Shock anafilattico

Contenuto di:

Lo shock anafilattico (o anafilassi) colpisce le persone di tutte le età ed è leggermente più comune nelle donne che negli uomini. Le persone con altre malattie allergiche, come l’asma e l’eczema atopico della pelle, sono molto più a rischio di sviluppare un'anafilassi.

Che cos’è lo shock anafilattico (o anafilassi)?

Anaphylactic_shock | Pazienti.it

Lo shock anafilattico (o anafilassi) è una grave reazione allergica potenzialmente mortale, che può colpire molti distretti del corpo:

  • vie respiratorie
  • apparato respiratorio
  • circolazione sanguigna

I segnali dello shock anafilattico (o anafilassi) includono:

  • difficoltà respiratorie e di deglutizione
  • vertigini
  • arrossamento della pelle con comparsa di orticaria e prurito
  • gonfiore di alcune parti del corpo come labbra, mani e piedi (il termine medico è angioedema)

Lo shock anafilattico può instaurarsi in pochi secondi o in pochi minuti dopo l’ esposizione a qualcosa verso cui si è allergici, come ad esempio le arachidi o il veleno di una puntura d'ape.

Una grande quantità di sostanze chimiche vengono rilasciate dal sistema immunitario durante l’anafilassi e ciò può causare uno stato appunto di shock, dovuto al calo improvviso della pressione sanguigna, e ad un restringimento delle vie respiratorie che causa grave difficoltà alla respirazione.

Segni e sintomi di shock anafilattico comprendono uno rapido aumento del battito cardiaco, polso debole, un rash cutaneonausea e vomito.

Gli allergeni in grado di innescare uno shock anafilattico comprendono alcuni alimenti, alcuni farmaci, il veleno degli insetti e il lattice.
Lo shock anafilattico richiede un trasporto immediato al pronto soccorso e la pronta somministrazione di adrenalina. Se lo shock anafilattico non viene trattato subito, può portare alla perdita di coscienza o addirittura alla morte.

Quali sono le cause dell'anafilassi?

Lo shock anafilattico (o anafilassi) è dovuto ad una reazione molto intensa e improvvisa del sistema immunitario verso una sostanza erroneamente vista dall'organismo come una minaccia.

Le sostanze che provocano reazioni allergiche sono conosciute come allergeni.

Vari organi e apparati, o addirittura l’intero organismo, possono essere interessati, generalmente entro pochi minuti dal contatto con l’allergene, anche se a volte la reazione può verificarsi dopo 1-2 ore.

Le cause scatenanti più comuni shock anafilattico sono:

  • punture di insetti, particolarmente quelle delle vespe e delle api
  • frutta a guscio: nocciole, noccioline, arachidi, noci, mandorle, anacardi
  • altri generi alimentari, come il latte e i crostacei
  • alcuni farmaci come certi tipi di antibiotici
  • uova
  • grano (nei bambini)

Altre cause meno frequenti di shock anafilattico comprendono:

  • lattice
  • farmaci usati in anestesia
  • esercizio fisico

sintomi dello shock anafilattico sono a volte causati da farmaci, quali l’aspirina e altri antiinfiammatori, antibiotici, liquidi di contrasto utilizzati in alcuni esami diagnostici di imaging (radiografie, TAC, risonanza magnetica).


Lo shock anafilattico scatenato dall’ esercizio fisico non è comune e varia da persona a persona. In alcuni è causato dall’attività aerobica, come lo jogging, in altri basta una attività fisica meno intensa, come camminare.

A volte l’aver mangiato alcuni alimenti prima dell’esercizio può favorire lo shock anafilattico in alcune persone.

Se non è chiaro dalla storia quale sia la causa in grado di scatenare un’anafilassi è necessario effettuare dei test specialistici presso un centro di allergologia al fine di cercare di identificare l'allergene incriminato. Tuttavia in alcuni casi, la causa della anafilassi rimane sconosciuta. In tali casi si parla di anafilassi idiopatica.

Quali sono i fattori di rischio?

Il sistema immunitario produce anticorpi che difendono dalle sostanze estranee. Questo è buono quando una sostanza estranea è dannosa, come alcuni batteri o virus, ma i sistemi immunitari di alcune persone sovrastano le sostanze che normalmente non provocano una reazione allergica.

I sintomi dell’allergia non sono di solito pericolosi per la vita, ma una grave reazione allergica può portare ad anafilassi.

Gli inibitori più comuni di anafilassi nei bambini sono le allergie alimentari, come le arachidi, le noci, i pesci, i molluschi e il latte. Oltre all'allergia alle arachidi, alle noci, ai pesci e ai molluschi, l’anafilassi viene innescata negli adulti da:

  • Alcuni farmaci, inclusi gli antibiotici, l'aspirina e altri rimedi contro il dolore e il contrasto intravenoso usato in alcuni test di imaging
  • Punture da api, vespe, calabroni e altri insetti
  • Lattice

Anche se non comune, alcune persone sviluppano anafilassi dopo esercizi aerobici, come jogging o addirittura con meno intensa attività fisica, come camminare. Mangiare certi alimenti prima di esercitarsi o farlo quando fa tanto caldo, freddo o umido è legato ad anafilassi in alcune persone.

