Vomito

Contenuto di: - Curatore scientifico: Dr. Marialuisa Lugaresi
Indice contenuto:
  1. Cos'è il vomito?
  2. Quali sono le cause del vomito?
  3. Quali sono le complicanze del vomito?
  4. Quali sono i rimedi, anche naturali, per il vomito?
  5. Come si può prevenire il vomito?
  6. Quali sono i primi sintomi del vomito?
  7. Materiale vomitato: importanza
  8. Vomito nei bambini
  9. Cosa mangiare dopo il vomito?
  10. Cos'è il vomito caffeano?

Cos'è il vomito?

Vomito

Il vomito è una scarica forte dei contenuti dello stomaco. Può essere un evento collegato a qualcosa che non si stabilizza proprio all'interno dello stesso. 

Si tratta di un complicato meccanismo riflesso, che viene coordinato da un centro nervoso situato nel bulbo, in prossimità del nucleo dorsale del nervo vago. Le cellule nervose che lo compongono ricevono fibre soprattutto dal nervo vago e splancnico, ma anche dai nervi vestibolari, glossofaringeo, ottico, olfattivo; pertanto, gli stimoli che possono scatenare il meccanismo del vomito possono provenire da varie parti del corpo. 

Il centro del vomito può essere anche stimolato direttamente, per esempio da aumenti della pressione endocranica, dall'azione di sostanze tossiche o di farmaci. Le fibre che partono da questo centro si trovano soprattutto nel nervo vago e splancnico, ma sono importanti anche i nervi frenici, i nervi spinali diretti alla muscolatura addominale e i nervi cranici che provvedono a innervare i muscoli della faringe, del palato, della glottide.

Il vomito ricorrente può essere causato da condizioni mediche sottostanti, può anche portare alla disidratazione, che può rivelarsi mortale se non trattata correttamente.

Quali sono le cause del vomito?

Il vomito è un sintomo molto comune. Mangiare troppi cibi o bere troppo alcool può far rigettare una persona. Questo non è generalmente motivo di preoccupazione.

Il vomito non è una condizione medica. È un sintomo di altre condizioni. Alcune di queste includono:

Un importante gruppo di malattie che provocano vomito con meccanismo nervoso riflesso sono quelle che interessano gli organi addominali:

Nel mal di mare o di macchina e in genere nelle chinetosi, il vomito è causato da impulsi che insorgono nel labirinto e vengono trasmessi attraverso il nervo vestibolare.

Il vomito frequente non correlato a nessuna di queste cause può essere un sintomo della sindrome da vomito ciclico. Questa condizione è caratterizzata da episodi di vomito per un massimo di 10 al giorno. Di solito, è associato a nausea ed estrema mancanza di energia. Si verifica principalmente durante l'infanzia e influenza in bambini intorno all'età di 5 anni.

Può causare episodi di vomito diverse volte durante tutto l'anno quando non è trattata. Può anche avere gravi complicazioni che includono:

Il vomito è un sintomo comune, ma può talvolta richiedere un'attenzione medica di emergenza. Ci si dovrebbe recare immediatamente dal medico se:

Il sangue nel vomito è un'altra ragione per chiamare i servizi di emergenza. Vomito del sangue è anche conosciuto come ematemesi e si riferisce ad una situazione in cui un paziente:

  • Vomita grandi quantità di sangue rosso
  • Sputa sangue scuro

Il vomito con sangue è spesso causato da ulcere, rotture dei vasi sanguigni e sanguinamento dello stomaco.

Può anche essere causato da alcune forme di cancro. Questa condizione è spesso accompagnata da vertigini. Una persona che vomita sangue deve chiamare immediatamente un medico o recarsi presso il dipartimento di emergenza più vicino.

Quali sono le complicanze del vomito?

La disidratazione è la complicanza più comune legata al vomito. Il vomito provoca l’espulsione non solo del cibo, ma anche di liquidi. La disidratazione può causare:

Queste complicazioni sono particolarmente gravi nei neonati e nei bambini che vomitano. Questo è dovuto al fatto che i bambini più piccoli hanno una massa corporea minore e quindi hanno meno fluidi che li sostengano. I genitori i cui bambini mostrano sintomi di disidratazione devono immediatamente parlare con un pediatra.

La malnutrizione è un'altra complicazione del vomito. Il mancato mantenimento dei cibi solidi provoca la perdita di sostanze nutritive. Le persone che sperimentano eccessiva stanchezza e debolezza legate al vomito frequente devono consultare un medico.

