Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Risposte
  3. Piaghetta Utero

Si può avere un rapporto sessuale con una piaghetta al collo dell'utero?

Sono una donna di 30 anni e da qualche mese ho un problema che mi causa forti disturbi (più psicologici che fisici). Mi è stata riscontrata una piaghetta al collo dell'utero. La mia ginecologa mi ha subito consigliato di usare degli ovuli cicatrizzanti (la sera) e una lavanda a base di acido ialuronico (Gymnastin) (la mattina) per favorire la cicatrizzazione. Tutto questo per 10 giorni dopo il ciclo e per i successivi 3 mesi. Prendo inoltre la pillola. Le cause di questa piaghetta, probabilmente, sono dovute ad un rapporto sessuale più violento del solito avuto qualche mese fa. Ad oggi, però, pur non avendo particolari fastidi nella mia quotidianità, non riesco ad avere un rapporto sessuale senza che dopo e durante la penetrazione non mi fuoriesca del sangue (abbastanza, e di colore rosso vivo). Che fare? Continuare la terapia? Evitare di avere rapporti? Temo che se trascuro la cosa e continuo ad avere anche rapporti la cicatrizzazione non avvenga. Devono passare alcuni mesi prima di avere una vita sessuale normale?

Buongiorno,
non mi dici se sei stata sottoposta ad un pap test: è l'informazione che ci fa decidere sul tipo di terapia da fare.

Se il pap test è negativo, tieni presente che "la piaghetta" è una delle cose più banali che ci siano. Controlla in che fase del ciclo ci sono state le perdite.

Se il disturbo post rapporti continua, si può fare una "bruciatura", la diatermocoagulazione della bocca dell'utero, che non è assolutamente dolorosa.

Se il pap-test dimostrasse presenza di virus, vi è indicazione a biopsia e poi, eventualmente trattamento con laserterapia.

Cordiali saluti 
Hai trovato questa risposta utile?
Risposta a cura di:
Redazione Pazienti
Redazione Pazienti
Milano
Altre risposte di questo specialista
Fase luteale: è sempre seguita da una mestruazione?
Alla fase luteinica, segue la mestruazione, sempre che vi sia stata sufficiente presenza di estrogeni (estradiolo) in una prima fase del ciclo:...
Polipo endometriale: quale esame di controllo effettuare?
È assolutamente consigliabile fermarsi ad un'ecografia transvaginale: tieni presente che un'isteroscopia è pur sempre un intervento invasivo.Solo un'anomalia rilevabile con l'ecografia transvaginale o...
Isteroscopia di controllo: quando è necessario effettuarla?
Non vedo proprio perchè debba fare un'isteroscopia di controllo. L'isteroscopia, anche se solo diagnostica, è pur sempre un intervento invasivo, a maggior ragione in...
Zoloft: si può assumere in gravidanza?
Non vi sono assolutamente studi che mettano in evidenza possibili danni al feto da assunzione di Zoloft in gravidanza. Tieni presente...
Iperplasia nodulare: ci si può sottoporre a fivet?
L'iperplasia nodulare è un'affezione congenita benigna, che non degenera in forme maligne, ma può tendere ad ingrandirsi, sino a creare problemi epatici da compressione. Negli...
Vedi tutte
Risposte simili
Isteroscopia diagnostica: che cos'è?
L'isteroscopia è un esame endoscopico che permette di osservare la cavità uterina tramite una sonda ottica: un piccolo telescopio collegato ad un monitor...
Ipertiroidismo in gravidanza: come gestirlo?
L'ipertiroidismo in gravidanza può essere controllato senza rischi per il feto, purché sotto controllo di un endocrinologo esperto. Nel 1°...
Irsutismo: di cosa si tratta?
Per irsutismo, si intende una condizione caratterizzata dall’anomala presenza di peluria terminale (grossa, ruvida e pigmentata che prima della pubertà è presente solo a livello...