Se non si sa cosa provochi l'attacco di allergia, alcuni test possono aiutare a identificare l'allergene. In alcuni casi, la causa di anafilassi non viene mai identificata (anafilassi idiopatica).

Quali sono i sintomi dell'anafilassi?

Il tempo di comparsa dei sintomi dello shock anafilattico (o anafilassi) dipende dai fattori scatenanti. Se a causare lo shock è qualche alimento può trascorrere un lasso di tempo variabile dai pochi minuti fino a due ore.

Se la causa è un allergene che è penetrato nella pelle (come una puntura d’insetto o un farmaco iniettato), i sintomi compaiono più velocemente, di solito entro 5-30 minuti.

I sintomi possono variare anche nella gravità. A volte si può avere solo un lieve prurito o gonfiore, ma in alcuni soggetti possono essere molto intensi e gravi e condurre alla morte.

sintomi dello shock anafilattico (o anafilassi) includono:

  • eruzione rossastra sulla pelle in rilievo e con prurito
  • sensazione di calore
  • gonfiore degli occhi, delle labbra e dei piedi
  • restringimento delle vie respiratorie, che può causare difficoltà respiratoria
  • chiusura della gola
  • abbassamento della pressione sanguigna
  • vertigini
  • nausea
  • vomito
  • diarrea
  • sapore metallico in bocca
  • occhi doloranti, arrossati con prurito

Quali sono le complicazioni?

Una reazione anafilattica può essere pericolosa per la vita quando si verifica in forma grave; si può avere arresto respiratorio o cardiaco.

In questi casi, c’è necessità di rianimazione cardiopolmonare e altri trattamenti di emergenza immediati.

Cosa fare in caso di shock anafilattico?

Lo shock anafilattico (o anafilassi) è un'emergenza medica.

Un farmaco antiallergico chiamato adrenalina va somministrato non appena si sospetta una reazione allergica che potrebbe portare alla anafilassi.

Alcune persone con una precedente storia clinica di shock anafilattico (o anafilassi) portano sempre con sé una siringa già preparata di adrenalina per auto-somministrazione.

Questa va iniettata nel muscolo della coscia e lasciata agire per 10 secondi. Se la persona da soccorrere è incosciente bisogna controllare se indossa un braccialetto che segnali l’allergia, e le indicazioni sul da farsi.

Come si prevengono?

Se si è stati colpiti da shock anafilattico (o anafilassi) e si conosce la causa scatenante, è importante cercare di prevenire ulteriori esposizioni a simili episodi, anche se in alcuni casi non è sempre possibile (per esempio, con le punture di vespa o di ape) o non si conosce la causa scatenante.

Si calcola che una persona su 12 manifesti un ulteriore episodio di shock anafilattico (o anafilassi). Se si corre questo rischio è bene portare con sé una siringa per l’auto-somministrazione dell’adrenalina da usare in caso di necessità.

Come si diagnostica?

Il medico farà delle domande sulle reazioni allergiche precedenti, incluso se si è avuta una reazione a:

  • Cibi particolari
  • Farmaci
  • Lattice
  • Puntura d’insetti

Per confermare la diagnosi:

  • Potrebbe essere fatto un prelievo di sangue per misurare la quantità di un certo enzima (tripto-sta) che può essere elevato fino a tre ore dopo l'anafilassi.
  • Si potrebbe venir testati per le allergie con test cutanei o test del sangue per determinare l’allergene.
  • Molte condizioni hanno segni e sintomi simili a quelli di anafilassi. 

Come si tratta lo shock anafilattico?

Durante una anafilassi, può essere necessaria la rianimazione cardiopolmonare, se compare arresto respiratorio o cardiaco. Vanno somministrati vari farmaci, tra cui:

  • epinefrina (adrenalina) per contenere gli effetti della grave reazione allergica
  • ossigeno, per contribuire a compensare la difficoltà nella respirazione
  • antistaminici e cortisone per via endovenosa per ridurre l'infiammazione, migliorare la respirazione e contrastare l’effetto delle sostanze chimiche rilasciate dal sistema immunitario
  • beta-agonisti (come ad esempio il salbutamolo) per dilatare i bronchi e favorire l’ingresso dell’aria nei polmoni

Nonostante sia potenzialmente mortale, se trattato prontamente con l’adrenalina, lo shock anafilattico (o anafilassi) può essere affrontato con successo e la persona colpita guarisce senza subire complicazioni a lungo termine.

Cosa fare in caso di emergenza?

Se si è con qualcuno che ha una reazione allergica e mostra segni di shock, bisogna agire velocemente. Vedere se la pelle è pallida, fresca e vellutata; il battito cardiaco è veloce; se c’è un problema respiratorio; se c’è confusione; se c’è una perdita di coscienza. Effettuare immediatamente quanto segue:

  • Chiamare l’assistenza medica di emergenza.
  • Usare una penna per l’autoiniezione dell'epinefrina, se disponibile, premendola nella coscia della persona.
  • Assicurarsi che la persona sia sdraiata e alzare le gambe.
  • Controllare il battito cardiaco e la respirazione della persona.

