Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Malattie
  4. Commozione Cerebrale

Commozione cerebrale

Commozione cerebrale
Curatore scientifico
Dr. Leila Turnava
Specialità del contenuto
Neurologia

Che cos'è una commozione cerebrale?

Una commozione cerebrale è un danno cerebrale traumatico che influenza la funzione cerebrale. Gli effetti sono generalmente temporanei, ma possono includere mal di testa e problemi di concentrazione, memoria, equilibrio e coordinazione.

Le commozioni cerebrali sono solitamente causate da un colpo alla testa. Alcune botte in testa causano la perdita di coscienza. 

Sono particolarmente comuni quando si gioca uno sport di contatto, come il calcio. La maggior parte delle persone di solito recupera completamente.

Quali sono i sintomi di una commozione cerebrale?

I segni e i sintomi di una commozione cerebrale possono essere lievi e potrebbero non apparire immediatamente, possono durare per giorni, settimane o più a lungo.

I sintomi comuni dopo una lesione cerebrale traumatica concussiva sono:

  • mal di testa
  • perdita della memoria (amnesia, di solito implica dimenticare l'evento che ha causato il trauma cranico commotivo)
  • confusione
  • cefalea o sensazione di pressione nella testa
  • perdita temporanea della coscienza
  • vertigini 
  • fischio nelle orecchie
  • nausea
  • vomito
  • biascicamento
  • ritardata risposta alle domande
  • fatica

Alcuni sintomi possono comparire dopo giorni dalla lesione, come ad esempio:

  • deconcentrazione e richiamo della memoria
  • irritabilità e altri cambiamenti della personalità
  • sensibilità alla luce e al rumore
  • disturbi del sonno
  • problemi di regolazione dell’umore
  • disturbi del gusto e dell'odore

Quali sono i sintomi nei bambini?

Il trauma alla testa è molto comune nei bambini piccoli, ma le commozioni cerebrali possono essere difficili da riconoscere nei neonati e nei bambini perché non possono descrivere come si sentono. I sintomi possono includere:

  • fatica
  • irritabilità e capricci
  • perdita dell'equilibrio e camminata instabile
  • piangere eccessivamente
  • cambiamenti nelle abitudini alimentari o nel dormire
  • mancanza di interesse nei giocattoli preferiti

Quando farsi visitare da un medico?

Cercare la cura di emergenza per un adulto o un bambino che sperimenta una lesione alla testa e dimostra sintomi quali:

  • vomito ripetuto
  • perdita di coscienza che dura più di 30 secondi
  • mal di testa che peggiora nel tempo
  • cambiamenti nel comportamento, come irritabilità
  • cambiamenti nel coordinamento fisico, come inciampare o goffaggine
  • confusione o disorientamento, come difficoltà a riconoscere persone o luoghi
  • discorso sconclusionato

Altri sintomi includono:

  • convulsioni
  • disturbi alla vista, come pupille dilatate o di dimensioni ineguali
  • vertigini permanenti o ricorrenti
  • evidente difficoltà con la funzione mentale o il coordinamento fisico
  • sintomi che peggiorano nel tempo
  • grandi ematomi in testa o lividi su aree diverse dalla fronte nei bambini, specialmente nei neonati di età inferiore ai 12 mesi

Quali sono le cause di una commozione cerebrale?

Il cervello ha la consistenza della gelatina. È ammortizzato da scosse e urti quotidiani dal fluido cerebrospinale all'interno del cranio.
Un colpo violento alla testa, al collo o al corpo superiore può causare lo scivolamento del cervello avanti e indietro con forza contro le pareti interne del cranio.

Queste lesioni influiscono sulla funzione del cervello, di solito per un breve periodo, causando segni e sintomi di commozione cerebrale. Questo tipo di lesione cerebrale può condurre a sanguinamento all'interno o intorno al cervello ovvero ad un’emorragia interna, causando sintomi come sonnolenza prolungata e confusione. Questi sintomi possono svilupparsi immediatamente o in seguito.
Tale sanguinamento nel cervello può essere fatale. Ecco perché chiunque sperimenti una lesione cerebrale ha bisogno di essere monitorato nelle ore successive.

Chi è maggiormente colpito da commozione cerebrale?

Le attività e i fattori che possono aumentare il rischio di un concussione includono:

  • caduta, soprattutto nei bambini piccoli e negli adulti più anziani
  • partecipare ad uno sport ad alto rischio, come calcio, hockey, rugby, boxe o altri sport di contatto
  • partecipare a sport ad alto rischio senza adeguate attrezzature di sicurezza 
  • essere coinvolti in una collisione di veicoli a motore
  • essere coinvolti in un incidente pedonale o in bicicletta
  • essere un soldato coinvolto nel combattimento
  • essere vittima di abusi fisici

Quali rischi può comportare una commozione cerebrale?

