Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Malattie
  4. Anello Di Schatzki

Anello di Schatzki

Anello di Schatzki
Curatore scientifico
Dr. Antonio Iannetti
Specialità del contenuto
Gastroenterologia

Cos’è l’anello Schatzki

L’anello di  chatzki è un restringimento dell'esofago distale, che può causare difficoltà alla deglutizione (disfagia). Il restringimento è causato da un anello di mucosa, divenuta fibrosa ed anelastica, per il continuo insulto, dovuto al reflusso di materiale dallo stomaco.

Raramente l’anello è formato da tessuto muscolare iperplasico.

Un’ulteriore suddivisione è quella determinata dalla posizione: al di sopra della giunzione esofago-gastrica o in corrispondenza della giunzione squamo-colonnare dell'esofago distale.

I pazienti con anello di Schatzki possono sviluppare difficoltà di deglutizione, inizialmente intermittente, e poi più continua ed ingravescente, fino ad un esofago completamente stenotico. L'anello prende il nome dal medico tedesco-americano Richard Schatzki.

È una stenosi benigna della parte bassa dell'esofago (il tubo alimentare che collega la bocca allo stomaco). Questo anello si forma appena sopra la giunzione dell'esofago con lo stomaco, è molto comune e si verifica in più del 6% della popolazione. È un riscontro frequente in corso di gastroscopia.

Un anello di Schatzki, molti anni fa, è stato descritto come un anello liscio, benigno, dalla circonferenza inerente il tessuto della parte bassa dell'esofago (il tubo alimentare che collega la bocca allo stomaco). Questo anello si forma appena sopra la giunzione dell'esofago con lo stomaco, è molto comune e si verifica in più del 6% della popolazione.

La causa della formazione di questo anello non è chiaramente compresa, mentre alcuni medici ritengono che la sua formazione è data da reflusso acido dello stomaco presente da anni.

Sintomi dell’anello di Schatzki

La maggior parte di questi anelli non causa sintomi e i pazienti non sono nemmeno coscienti della loro presenza. Quando l’apertura dell’esofago si rimpicciolisce a causa della diminuzione del diametro dell’anello di Schatzki, si può notare che il cibo mal masticato e più solido, (come una bistecca, del tacchino o delle salsicce), vengono accumulati a livello dell’anello.

Questo avviene quando il diametro raggiunge circa 1 cm. Il paziente quindi avverte un dolore al petto o una sensazione persistente al petto quando si deglutisce (chiamata disfagia). Se questo cibo riesce ad entrare nello stomaco, i sintomi spariscono velocemente ed il paziente può ricominciare a mangiare. Se il cibo invece non passa nello stomaco, alcuni pazienti devono indurre il rigurgito del cibo mettendosi un dito in gola, prima di poter ricominciare a mangiare. 

Questa ultima eventualità accade molto raramente. Questi pazienti hanno dolori continui al petto e difficoltà nella deglutizione della saliva. Per alleviare l’ostruzione ed estrarre il cibo, è possibile inserire un endoscopio flessibile attraverso la bocca nell’esofago. 

Cause dell’anello di Schatzki

La causa della formazione di questo anello non è chiaramente compresa, mentre alcuni medici ritengono che la sua formazione è data da reflusso acido dello stomaco presente da anni.

Diagnosi dell’anello di Schatzki

La diagnosi può essere eseguita solitamente tramite radiografia all’esofago con il bario come mezzo di contrasto, nonostante ciò è possibile che in alcuni casi l’anello non venga visto. Nei pazienti con sintomi di disfagia, il medico solitamente ordina anche un esame endoscopico, poiché quest’ultimo è il metodo migliore per diagnosticare l’anello di Schatzki.

Durante l’endoscopia, un tubo flessibile viene inserito nell’esofago tramite la bocca. In questo modo è possibile direttamente osservare la parete esofagea e dello stomaco. Questo esame permette di escludere il cancro, l’esofagite, e l’esofago di Barrett. 

Cure per l’anello di Schatzki

La gestione dell’anello di Schatzki comprende alcune procedure che allungano o rompono queste strutture, permettendo così un passaggio più agevole del cibo solito. Queste operazioni possono essere completate tramite endoscopio o dilatatori inseriti tramite bocca, o ancora tramite palloncini che vengono inseriti e gonfiati quando posti in prossimità dell’anello. Raramente si ricorre alla chirurgia per gestire questo problema.

Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Diarrea
La diarrea è un disturbo dell'intestino consistente nell’aumento della frequenza giornaliera dell’evacuazione.
Ernia
Un'ernia si verifica quando gli organi interni spingono verso l'esterno, su parete muscolare e tessuti, producendo il caratteristico rigo...
Nausea
La nausea indica una sensazione di malessere a livello dello stomaco, può essere acuta, di breve durata o prolungata. Spesso anticipa l'e...