Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Risposte
  3. Grumi Sperma

Cosa fare in caso di grumi nello sperma?

Sono un ragazzo di 39 anni. Da diversi mesi, per non dire ormai un anno, soffro di un disturbo che si presenta con della secrezione, uguale al gel, giallatra a fine minzione. Diciamo che se aiuto la fuoriuscita del liquido, esce anche questo gel e alcune volte mi fa bruciare il condotto interno e anche la punta dove fuoriesce l'urina. Il disturbo va e viene e si manifesta nel pomeriggio / sera, mai di prima mattina. Questo influisce anche durante i rapporti sessuali perché durante l'eiaculazione insieme allo sperma fuoriescono anche questi grumi giallastri e sono davvero parecchi, sembrano piccolo vermicelli di gel, alcune volte con dolore. Quando lo sperma diventa liquido, i grumi di gel rimangono come se non volessero sciogliersi. Solo dopo un ora sembrano sciogliersi. Se ho una attività sessuale giornaliera sembra che il disturbo diminuisca oppure sembra che eiaculando piu' spesso riesco a pulire il condotto uretrale. In tutte le secrezioni sembra che non ci sia mai presenza di sangue. Ho eseguito un sacco di esami tra cui psa, tampone uretrale, ecografia prostata, test di stamney, con massaggio prostatico e la ricerca di qualsiasi virus tra cui la clamidia e ecobatter ma niente. Mi hanno visitato in tanti urologi e andrologi ma non riescono a capire che cosa possa essere. Tutti sono conviniti che non si tratti di una infiammazione batterica perché con tutti gli esami colturali etc doveva venire fuori per forza qualcosa. Quindi si tratta solamente di una infiammazione al condotto uretrale secondo me oppure alla vescica che si ripercuote sull'uretra ma non si riesce a capire che cosa possa essere. Non so più cosa fare, cosa mi consigliate? Premetto che non bevo, non fumo e cerco di fare una vita sana con un'alimentazione equilibrata. Ho una partner fissa da 10 anni e una vita sessuale normale. Non so più come fare, ormai la cosa è cronica. Che esami mi consigliate?

Una infiammazione di origine non batterica. Utile completare il quadro diagnostico con uroflussometria ed ecografia vescicale e prostatica sovrapubica per valutare il residuo post minzionale.
Hai trovato questa risposta utile?
Risposta a cura di:
Dr. Andrea Militello
Dr. Andrea Militello
L'Aquila - Via Trieste, Carsoli, AQ, Italia
Altre risposte di questo specialista
Testicolo gonfio e duro: quali le cause?
Buongiorno. Il testicolo gonfio e duro potrebbe anche far pensate a una modesta epididimite, di riflesso ad una condizione di flogosi vescicale e...
Rapporto anale: può trasmettere virus intestinali?
Da quello che mi descrivi, potresti aver contratto una infezione da Escherichia coli. Esegui una spermiocoltura. Saluti.
Minzione frequente: quali sono le cause?
Potrebbe anche trattarsi di uretrite su base infiammatoria e non infettiva. Persisterei con la cura intrapresa, introducendo anche un immunomodulante.
Malattia di la peyronie: come si cura?
In qualità di Andrologo ( e sulla base della sola mia esperienza, quindi non in maniera assoluta) non penso tu possa trarne giovamento. ...
Testicolo gonfio e bruciore al pene: quali sono le cause?
Buongiorno, l'aumento di volume potrebbe essere dato dalla presenza di un idrocele e di una cisti dell'epididimo. Nel...
Vedi tutte
Risposte simili
Esame della prostata: come avviene?
L'esplorazione della prostata da parte del medico con l'esame digito-rettale è piuttosto semplice, non eccessivamente invasiva e caratterizzata da un'elevata attendibilità. Per sottoporsi...
Sì, purchè non si assumano in contemporanea determinati farmaci ossia i nitroderivati, per questo è importante parlarne con il medico e non prendere iniziative personali....
Prostatite: quali esami fare per la diagnosi?
La prostata è una piccola ghiandola situata sotto la vescica e anteriormente alla parete anteriore dell’intestino retto (questa la ragione per cui è palpabile con...