Il vomito ripetuto comporta gravi danni per l'organismo, soprattutto in rapporto con la disidratazione e la perdita di succhi digestivi, in particolare di acido cloridrico, cui consegue un'alcalosi metabolica con ipokaliemia

Anche l'atto stesso del vomitare può portare inoltre lesioni traumatiche della regione del cardias, con conseguenti emorragie. Infine, soprattutto in soggetti in stato di coma o comunque con depressione del sistema nervoso centrale, il materiale vomitato può venire aspirato nelle vie aeree provocando broncopolmoniti da aspirazione.

Quali sono i rimedi, anche naturali, per il vomito?

Il trattamento per il vomito affronta la causa sottostante. L'idratazione è importante anche se un paziente vomita solo una volta. Si consiglia di bere liquidi chiari, i quali contengono elettroliti che possono contribuire a fornire sostanze nutritive essenziali che sono state perse attraverso il vomito.

Gli alimenti solidi possono irritare uno stomaco sensibile, aumentando le probabilità di vomito. Quindi, può essere utile evitare i cibi solidi finché non si tollerano i liquidi chiari.

Il medico potrebbe prescrivere farmaci antiemetici per frequenti vomiti. Questi farmaci aiutano a ridurre gli episodi di vomito.

Rimedi alternativi come i prodotti che contengono zenzero, bergamotto e olio di lemongrass possono anche aiutare.

I cambiamenti dietetici possono anche aiutare a bloccare il vomito ricorrente. Questi sono particolarmente utili per la nausea mattutina.

Gli alimenti che aiutano ad alleviare il vomito includono:

  • Alimenti non grassi
  • Crackers salati
  • Prodotti a base di zenzero

È anche possibile provare a mangiare pasti di dimensioni più piccole per tutto il giorno.

Come si può prevenire il vomito?

I piani di trattamento sono il miglior corso d'azione per le condizioni mediche correlate. Quello che porta al vomito può variare tra i pazienti e può includere: 

  • Consumo eccessivo di alcool
  • Mangiare troppo cibo
  • Emicrania
  • Fare esercizio fisico subito dopo aver mangiato
  • Stress
  • Cibi caldi o piccanti
  • Mancanza di sonno

L'adozione di migliori abitudini di vita può aiutare a prevenire episodi di vomito. È difficile evitare completamente i virus che causano il vomito, ma è possibile ridurre le possibilità di prenderne uno seguendo una buona igiene, come il lavaggio regolare delle mani. Sapere come trattare il vomito ricorrente può aiutare ad evitare ulteriori complicazioni.

Quali sono i primi sintomi del vomito?

In genere, il vomito è preceduto da una sensazione di nausea, da aumento della secrezione salivare, da modificazioni del ritmo respiratorio, da eruttazioni.

Il vomito vero e proprio si inizia con un rilasciamento dell'esofago, del cardias e della metà superiore dello stomaco e contemporaneamente si chiude la glottide e si solleva il palato molle a chiudere il naso-faringe. Quindi, si ha una contrazione persistente della muscolatura gastrica in corrispondenza dell'incisura angularis, che impedisce al contenuto gastrico di passare nell'antro e nel duodeno.

Essa è seguita da una forte contrazione del diaframma e dei muscoli della parete addominale: come conseguenza, si ha un aumento della pressione intraaddominale che, trasmessa alla parte rilasciata dello stomaco, ne provoca l'espulsione del contenuto.

Materiale vomitato: importanza

Il materiale vomitato può presentare caratteri diversi, spesso utili per la diagnosi della malattia in causa: così, il vomito emorragico (ematemesi) indica un'emorragia gastrica o esofagea quale può essere provocata da ulcere, tumori, rottura di varici esofagee; il vomito fecaloide contiene materiale fecale ed è caratteristico delle occlusioni intestinali; il vomito mucoso, in genere mattutino, è costituito in gran parte da muco ed è proprio delle gastriti croniche, soprattutto negli alcoolisti.

Se si vomita materiale giallo verdastro (vomito biliare), potrebbe essere la bile, un fluido prodotto nel fegato e conservato nella cistifellea. Quindi, viaggia verso l'intestino tenue, dove aiuta il corpo a digerire i grassi dai cibi. La bile è composta da sali biliari, bilirubina, colesterolo, elettroliti e acqua.

Vomito nei bambini

Alcuni bambini presentano attacchi periodici di vomito inspiegabile. Quando è occasionale, esso non riveste carattere patologico, a differenza invece di quando è persistente o abituale, nel qual caso, oltre che la perdita di liquidi o di elettroliti, con conseguente disidratazione ed alcalosi, determina una perdita di alimento che può indurre una chetosi da digiuno e secondariamente uno stato di progressiva denutrizione.

