Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Risposte
  3. Dolore Retto

Cosa fare in caso di dolore acuto al retto?

Ultimamente, mi capita di avvertire un dolore acuto al retto, come se fossero delle fitte che si estendono anche alle parti intime. Cosa posso fare per alleviare questa sensazione? Esiste qualche pomata?

Le pomate e altri farmaci ad azione locale, detti topici, generalmente sono utili solo ai farmacisti dal punto di vista puramente economico, mentre risultano pressochè inefficaci, inutili e, a volte, anche controproducenti, con possibili reazioni cutanee da allergia o superinfezione.

Il dolore non è una malattia, ma un sintomo che dipende da qualche causa che deve necessariamente essere individuata prima di poter pensare ad una cura. Il dolore pelvico, acuto o cronico, può rispondere a molteplici cause che vanno individuate e precisate cosa, spesso, molto difficile.

Ad esempio, una proctalgia fugax o una nevralgia dei pudendi è diagnosi appannaggio di veri esperti e, anche nelle mani di questi, presenta una difficile gestione e, molte volte, delle sconfitte cliniche, con insoddisfazione sia del medico che del paziente.

Ti consiglio di affidarti ad un esperto proctologo o, meglio ancora, ad un “perineologo”. 

Saluti
Hai trovato questa risposta utile?
Risposta a cura di:
Dr. Nando Gallese
Dr. Nando Gallese
Medio Campidano - Viale Rinascita,12
Risposte simili
Edema periscrotale: qual è la causa?
Le cause possono essere molteplici: traumi, infezioni cutanee o degli organi contenuti, parassitosi, allergie, ernie strozzate o sofferenti, varicocele...
Dolori alle gambe e colonscopia: può esserci un legame?
Non esiste una sicura relazione diretta tra le due cose; indirettamente, la colonscopia potrebbe aver sollecitato, per la posizione assunta sul lettino o per...
Doppio polipo peduncolare del sigma: cosa significa?
Buongiorno, nel sigma, che è l'ultimo tratto del grosso intestino prima del retto, son presenti 2 escrescenze (polipi), del diametro di 2,5 cm, provviste di...
Altre risposte di questo specialista
Validità del metodo thd: ci sono evidenze?
Buongiorno,THD non è un metodo contro l'incontinenza fecale, bensì di dearterializzazione e mucopessia per la correzione del sanguinamento legato al prolasso mucoemorroidario. Risulta...
Prisma: qual è la posologia corretta in caso di emorroidi?
Buongiorno,non esiste un razionale di terapia con il principio attivo del Prisma relativamente alla malattia emorroidaria con cui si usa indicare un'ampia varietà di...
Asportazione della cistifellea: può causare diarrea?
Buongiorno,anche se a tua moglie è stata asportata la colecisti, non è detto che i disturbi addominali riferiti ne possano essere diretta conseguenza. Aveva...
Giunzione visualizzata esocervicale condilomatosi: cos'è?
Buongiorno,la diagnosi riportata non è molto precisa: o è frutto di un referto copia-incolla riuscito male oppure è la trascrizione un tantino confusa. In ogni...
Emorroidi esterne: che fare?
Buongiorno,le emorroidi esterne non esistono o, perlomeno, non sono una malattia; i plessi emorroidari interni possono prolassare all'esterno, ma non per questo diventano esterni.La teoria...
Vedi tutte