Le complicazioni della commozione cerebrale includono:

  • Emicrania post-traumatica. Alcune persone soffrono di mal di testa entro una settimana dopo una lesione cerebrale.
  • Vertigini post-traumatiche. Alcune persone sperimentano un senso di vertigini per giorni, settimane o mesi dopo una lesione cerebrale.
  • Sindrome da post-commozione. Alcune persone hanno sintomi, come mal di testa, vertigini e difficoltà di pensiero, pochi giorni dopo una concussione. I sintomi possono continuare per settimane o mesi.
  • Effetti cumulativi di lesioni cerebrali multiple. È possibile che alcune persone che hanno avuto una o più lesioni cerebrali traumatiche nel corso della loro vita siano a maggior rischio di sviluppare una duratura, eventualmente progressiva, disfunzione che limita la funzione.
  • Sindrome da secondo impatto. Sperimentare una seconda commozione cerebrale senza che i segni e sintomi di una prima scossa si siano risolti, può provocare un rapido e di solito fatale gonfiore del cervello.

Come si può prevenire una commozione cerebrale?

Alcuni consigli che possono aiutare a prevenire o minimizzare il rischio di lesioni alla testa includono:

  • Indossare equipaggiamento protettivo durante lo sport e altre attività ricreative. Assicurarsi che l'apparecchiatura si adatti correttamente, sia ben mantenuta e usata correttamente. In bicicletta, motociclismo, snowboard o nello svolgimento di attività ricreative che possono provocare lesioni alla testa, indossare caschi protettivi. 
  • Infilare la cintura di sicurezza. Può prevenire gravi lesioni, tra cui lesioni alla testa, durante un incidente stradale.
  • Rendere la casa sicura. Mantenere la casa ben illuminata e i pavimenti esenti da qualsiasi cosa che potrebbe causare una caduta.
  • Esercitarsi regolarmente, per rafforzare i muscoli delle gambe e migliorare l’equilibrio.

Come si diagnostica?

Il medico valuta i segni e i sintomi, esamina la storia medica ed esegue un esame neurologico. I segni e i sintomi di un intorpidimento potrebbero non apparire fino a ore o giorni dopo l'infortunio.

Test che il medico potrebbe eseguire o raccomandare includono:

  • Esame neurologico: dopo che il medico pone domande dettagliate sulla lesione, può eseguire un esame neurologico. Questa valutazione include il controllo della vista, dell’udito, della forza, dell’equilibrio, della coordinazione, dei riflessi.
  • Test cognitivi: il medico può effettuare diversi test per valutare le proprie capacità di pensiero (cognitive) durante un esame neurologico. I test possono valutare diversi fattori, tra cui: memoria, concentrazione, capacità di richiamare informazioni.
  • Esami di imaging: l'imaging del cervello può essere suggerita per alcune persone con sintomi quali gravi mal di testa, convulsioni, ripetuti vomiti o sintomi che stanno peggiorando. L'imaging del cervello può determinare se il danno è grave e ha causato sanguinamento o gonfiore nel cranio. Una tomografia computerizzata cranica è la prova standard per valutare il cervello subito dopo una lesione. La risonanza magnetica può essere utilizzata per identificare i cambiamenti nel cervello o per diagnosticare le complicazioni che possono verificarsi dopo un intorpidimento.

Qual è il trattamento per la commozione cerebrale?

Il trattamento della commozione cerebrale ha lo scopo di alleviare i sintomi dolorosi. I medici possono prescrivere analgesici topici, antidepressivi, corticosteroidi e oppioidi per alleviare il dolore. Altri trattamenti possono includere:

  • terapia fisica
  • blocco del nervo simpatico
  • stimolazione del midollo spinale
  • pompe per la somministrazione intratecale di oppioidi e anestetici locali attraverso il midollo spinale

Il riposo è il modo più appropriato per consentire al cervello di recuperare da un concussione. Il medico consiglia di riposare fisicamente e mentalmente per recuperare al massimo.

Ciò significa evitare attività che aumentano qualsiasi sintomo, come esercizio fisico generale, sport o movimenti vigorosi, finché queste attività non provocano più i sintomi.

Questo riposo include anche attività limitative che richiedono il pensiero e la concentrazione mentale, come giocare ai videogiochi, la visione della TV, l'istruzione scolastica, la lettura, la scrittura o l'utilizzo di un computer, se queste attività attivano o peggiorano i sintomi.
Mentre i sintomi migliorano, si possono gradualmente aggiungere altre attività che comportino il pensiero.

A volte, è permesso fare attività fisica leggera, come jogging leggero, prima che i sintomi siano completamente spariti.

Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Cefalea
La cefalea è una tipologia di mal di testa e può essere di due generi, primaria e secondaria. 
Disartria
La disartria è un disordine della parola. Deriva da una alterazione dei movimenti dei muscoli che permettono di parlare correttamente, tr...
Insonnia
L'insonnia è la percezione di un sonno insufficiente o di scarsa qualità.