Edema polmonare

Contenuto di:
Curatore scientifico: Dr. Carlo Iadevaia, Medico Chirurgo
Indice contenuto:
  1. Che cosa è l'edema polmonare?
  2. Quali sono le cause di un edema polmonare?
  3. Edema polmonare: sintomi
  4. Quando cercare assistenza medica?
  5. Come viene diagnosticato un edema polmonare?
  6. Qual è il trattamento per l'edema polmonare?
  7. Quali sono le complicazioni?

Che cosa è l'edema polmonare?

L'edema polmonare, è un accumulo di liquidi nelle regioni interstiziali e alveolari del polmone

Nella maggior parte dei casi, i problemi cardiaci possono causare un edema polmonare cosi definito cardiogeno.

Il trattamento per l'edema polmonare può variare in base alle cause che lo hanno provocato, rimane comunque come terapia cardine l’ossigenoterapia.

Quali sono le cause di un edema polmonare?

Le cause più comuni che possono provare l'edema polmonare sono:

  • Cause cardiogene (edema polmonare cardiogeno)

La comparsa o aggravamento di una'insufficienza cardiaca a nhe detta scompenso cardiaco è  spesso il primum movens del’ edema polmonare cardiogeno .Lo scompenso cardiaco( acuto o cronico) è  una condizione per cui il cuore non riesce da solo a svolgere la sua funzione principale di pompa del sangue e può essere casuato da

L'edema polmonare non cardiogeno può essere comunemente causato da:

  • sindrome da distress respiratorio acuto (ARDS )
  • insufficienza renale
  • Scompenso epatico
  • infezione virale
  • trauma polmonare
  • esposizione a tossine
  • alte altitudini
  • patologie del sistema nervoso
  • reazione avversa a farmaci o droghe

L'insufficienza renale e l'incapacità del rene di svolgere la sua azione di filtro di sostanze tossiche e produzione di urina.Nelle persone con malattia renale in fase avanzata, la dialisi può essere necessaria per rimuovere il liquido in eccesso nel corpo.

Anche un trauma cerebrale, un sanguinamento nel cervello (emorragia intracranica), convulsioni gravi, o un intervento chirurgico al cervello a volte possono causare accumulo di liquido nei polmoni, provocando edema polmonare neurogeno.

Un polmone in rapida espansione a volte può causare riespansione ed edema polmonare. Ciò può accadere nei casi in cui il crollo del polmone (pneumotorace) o una grande quantità di liquido intorno al polmone (versamento pleurico) viene rimosso, con conseguente rapida espansione del polmone.

Altre  di edema polmonare cardiogeno possono includere l'embolia polmonare (coaguli di sangue che si è recato ai polmoni), trasfusione o danno polmonare acuto (TRALI), alcune infezioni virali o eclampsia nelle donne in gravidanza.

Edema polmonare: sintomi

Il sintomo più comune dell’ edema polmonare è dato dalla mancanza di respiro o affanno, questo può essere di esordio graduale se il processo si sviluppa lentamente, oppure può avere un esordio improvviso nel caso di edema polmonare acuto. Altri sintomi comuni possono includere:

 Sintomi comuni per l'edema polmonare:

  • A riposo, mancanza estrema di respiro o difficoltà di respirazione (dispnea-ortopnea)
  • Dispnea da sforzo
  • sensazione di soffocamento
  • tosse che produce espettorato schiumoso e con tracce di sangue
  • gonfiore alle estremità inferiori del corpo(edema arti inferiori)
  • necessità di dormire con più cuscini

Quando cercare assistenza medica?

L'edema polmonare acuto è un emergenza medica per cui è  necessario il ricovero ospedaliero (terapia intensiva cardiologica o pneumologca, medicina d’urgenza, cardiologia).

L’edema polmonare cronica può invece essere gestito e monitorizzato anche in via ambulatoriale.

Come viene diagnosticato un edema polmonare?

La diagnosi dell'edema polmonare è in genere clinica ma supportata dalla radiografia del torace e dall’ecocardiogramma.

La radiografia del torace può mostrare i segni  del versamento pleurico e/o dello scompenso cardiaco con la congestione ilare fino all’aspetto tipico ad ‘’ali di farfalla ‘’.L ecocardiogramma  e l’ECG ci aiuta no nel vallutare una causa cardiogena. La TAC del torace senza mezzo di contrasto può essere utile a chiarire un dubbio diagnostico o valutare altra diagnosi.

La misurazione del plasma di tipo B peptide natriuretico (BNP) o N-terminale del pro-BNP, può essere utile nella diagnosi Elevazione del BNP (300 o più) è  indicativo di edema polmonare cardiaco. D'altra parte, i valori inferiori a 100 essenzialmente escludono l'insufficienza cardiaca.

Qual è il trattamento per l'edema polmonare?

Il trattamento di edema polmonare è suggerito in gran parte dalla sua causa e dalla gravità. Le cause non cardiache di edema polmonare varia a seconda delle cause. Per esempio, infezioni gravi (sepsi) devono essere trattate con antibiotici e altre misure di supporto.

La maggior parte dei casi di edema polmonare cardiaco vengono trattati utilizzando diuretici che sono farmaci utili per eliminare i liquidi in eccesso.

Fondamentali sono anche i nitroderivati, soprattutto se presente una coronaropatia o una importante crisi ipertensiva.Utile per ridurre la sensazione di affanno (dispnea) è la morfina.

La supplementazione di ossigeno,con presidi semplici o presidi più complessi come la maschera di Boussignac o la ventilazione artificiale meccanica si rendono spesso necessari.

Quali sono le complicazioni?

L’edema polmonare è spesso una emergenza medica che se riconosciuta e trattata in tempo ha una prognosi brillante.Tutto comuqne dipende anche dalla causa scatenante;s e la causa scatenante è un infarto,la prognosi dipende anche dalla gravita dello stesso.