Molte persone a rischio di anafilassi portano un autoiniettore. Questo dispositivo è una siringa combinata e un ago nascosto che inietta una singola dose di farmaco quando viene premuto contro la coscia. Sostituire sempre l'epinefrina prima della data di scadenza o potrebbe non funzionare correttamente.

Utilizzando un autoiniettore immediatamente, si può mantenere l'anafilassi dal peggioramento e potrebbe salvare la vita. 

In cosa consiste un trattamento a lungo termine?

Se le punture degli insetti innescano la reazione anafilattica, un’immunoterapia potrebbe ridurre la risposta allergica del corpo e prevenire una reazione grave in futuro.

Purtroppo, nella maggior parte degli altri casi non c'è modo di trattare la condizione sottostante del sistema immunitario che può portare ad anafilassi. E’ possibile adottare misure per prevenire un attacco futuro e prepararsi se si verifica:

  • Cercare di evitare quello che provoca l’allergia.
  • Portare l'epinefrina auto-somministrata.

Il modo migliore per prevenire l'anafilassi è evitare le sostanze che causano questa reazione grave. Aiuta anche:

  • Indossare una collana o un braccialetto di allerta medica per indicare di avere un'allergia a specifici farmaci o altre sostanze.
  • Avere a portata di mano un kit di emergenza con farmaci prescritti disponibili in qualsiasi momento. Se si possiede un autoiniettore di epinefrina, controllare la data di scadenza e assicurarsi di ricaricarlo.

Se si è allergici agli insetti, indossare camicie e pantaloni a maniche lunghe; non camminare a piedi nudi sull'erba; evitare colori brillanti; non indossare profumi, colonie o lozioni profumate; non bere da lattine aperte. Stare tranquilli quando ci si trova vicino ad un insetto. Spostarsi lentamente e evitare di schiaffeggiare l'insetto.

Se si hanno allergie alimentari, leggere attentamente le etichette di tutti gli alimenti che si acquistano. I processi produttivi possono cambiare, quindi è importante riesaminare periodicamente le etichette degli alimenti che comunemente si mangiano.

Quando si mangia fuori, chiedere come viene preparato ogni piatto e capire quali ingredienti contiene. Anche piccole quantità di alimenti a cui si è allergici possono causare una reazione grave.

Argomenti: allergie alimentari allergia alla clorexidina anafilassi shock anafilattico allergie allergia difficoltà respiratoria allergia ai gatti allergie agli animali
Test_allergie | Pazienti.it
Test cutaneo per allergie

Durante il test cutaneo per allergie, la pelle è esposta ai presunti allergeni e viene osservata per valutare i segni di una eventuale reazione allergica.

Fotosearch_k7573050 | Pazienti.it
Allergie e intolleranze alimentari: quanto ne sappiamo?

Sempre più persone soffrono di allergie o intolleranze alimentari. La dott.ssa Valentina Fanelli, allergologa, ci aiuta a capire che differenza c'è tra le une e le altre e cosa fare...

Anafilassi | Pazienti.it
Anafilassi

L'anafilassi è una grave reazione allergica ad una sostanza chimica che è diventato un allergene. Tale patologia rappresenta la manifestazione più grave dell’allergia poiché, se non s’interviene prontamente, può...

Broncospasmo | Pazienti.it
Broncospasmo

Il broncospasmo è un restringimento del calibro dei bronchi generalmente risultato di una contrazione del muscolo liscio che fa parte della parete dei bronchi.Si manifesta con un respiro sibilante, un...

Shock | Pazienti.it
Shock

Lo shock è un’ emergenza medica dai diversi sintomi, rappresentati principalmente da: perdita dei sensi, coma, tachicardia, debolezza, ipotensione, pallore, dispnea, emorragie, ecc.

Farmaci | Pazienti.it
Allergie ai farmaci

Con l'espressione allergie ai farmaci si intende un gruppo di sintomi causati da una reazione allergica ad un farmaco. Le reazioni avverse ai farmaci sono comuni, e quasi tutti...

Visita_pneumologica_con_prick_test | Pazienti.it
Visita pneumologica con prick test

La visita pneumologica con prick test è una vista mirata ad individuare gli allergeni che causano problemi respiratori al paziente.

Fotosearch_k13647580 | Pazienti.it
Trattamento di allergie ed intolleranze alimentari 

Dopo aver riscontrato la presenza di allergie nel paziente, lo specialista studia una dieta ad hoc per evitare l'insorgere di reazioni allergiche.

Fotosearch_k12809058 | Pazienti.it
Vaccino per allergie

Il vaccino per le allergie (vaccino allergie) consiste nella somministrazione di un estratto specifico di allergene (sostanza in grado di scatenare la reazione allergica) in quantità gradualmente crescenti. Le dosi...

Sinusite | Pazienti.it
Sinusite

La sinusite è una infiammazione o un gonfiore delle mucose dei seni paranasali, le cavità rivestite di mucosa a livello del naso. I seni nasali sono solitamente pieni d'aria, ma...