Rottura delle acque, come riconoscere i sintomi

Valentina Montagna | Editor

Ultimo aggiornamento – 17 Gennaio, 2023

Scopriamo quali sono i sintomi della rottura delle acque

Spesso ci si chiede se si riuscirà a riconoscerne i segnali e a distinguere la rottura delle acque dalle perdite di urina (non fisiologiche) o dalle perdite vaginali.

È importante saper riconoscerne i sintomi perché la rottura del sacco amniotico solitamente indica l'inizio del travaglio, ma potrebbe avvenire anche senza l’inizio delle contrazioni, quindi come evento a se e, quindi, l'avvicinarsi della nascita del bambino.

Cerchiamo di capire perché e quando avviene la rottura delle acque, quali sono i segnali e i sintomi da osservare e quando è bene recarsi in pronto soccorso.

Cosa significa quando si rompono le acque 

Solitamente quando si rompono le acque vuol dire che si è rotto il sacco amniotico e che si è giunti al termine della gravidanza. Di lì a poco potrebbero iniziare le contrazioni del travaglio o le si stanno già affrontando, entro 12-48 ore in caso di gravidanza di oltre 34 settimane, ma potrebbero anche avvenire prima o dopo. 

A volte, infatti, le contrazioni tardano ad arrivare nonostante la rottura delle acque. In caso di gravidanza meno avanzata, possono essere necessari 4 giorni o anche più prima che inizino le contrazioni.

Per capire se si sono  rompendo le acque, si possono osservare alcuni sintomi. Se però non si ha la certezza, si può chiamare il medico o l’ostetrica che potranno confermare la rottura delle acque e stimare anche la dilatazione della cervice.

Cos'è il sacco amniotico

Il sacco amniotico è un sacco membranoso all’interno del quale è presente un liquido, il liquido amniotico, che protegge il bambino e lo aiuta a sviluppare il sistema muscolo-scheletrico. Durante la gravidanza il feto cresce e si forma nel sacco amniotico all’interno dell’utero

Nel dettaglio, il liquido amniotico svolge queste funzioni:

  • favorisce lo sviluppo delle ossa e dei polmoni
  • mantiene la giusta temperatura in cui vive il feto
  • protegge il feto da possibili colpi e traumi.

Il sacco amniotico di solito si rompe prima o durante il travaglio, quando il liquido fuoriesce dalla vagina. Tuttavia a volte potrebbe non trattarsi del liquido amniotico ed è facile confondersi con l'urina o con le perdite vaginali

Sintomi della rottura delle acque

La perdita delle acque dal sacco amniotico potrebbero avvenire con l’inizia il travaglio, e questo è il sintomo più evidente. Un altro segnale è il liquido stesso che scende piuttosto copioso e che si presenta con determinate caratteristiche

Come capire se sono perdite di liquido amniotico

Può essere difficile distinguere tra perdite di urina e liquido amniotico, soprattutto se sono iniziate le contrazioni. Ma osservando alcuni particolari possiamo capire se si tratta davvero della rottura delle acque o di altro.

Il liquido amniotico si riconosce per alcune sue caratteristiche che lo differenziano da altro genere di perdite. A differenza dell'urina, per esempio, non ha né odore né un colore evidente. Mentre si differenzia dalle perdite vaginali, che pure non hanno alcun odore, per la sua consistenza particolare, densa, la stessa che ricorda la chiara dell'uovo.

A volte la sensazione è proprio quella di un palloncino d’acqua che si scoppia, altre volte la rottura è più delicata e si avverte unicamente la presenza di perdita di liquido dai genitali

Cosa succede in caso di rottura delle acque senza contrazioni 

Solitamente le acque si rompono prima dell'inizio del travaglio. Potrebbero rompersi, però, anche durante lo stesso o che il travaglio non inizi.

In questo caso, dopo 12-24 ore interverrà il medico per indurlo con i farmaci (travaglio indotto), che potranno aiutare la partoriente

Cosa succede se le acque si rompono troppo presto

Rottura delle acque

Quando accade prima delle 37 settimane (quando il feto è considerato a termine), vuol dire che siamo in presenza della rottura pretermine delle membrane (PROM – Premature Rupture of Membranes). 

