Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Demi Moore perde due incisivi: lo stress può davvero causare la piorrea?

Demi Moore perde due incisivi: lo stress può davvero causare la piorrea?

Ultimo aggiornamento – 14 aprile, 2020

piorrea: può essere causata dallo stress?
Indice

Demi Moore non ha avuto timore di confessare in tv di aver perso due incisivi. “Avrei voluto avere un motivo più cool, tipo essere caduta dallo skate e invece la causa è lo stress” – ha raccontato davanti agli schermi. Quali siano le cause di questo stress, la protagonista del film “Ghost” non ha voluto chiarirlo. Una cosa, però, è certa: lo stress è una tra le tante cause all’origine della piorrea, un’infiammazione che colpisce i denti provocandone, con l’avanzare del tempo, la caduta.

Vediamo insieme di cosa si tratta.

Cos’è la piorrea? Sintomi e cause

La piorrea, detta anche malattia parodontale, è un disturbo che riguarda il paradonto, ovvero l’insieme dei tessuti a sostegno dei denti, ovvero gengive ed osso.

Si tratta, in particolare, di una infiammazione acuta e cronica che crea numerosi disturbi a chi la contrae, tra cui – appunto, la perdita dei denti, a causa del progressivo riassorbimento dell’osso e del tessuto gengivale da cui sono sostenuti.

Nel caso di Demi Moore, la piorrea è stata causata da un forte stress. È questa l’unica causa che porta a sviluppare questa fastidiosa condizione? La risposta è sicuramente negativa. Vediamo insieme le cause più comuni della piorrea.

demi moore: perde i denti

  • Componente ereditaria: non sono rari i casi in cui la predisposizione di tipo familiare sia alla base di questo disturbo. Insomma, se un parente stretto è affetto da piorrea è possibile sviluppare questa condizione. Attenzione: è possibile e non certo!
  • Placca e tartaro: placca e tartaro, si sa, sono i peggiori nemici della nostra salute dentale! Questi, infatti, vanno a creare degli interstizi tra denti e gengive, dove andranno a introdursi residui di cibo che, a lungo andare, permettono il prolificare di batteri dannosi per denti e gengive.
  • Tabagismo: i fumatori regolari hanno probabilità maggiore di sviluppare la piorrea. Non solo: in questi casi il decorso è generalmente più grave, presentandosi refrattario al trattamento.
  • Farmaci: i farmaci antiepilettici inducono, tra le controindicazioni, alla riduzione della salivazione: in questo caso il rischio di piorrea sale notevolmente!

Dolori alle gengive, alitosi, abbassamento e sanguinamento delle gengive, sensibilità al caldo e al freddo sono tra i sintomi più diffusi della piorrea. Nessuno di questi campanelli di allarme può e deve essere sottovalutato! Se non curata, la piorrea è una malattia degenerativa: la caduta dei denti, in questi casi, diventa assai più probabile.

Spesso, però, la piorrea ha decorso asintomatico, per cui la diagnosi deve essere effettuata mediante un controllo radiologico associato ad un sondaggio parodontale, con la verifica dello stato dell’osso e delle gengive del paziente che potrebbe esserne affetto.

3 rimedi naturali contro la piorrea

Anche la piorrea può essere trattata con rimedi naturali, soprattutto per rallentare il decorso della patologia stessa. Ovviamente, nessun rimedio naturale sostituisce i trattamenti medici ma, di certo, sono un ottimo alleato per la propria salute dentale!

Vediamo insieme tre rimedi natuali contro la piorrea:

  1. Malva
    Ricchi di mucillagini, i fiori e le foglie della malva sono un buon rimedio per proteggere le nostre gengive, grazie alle loro proprietà emollienti e antinfiammatorie. I principi attivi contenuti nella malva, infatti, agiscono rivestendo le muscose con uno strato vischioso che riesce a proteggere le gengive dagli agenti irritanti. L’effetto lenitivo e decongestionante è assicurato!
  2. Ratania
    I tannini presenti nella ratania hanno il “potere” di disinfettare e proteggere le gengive, bloccandone il sanguinamento. Oltre ad un’azione astringente e antinfiammatoria, la ratania vanta anche un’azione antibatterica e si presta in modo ottimale per sciacqui e gargarismi contro tutte le flogosi del cavo orofaringeo. Inoltre, se miscelata con del bicarbonato di sodio, pulisce a fondi i nostri denti… e addio carie!
  3. Olio essenziale di Melaleuca
    L’olio essenziale di Melaleuca è perfetto per la cura della piorrea… e non solo! Il suo utilizzo si consiglia anche in caso di placca dentale, afte e ascessi. Come utilizzarlo? In caso di anfiammazioni alle gengive, si consiglia di effettuare gargarismi e sciacqui con una soluzione di 20 gocce di olio essenziale diluite in mezzo bicchiere d’acqua. Inoltre, l’olio di Melaleuca si può utilizzare direttamente sullo spazzolino, versando 2 gocce nel dentifricio ogniqualvolta si effettua la quotidiana pulizia dei denti.

Avete mai provato a utilizzare questi rimedi naturali per prevenire la piorrea e le infiammazioni gengivali? Raccontateci la vostra esperienza!

Mostra commenti
Melanoma: come riconoscerlo
Melanoma: come riconoscerlo
Per ogni ora di corsa: si guadagnano 7 ore di vita in più!
Per ogni ora di corsa: si guadagnano 7 ore di vita in più!
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Cosa mangiare con l’influenza (e cosa no)
Cosa mangiare con l’influenza (e cosa no)
I partner ideali? Gli uomini bassi!
I partner ideali? Gli uomini bassi!
Precauzioni e rimedi contro i batteri in vacanza
Precauzioni e rimedi contro i batteri in vacanza
Cura e prevenzione nelle carceri: il progetto della Regione Lazio
Cura e prevenzione nelle carceri: il progetto della Regione Lazio