Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Malattie
  4. Cistoadenocarcinoma

Cistoadenocarcinoma (neoplasie ovariche)

Cistoadenocarcinoma (neoplasie ovariche)
Curatore scientifico
Dr. Carlo Pastore
Specialità del contenuto
Ginecologia Oncologia

Che cos'è un cistoadenocarcinoma?

Le neoplasie dell’ovaio (cancro ovarico) rappresentano un nemico assai insidioso e subdolo da combattere. Il cistoadenocarcinoma sieroso è la forma istologicamente più rappresentata.

Spesso danno segno di se tardivamente ed anche in fase precoce tendono alla disseminazione (soprattutto peritoneale). Tale tumore metastatizza prevalentemente in sede epatica, polmonare, linfonodale, peritoneale.

Quali sono i tipi di cistoadenocarcinoma esistenti?

Esistono due tipi di cistoadenocarcinoma:

  • cistadenocarcinoma sierosa
  • cistadenocarcinoma mucinoso
Quali sono le caratteristiche del cistadenocarcinoma sierosa?

Il cistadenocarcinoma sierosa è un tipo di cistoadenocarcinoma la cui superficie è comunemente coperta da crescite anomale con proiezioni vascolari chiamate escrescenze papillari. Tende ad avere un centro fibroso ed è riempito con un fluido trasparente sottile.

Quali sono le caratteristiche del cistadenocarcinoma mucinoso?

Il cistadenocarcinoma mucinoso è un tipo di cistadenocarcinoma semi solido molto diffuso anche nelle ovaie. Molte volte, questa cisti si rompe per rivelare un nido di tumori aggiuntivi ed è riempito con un fluido giallo gelatinoso.

Come viene diagnosticato un cistoadenocarcinoma?

Un cistoadenocarcinoma viene diagnosticato dallo specialista attraverso la palpazione e vari tipi di ultrasuoni.

Quali sono le cause di un cistoadenocarcinoma?

Le cause più comuni di cistoadenocarcinoma sono:

  • squilibrio ormonale
  • sistema immunitario debole
  • assunzione di alcuni farmaci
  • prodotti nocivi

Come viene trattato un cistoadenocarcinoma?

La resezione chirurgica ove possibile rappresenta un baluardo imprescindibile, anche dopo chemioterapia neoadiuvante. Infatti le neoplasie ovariche rispondono molto bene (in genere ed in principio) ai trattamenti chemioterapici, salvo poi riprendere la loro marcia se non è possibile una chirurgia radicale.

Quando non è presente versamento ascitico massivo è possibile abbinare, in qualità di coadiuvante sinergico rispetto a chemioterapia, un trattamento con ipertermia nell’intento di abbattere ulteriormente la quota di cellule maligne.

Una nuova frontiera nel trattamento di queste neoplasie è la chemioipertermia intraperitoneale con peritonectomia quando vi sia un avanzamento solo addominale. Il gold standard per quanto riguarda la chemioterapia è rappresentato dai derivati del platino (cisplatino o carboplatino) in combinazione con paclitaxel.

Anche altri farmaci risultano piuttosto efficaci in seconda linea come il topotecan, il docetaxel, le antracicline (epirubicina, doxorubicina ed i loro derivati liposomiali), la gemcitabina, la ciclofosfamide, il melphalan.

La radioterapia trova indicazione nelle lesioni metastatiche dolorose a scopo antalgico. Promettente risulta l’impiego di bevacizumab (modulatore della vascolarizzazione nel tumore) in queste neoplasie e, quando presente mutazione BRCA, l’olaparib.

Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Polipo endometriale
Il polipo endometriale è una malattia che colpisce l'utero; un polipo può essere benigno o maligno.
Micoplasma
I micoplasmi sono le più piccole forme batteriche in grado di vita autonoma. Sono batteri ubiquitari che vivono sia come saprofiti sia co...
Polipo Cervicale
I Polipi Cervicali (o Polipi della Cervice) sono neoformazioni tumorali benigne, che si originano dall'epitelio della cervice uterina. Si...