Tra le possibili conseguenze delle rottura precoce delle acque c'è il rischio di contrarre infezioni. Se il travaglio non inizia entro 12 ore dalla rottura delle acque, sia la madre sia il bambino rischiano un'infezione.

Nel dettaglio, la rottura pretermine delle membrane può causare problemi, tra i quali: 

  • Infezioni uterine
  • Infezioni nel bambino
  • Distacco prematuro della placenta dall'utero
  • Complicanze del cordone ombelicale che potrebbe prolassare 
  • Nascita prematura del bambino

A causa delle infezioni uterine possono comparire sintomi quali:

  • febbre;
  • secrezioni vaginali maleodoranti;
  • mal di pancia.

Mentre le complicanze comuni a tutti i neonati prematuri sono di tipo respiratorio, perché senza liquido amniotico non avviene la completa maturazione dei polmoni (ipoplasia polmonare). 

Quali sono le cause della rottura precoce delle acque

Tra i fattori di rischio della rottura precoce delle acque:  

  • rottura pretermine in una gravidanza precedente
  • infiammazione delle membrane fetali (infezione intra-amniotica)
  • sanguinamento vaginale durante il secondo e il terzo trimestre
  • abuso di alcol e fumo durante la gravidanza
  • sottopeso e alimentazione scorretta
  • problemi al collo dell'utero.

Come rompere le acque quando non succede in modo naturale

La rottura artificiale delle membrane, nota come amniotomia, è una procedura per indurre il travaglio o facilitare il parto.

Nella fase del travaglio attivo, se le acque non si rompono da sole, il medico potrebbe utilizzare  la tecnica dell'amniotomia attraverso la quale praticare una piccola apertura nel sacco amniotico per provocare la rottura delle acque con un sottile gancio di plastica.

La procedura non è invasiva e dolorosa

Quando contattare il medico

La rottura delle acque è un evento naturale ma che può generare un po' di preoccupazione, perché è quasi sempre il momento che precede la nascita del bambino.

Come abbiamo visto, di solito, le contrazioni iniziano subito dopo la rottura delle acque, ma non è sempre detto che le due cose siano ravvicinate. Potrebbe esserci un intervallo tra la rottura delle acque e l'inizio delle contrazioni.

Se si è alla 37° settimana o più, è bene contattare il medico per sapere quando recarsi in ospedale se si rompono le acque in assenza di contrazioni.

Se invece sono passate più di 24 ore dalla rottura delle acque, o se la gravidanza è inferiore alle 37 settimane, è preferibile recarsi in ospedale.

Valentina Montagna | Editor
Scritto da Valentina Montagna | Editor

La mia formazione comprende una laurea in Lingue e Letterature Straniere, arricchita da una specializzazione in Web Project Management. La mia esperienza nel campo si estende per oltre 15 anni, nei quali ho collaborato con nutrizionisti, endocrinologi, medici estetici e dermatologi, psicologi e psicoterapeuti e per un blog di un'azienda che produce format televisivi in ambito alimentazione, cucina, lifestyle.

a cura di Letizia Samantha Zeverino
Le informazioni proposte in questo sito non sono un consulto medico. In nessun caso, queste informazioni sostituiscono un consulto, una visita o una diagnosi formulata dal medico. Non si devono considerare le informazioni disponibili come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento o l’assunzione o sospensione di un farmaco senza prima consultare un medico di medicina generale o uno specialista.
Valentina Montagna | Editor
Valentina Montagna | Editor
in Parto

598 articoli pubblicati

a cura di Letizia Samantha Zeverino
Contenuti correlati
ragazza incinta cammina in gravidanza
Tutti i benefici del camminare in gravidanza

È vero che camminare in gravidanza fa bene tanto alla mamma quanto al bambino? E quanto bisognerebbe camminare per goderne i benefici? Scopriamolo insieme.

Una donna incinta che fa pilates
I benefici del pilates in gravidanza: ecco perché praticarlo

Il pilates in gravidanza è un'attività che può apportare numerosi benefici, ma si può praticare sempre? Scopriamo quali sono le accortezze da rispettare.