mediche, soprattutto di urgenza, per conoscere meglio il proprio corpo e per avere informazioni utili che possono essere necessarie nei viaggi all’estero. A volte, il gruppo sanguigno viene comunicato alla nascita, altre lo si scopre successivamente, richiedendo l’esame al proprio medico.

Ma che cos’è il gruppo sanguigno?

È una delle caratteristiche più importanti di un individuo, ereditata geneticamente da entrambi i genitori alla nascita. Il gruppo sanguigno si stabilisce in base alla presenza di antigeni sui globuli rossi. Gli antigeni possono essere proteine, carboidrati, glicoproteine o glicolipidi in base al tipo di classificazione usato.

La Società Internazionale delle Trasfusioni di Sangue riconosce ad oggi 30 sistemi diversi di classificazione dei gruppi sanguigni. In aggiunta agli antigeni AB0 e agli antigeni Rhesus, molti altri antigeni sono espressi sulla membrana superficiale dei globuli rossi, ma i primi rimangono i più importanti perché indicano che tipo di sangue una persona può ricevere in una trasfusione.

Quindi, ciò che viene espresso sulla superficie della cellula determina il tipo e di sangue che è compatibile con quale paziente.

Globuli rossi

Tutto il sangue contiene gli stessi componenti di base: globuli rossi (che trasportano l’ossigeno in tutto il corpo), globuli bianchi (che proteggono il corpo da agenti patogeni e malattie), piastrine (responsabili della coagulazione e quindi di fermare l’uscita del sangue dalle ferite) e plasma (la parte liquida del sangue).

Sulla superficie dei globuli rossi, ci sono proteine ​​con carboidrati allegati, che fungono da marcatori che identificano le nostre cellule del sangue. Questi marcatori microscopici, noti come antigeni, sono comunemente raggruppati in otto gruppi sanguigni di base: A, B, AB e O, ciascuno dei quali può essere “positivo” o “negativo“.

Avere il gruppo A significa avere almeno solo antigeni A, avere il gruppo B significa avere solo antigeni B, avere il gruppo AB significa avere entrambi, mentre avere il gruppo 0 significa non avere né A né B. il tuo sangue può essere “positivo”, il che significa che contiene l’antigene Rhesus D, o “negativo”, che significa che manca esso.

I pazienti trattati con un gruppo sanguigno incompatibile spesso sperimentare una reazione pericolosa; il loro sistema immunitario riconoscerebbe l’antigene sconosciuto sulla superficie delle cellule del sangue e attacca. Quindi, se si dovesse dare gruppo sanguigno A a un paziente con gruppo sanguigno B, il corpo metterebbe in moto una risposta immunitaria volta a distruggere ciò che ha riconosciuto come un invasore straniero.

Diffusione

La Stanford School of Medicine ha calcolato le proporzioni dei gruppi nella popolazione generale, tenendo conto però che ci possono essere delle variazioni se si considerano le singole etnie:

  • O-positivo: 37,4 per cento
  • O-negativo: 6,6 per cento
  • A-positivo: 35,7 per cento
  • A-negativo: 6,3 per cento
  • B-positivo: 8,5 per cento
  • B-negative: 1,5 per cento
  • AB-positivo: 3,4 per cento
  • AB-negativo: 0,6 per cento

È ora più facile capire perché il gruppo AB è il più raro di tutti. Anche se si eredita un gene da ogni genitore, ogni volta che si eredita un gene O, che è il più diffuso, questo non ha alcun impatto sull’ altro gene ereditato.

Persone con sangue AB hanno ereditato un gene A da un genitore e un gene B dall’altro. In base al numero di persone con gruppi sanguigni A e B, le probabilità di quella particolare combinazione è semplicemente inferiore a qualsiasi altra possibilità.

Questa rara combinazione offre un enorme vantaggio: le persone che hanno AB positivo possono ricevere qualsiasi tipo di sangue e così sono conosciuti come “destinatari universali”.

Se siete donatori, però, meglio avere il gruppo O negativo. Conosciute come “donatori universali,” queste persone possono dare a tutti coloro che hanno bisogno di sangue. Qualunque sia il vostro tipo, non dimenticate mai che donare il proprio sangue significa donare la vita.

Mostra commenti
Il caffè può ridurre il rischio di demenza nelle donne?
Il caffè può ridurre il rischio di demenza nelle donne?
6 cattive abitudini che diffondono i germi
6 cattive abitudini che diffondono i germi
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Macromastia: quando le dimensioni del seno sono un problema
Macromastia: quando le dimensioni del seno sono un problema
Forfora abbondante: i consigli dell’esperto
Forfora abbondante: i consigli dell’esperto
Il trauma cranico che contrasta gli effetti dello stress
Il trauma cranico che contrasta gli effetti dello stress
Dormire bene: il segreto per una buona memoria
Dormire bene: il segreto per una buona memoria