Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Risposte
  3. Antiaggregante Piastrinico

Una donna affetta da vasculopatia multinfartuale è costretta ad assumere un antiaggregante piastrinico?

Salve, ho 68 anni e sono ipertesa, sotto terapia antiipertensiva. Ho il colesterolo alto intorno ai 250, lieve ipertrofia ventricolare sinistra e stenosi sinistra con placca al 21%. A seguito di una risonanza magnetica, il referto dice: "modesta vasculopatia multinfartuale". Il neurologo mi ha consigliato di prendere Cardirene da 160 mg per 1 mese e poi passare al 100. Dopo 10 giorni di assunzione però, ho notato la comparsa di lividi come ematomi sulla pancia e sulle gambe, allora ho interrotto. Per il quadro clinico che ho, è necessaria una terapia aggregante o posso anche, alla luce degli effetti che ho avuto evitare di prendere l'antiaggregante piastrinico? Nel caso sia obbligatorio o consigliabile prenderlo, come dovrei comportarmi con le dosi? 160 mg evidentemente sono troppi, l'alternativa potrebbe essere 100 mg a giorni alterni? 75 mg ogni giorno? E' possibile usare altri farmaci come il Clopidogrel nel mio caso? La ringrazio.

Iniziamo col dire che, alla luce della risonanza magnetica (immagino cerebrale), l'uso degli antiaggreganti piastrinici per te è imperativo, per evitare altri episodi di infarto cerebrale che potrebbero ledere centri importanti quoad valetudinem.

L'unico problema è che probabilmente il dosaggio è eccessivo per te anche se normalmente è quello che si prescrive, per cui ti consiglierei innanzitutto di fare una serie di accertamenti ematochimici sui fattori della coagulazione (un ematologo ti prescriverà la batteria completa degli esami).

Laddove fosse documentata un'alterazione dei fattori della coagulazione, l'ematologo ti potrà consigliare il dosaggio a te più adatto; infatti, non credo che sia questione di tipo di molecola, quanto di dosaggio da modulare in questo caso sulla tua persona.

Naturalmente, anche l'assetto lipidico va tenuto sotto controllo, innanzitutto con una dieta adeguata e, se non basta, con una statina.

Hai trovato questa risposta utile?
Risposta a cura di:
Dr. Gianfranco Nassisi
Dr. Gianfranco Nassisi
(0)
Foggia - Viale Appennini, 71, Lucera
Altre risposte di questo specialista
Esame cardiologico: come si legge?
La situazione cardiaca, tutto sommato, non è molto seria: la cosa più importante è l'ipertrofia concentrica del ventricolo sinistro; anche l'insufficienza...
Ecocolordoppler: come si legge?
Considerata l'età, il quadro vascolare può considerarsi pressochè normale. Non dici se c'è diabete e quali sono i valori di colesterolo, nè se...
Dilatazione aortica: quando diventa preoccupante?
In realtà, un aumento di 4 mm dell'aorta ascendente in un anno è un dato da non sottovalutare: probabilmente, anche l'attività fisica di tipo isometrico...
Coumadin: si può fare un tatuaggio?
Tieni presente che l'azione del Coumadin è quella di evitare il formarsi di coaguli di sangue, sia che siano patologici (come quelli che...
Diabete: potrebbe migliorare in seguito ad un intervento al cuore?
Gli autori americani sono soliti dire che il diabete è una malattia cardiovascolare, nel senso che, presto o tardi, i diabetici vanno incontro...
Vedi tutte

Risposte simili

Valvola mitralica: cos'è?
La valvola mitralica è la valvola del cuore che permette al sangue, ricco di ossigeno dell'atrio sinistro proveniente dai polmoni, di entrare nel...
Disturbi alla valvola mitralica: quali sono le cause?
I disturbi alla valvola mitralica possono essere dovuti a cause congenite, ma più spesso sono dovuti a degenerazione. Un tempo la...
Intervento di sostituzione della valvola mitrale: è sempre necessario?
La valvola mitrale (o mitralica) può essere "riparata" con un intervento chirurgico, ma quando questo non fosse possibile è necessaria la sostituzione della stessa con...