icon/back Indietro Esplora per argomento

I cibi che aiutano la guarigione delle ferite

Redazione

Ultimo aggiornamento – 28 Settembre, 2021

I benefici della Curcuma per i Processi di Guarigione

Ogni ferita presente sul nostro corpo necessita, per guarire, di una serie di processi biologici volti alla riparazione del danno tissutale e alla rigenerazione del tessuto stesso. Tali meccanismi coinvolgono diversi tipi cellulari, come le cellule del sangue, ma anche differenti molecole come i mediatori tissutali, citochine e fattori di crescita, come spiegano gli esperti. Ma esistono delle sostanze naturali in grado di coadiuvare la guarigione delle ferite? La risposta è sì. 

Vediamo quali. 

I cibi che aiutano a far guarire le ferite

Il cibo svolge un ruolo importante anche nella guarigione delle ferite, perché all’organismo occorre un’accelerazione del metabolismo che, conseguentemente, richiede un aumento del fabbisogno energetico. A tal proposito, esistono degli alimenti adatti allo scopo.

Scopriamo insieme quali:

  • Frutti di mare, carne bianca, filetto di maiale, latte, formaggi, uova, soia e fagioli: sono ricchi di proteine, utili a eliminare i tessuti morti e costruirne altri.
  • Frutta (kiwi, agrumi) e verdura (carote, peperoni, zucca): ricchi di vitamine, soprattutto A e C, che aiutano a formare il collagene e a correggere la funzione immunitaria.
  • Frutta secca, legumi, carne di maiale: ricchi di arginina e glutammina, due amminoacidi che influenzano la funzione immunitaria.
  • Catechine del tè, flavanoli del cacao, idrotissirolo dell’olio d’oliva: sono sostanze che favoriscono la guarigione, anche dopo interventi chirurgici.
  • Curcumina: viene estratta dalla Curcuma lunga, è utilizzata come colorante vegetale e svolge due importanti funzioni. Essa, innanzitutto, attiva la proteina Nrf2, che fa sì che le cellule sopravvivano allo stress, e poi inibisce lo Nfk–B, un segnale che innesca processi infiammatori e di apoptosi (meccanismo di morte programmata dei tessuti).

I benefici della curcuma e curcumina nei processi di guarigione

Tra i cibi che favoriscono il processo di guarigione delle ferite abbiamo, quindi, anche la curcumina, estratta dalla curcuma. Quest’ultima, è una spezia proveniente dall’Asia meridionale, sempre più utilizzata nelle nostre ricette e apprezzata per i suoi benefici.

Oltre alla guarigione delle ferite, grazie alle proprietà antisettiche e antinfiammatorie che la rendono un disinfettante naturale, infatti, la curcuma ha numerosi altri benefici.

Vediamoli insieme:

  • Possiede proprietà antiossidanti e anti-cancerogene. 
  • Rafforza l’endotelio e riduce i livelli di colesterolo cattivo
  • Previene l’insorgere del diabete di tipo 2, moderando i livelli di insulina e glucosio nel sangue.
  • Aiuta a perdere peso, inibendo la capacità delle cellule adipose di assorbire sostanze nutritive.
  • Migliora la digestione, riducendo gonfiore e flatulenza.
  • Ha proprietà antibatteriche e antivirali, utili nella prevenzione di raffreddori e influenze.
  • Aiuta a mantenere il cervello attivo, perché ne rallenta l’invecchiamento delle cellule.

Cosa aspettate? Correte a provare la curcuma e tutti gli altri cibi consigliati e vi renderete conto della grande quantità di benefici presenti in essi, a partire da una più veloce guarigione delle ferite.


Fonti: 

Nutrition Guidelines to Improve Wound Healing

Health Benefits of Turmeric     

Condividi
Redazione
Scritto da Redazione

La redazione di Pazienti.it crea contenuti volti a intercettare e approfondire tutte le tematiche riguardanti la salute e il benessere psificofisico umano e animale. Realizza news e articoli di attualità, interviste agli esperti, suggerimenti e spunti accuratamente redatti e raccolti all'interno di categorie specifiche, per chi vuole ricercare e prendersi cura del proprio benessere.

a cura di Dr.ssa Gloria Negri
Le informazioni proposte in questo sito non sono un consulto medico. In nessun caso, queste informazioni sostituiscono un consulto, una visita o una diagnosi formulata dal medico. Non si devono considerare le informazioni disponibili come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento o l’assunzione o sospensione di un farmaco senza prima consultare un medico di medicina generale o uno specialista.
Redazione
Redazione
in Salute

1774 articoli pubblicati

a cura di Dr.ssa Gloria Negri
Contenuti correlati
Un medico di base prescrive una ricetta ad una sua paziente
Durata delle ricette del medico: ecco una panoramica

Le ricette del medico hanno una durata che può variare in base alla tipologia del documento stesso: clicca qui per scoprire quali tipi esistono e quanto durano.

icon/chat