Le cause in gioco nel determinare il riflesso del vomito possono essere molteplici. Tra le altre si ricordano gli errori alimentari, le malattie infettive acute, le affezioni del sistema nervoso centrale, le malattie metaboliche, gli stati tossici da causa endogena (uremia) ed esogena (avvelenamenti).

Il vomito può essere inoltre di ordine esclusivamente psicogeno e lo si osserva in tal caso soprattutto in bambini neuropatici in cui è causato da turbe emotive di varia natura.

Cosa mangiare dopo il vomito?

Il vomito è un sintomo comune di chinetosi, nausea mattutina o gastroenterite, un'infiammazione dello stomaco e dell'intestino causata da un'infezione, come l'influenza intestinale o malattie di origine alimentare. Questo sintomo può anche essere causato da un'assunzione eccessiva di alcol o da alcuni farmaci, in particolare i farmaci chemioterapici.

Mentre il vomito persistente o la grave disidratazione richiedono un intervento medico, il vomito lieve viene spesso gestito a casa, con la priorità di sostituire liquidi ed elettroliti per prevenire o trattare la disidratazione. La ripresa dei cibi solidi non è così importante come la sostituzione dei liquidi e una transizione verso una dieta normale può iniziare mentre il vomito si risolve e l'appetito ritorna.

Dopo il vomito, la sostituzione dei liquidi è essenziale per contrastare e prevenire la disidratazione, la più comune complicanza del vomito. Dopo un singolo episodio di vomito, quando non sono ancora presenti sintomi di disidratazione come secchezza delle fauci o ridotta produzione di urina, gli adulti possono consumare liquidi limpidi come acqua, brodo, succhi di frutta diluiti o tè leggermente addolciti per reintegrare il loro corpo dai liquidi persi.

Il succo di frutta non diluito e la maggior parte delle altre bevande zuccherate non sono raccomandati, poiché la concentrazione di zucchero in queste bevande può causare crampi o diarrea. Gli adulti possono anche assumere bevande sportive, tuttavia, non sono considerate più vantaggiose di altri liquidi.

Negli adulti con vomito o disidratazione in corso o in bambini che vomitano, la scelta migliore per una bevanda è una soluzione di reidratazione orale attraverso bevande che aiutano il recupero fornendo la concentrazione ottimale di zuccheri e alcuni elettroliti, tra cui sodio, potassio e bicarbonato.

Nei bambini è particolarmente importante e raccomandato, poiché la disidratazione e la perdita di elettroliti può degenerare più rapidamente in una situazione grave. Le linee guida per l'idratazione raccomandano l'avvio di piccoli sorsi frequenti di acqua entro 10-60 minuti dal vomito, sebbene i bambini allattati al seno o alimentati con latte artificiale debbano continuare il loro piano di alimentazione corrente.

Quando i liquidi sono tollerati e il vomito non è più una minaccia, è possibile riprendere i cibi solidi

Tradizionalmente, sono raccomandati cibi blandi, come banane, riso, salsa di mele e pane tostato, brodo, frutta morbida, patate, cereali caldi o cracker.

Quando i sintomi si attenuano, si consiglia una transizione graduale ai cibi normali, inclusi frutta e verdura.

Cos'è il vomito caffeano?

Il vomito caffeano si riferisce ad un particolare tipo di vomito. All'interno delle molecole organiche dei globuli rossi è l'elemento ferro, che si ossida dopo l'esposizione all'acido gastrico. Questa reazione fa apparire il vomito simile al caffè macinato. Il vomito caffeano è un segno di possibile emorragia gastrointestinale superiore.

Esofagite o gastrite, ad esempio, possono sanguinare e produrre vomito caffeano. Quando non accompagnati da melena, ematemesi o caduta dell'emoglobina con corrispondente aumento di urea e creatinina stabile, è necessario chiarire altre cause del vomito caffeano; ad esempio, ostruzione intestinale o dell'ileo, che può provocare il vomito di materiale alimentare ossidato. 

Quando attribuito ad infiammazione peptica, l'uso di farmaci anti-infiammatori non steroidei (FANS) e inibitori selettivi della serotonina sono comunemente implicati. Questi farmaci possono interferire con le difese naturali dello stomaco contro l'ambiente fortemente acido, causando danni alla mucosa che possono provocare sanguinamento. Pertanto, si raccomanda che questa classe di farmaci sia assunta con il cibo o a stomaco pieno.

Altre cause di infiammazione possono essere dovute a grave malattia da reflusso gastroesofageo, gastrite da Helicobacter pylori, gastropatia ipertensiva portale o malignità.