Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Risposte
  3. Diplopia Lenti Prismatiche

Le lenti prismatiche per la diplopia sono utili?

Sono un ragazzo di 24 anni, soffro di una forma di diplopia da circa 2 anni e mezzo. Vedo doppio praticamente in tutte le direzioni (sx, dx, alto, alto a sx, alto a dx, basso, basso a sx, basso a dx) tranne in quella primaria, quindi non ho grossi impedimenti nello svolgere le normali azioni della vita quotidiana (es. Guidare, sport senza particolari fatiche), a parte nella lettura in cui magari assumo anche posizioni scomode e nel ruotare lo sguardo le lettere si sdoppiano. Il problema sembra sorto in maniera graduale, ovvero, dapprima ad esempio quando mantenevo lo sguardo nelle direzioni estreme laterali, avvertivo come dei "capogiri" (immagini movimentate), instabilità... Solo dopo mesi mi sono accorto della diplopia. La sdoppiamento è in senso orizzontale (due immagini affiancate), però ad esempio nell'estremo sguardo in alto è anche "obliqua". Ho fatto delle normali visite oculistiche ed ortottiche in cui non è emerso niente di che, a parte un'insufficienza di convergenza (anche se comunque questa diplopia si manifesta anche a 100 m di distanza), e ricordo che l'ortottista mi parlava di "scompenso" e cose simili. Non ricordo esattamente le terminologie. Mi aveva prescritto delle lenti prismatiche che comunque non avrebbero risolto la diplopia nelle direzioni in cui l'avverto, quindi ho lasciato stare e adesso sono in attesa della visita neurologica. Ho eseguito gli esami del sangue di routine prescritti dal medico di base, nella norma a parte una leggera piastrinopenia (130 o 135 mila). Purtroppo, non so se ho fatto male, ma dentro di me ho pensato che questo tipo di problema non richiedeva interventi immediati e non l'ho preso forse in tempo. Probabilmente anche perchè il medico curante non ha ritenuto necessario prescrivermi accertamenti immediati. Chiedo dei pareri su questa situazione.

Gentile paziente, nel tuo caso ritengo sia necessaria la visita neurologica per giungere ad una diagnosi del tuo problema, di più onestamente non si può dire. Comunque da quanto scrivi una correzione prismatica difficilmente potrebbe essere utile, dal momento che la diplopia si manifesta in tutte le posizioni di sguardo.
Hai trovato questa risposta utile?
Risposta a cura di:
Dr. Giovanni Amerio
Dr. Giovanni Amerio
(0)
Torino - Corso Torino, 9
Altre risposte di questo specialista
Distacco posteriore del vitreo od: quali sono i tempi di recupero?
Buongiorno. È importante che in seguito al trauma tu abbia fatto un accurato controllo del fondo oculare con le gocce che dilatano la pupilla. ...
Distacco del vitreo: cosa fare?
Buongiorno. Se la visione si è ridotta a causa della cataratta, anche in presenza di un distacco del vitreo e di microfori trattati, è senz'altro consigliabile...
Herpes oculare: che fare?
Buongiorno. E' senz'altro necessaria una valutazione oculistica accurata, dal momento che l'herpes oculare può recidivare o dare cheratiti metaerpetiche, ossia infiammazioni della cornea di natura...
Operazione alla cataratta: dopo quanto tempo si ricomincia a vedere?
Il recupero visivo dopo un intervento per cataratta è solitamente rapido (qualche giorno). Esistono però casi in cui, per problemi dovuti...
Laser argon: di cosa si tratta?
Gentile paziente, il trattamento laser negli esiti di una trombosi venosa retinica ha essenzialmente due scopi: scongiurare l'insorgenza di una temibile complicanza quale il glaucoma...
Vedi tutte
Risposte simili
Occhio pigro: cos'è?
L'occhio pigro è un disturbo visivo tipico dell'infanzia. Il bimbo usa maggiormente l'occhio che gli fornisce la visione migliore, penalizzando quello più debole (
Lesione retinica: è grave?
Comprendo la tua preoccupazione. La retina è la parte “nobile” dell`occhio. Per farti capire meglio le mie parole, potrebbe essere paragonata ad una pellicola fotografica...
Cisti sulla palpebra: come si rimuove?
Ti spiego brevemente quali sono i tipi di cisti di cui parli.Le cisti palpebrali sono generalmente 3:gli orzaioli, che colpiscono il bordo palpebrale...