Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Risposte
  3. Nausea Debolezza

Che cosa fare in caso di nausea e debolezza?

Dopo una mattinata in cui stavo molto bene, nel pomeriggio, al risveglio dal classico riposino, ho avuto la sensazione di gambe molto pesanti e stanche, come avviene dopo una lunga camminata e insieme a questo disturbo avevo una lieve sensazione di malessere generale, compreso un modesto senso di nausea. Modesto per il fatto che poi ho cenato regolarmente senza problemi, ma la sensazione è rimasta fino a tardi. Senso di vertigine leggero e leggero è stato anche il mal di testa successivo. Insomma niente di particolarmente grave, ma il mio carattere molto ansioso mi ha fatto pensare ai prodromi dell'infarto, dell'ictus e di tutte le patologie annesse e connesse al cuore anche al cervello. Sto prendendo la Cardioaspirina 100 e il medico, avendo fatto il controllo cardiaco e la tac cerebrale, non ritiene necessario per ora fare altro. Ho delle extrasistole e i vari ecg e ecodoppler sono considerati dai medici tutti “quasi” nella norma, ma a me è proprio quel “quasi” che mette in allarme. Secondo lei, cosa dovrei fare, oltre che cercare di stare più tranquillo?

Nausea e debolezza sono sintomi estremamente aspecifici, presenti in una grande quantità di situazioni sia para-fisiologiche sia patologiche.

Per la nausea, possiamo prendere in considerazione cause inerenti l'apparato gastroenterico (gastrite, ipotonia muscolare dello stomaco, insufficiente secrezione di acido cloridrico, reflusso gastroesofageo, reflusso duodenobiliare, colelitiasi), facilmente indagabili con un'attenta anamnesi (modalità e tempi di insorgenza della nausea, rapporti cronologici con i pasti e le fasi digestive); oppure situazioni di tipo otoiatrico (labirintiti e labirintosi, sindrome di Menière); infine, alterazioni della colonna cervicale, che comportino contratture muscolari anomale e alterazioni della fisiologica curvatura della stessa.

È anche vero che la nausea può essere l'unico sintomo di una ischemia acuta che interessa la superficie diaframmatica del cuore (IMA inferiore); la diagnosi differenziale si fa con un'accurata anamnesi da parte del medico, un attento esame obiettivo e, se necessari, esami clinici, ematochimici e strumentali (Ecg).

La debolezza è più difficilmente inquadrabile, specie se compare improvvisamente: in tal caso, è opportuno valutare i parametri emodinamici (pressione arteriosa e frequenza cardiaca), valutare il possibile intervento di reazioni vagali (che comportano bradicardia e calo pressorio) e prendere in considerazione variazioni dell'emocromo (conta dei globuli rossi, emoglobina, ematocrito); fra i parametri ematochimici da indagare, le variazioni degli elettroliti (potassio, calcio, magnesio) e della glicemia.

In caso di sintomatologia prolungata o persistente, è opportuno valutare la funzionalità tiroidea e surrenalica. 

Hai trovato questa risposta utile?
Risposta a cura di:
Dr. Claudio Valerio Santini
Dr. Claudio Valerio Santini
Milano - Via dei Cinquecento,19
Altre risposte di questo specialista
Dilatazione aortica a 47 mm: c'è da preoccuparsi?
Buongiorno,la tua è una dilatazione abbastanza contenuta; si parla infatti di aneurisma dell'aorta ascendente quando il diametro del vaso eccede di almeno il 50%...
Imt diffusamente aumentato: cosa significa?
Buongiorno,IMT ovvero intima-media thickness: si tratta di una misurazione non invasiva dello spessore medio-intimale dell'arteria carotide interna. Tale valore, se superiore a 1,3, viene considerato...
Pressione alta: quali esami svolgere?
Buongiorno,per cominciare, perdere progressivamente peso corporeo, il sovrappeso riduce sensibilmente l'efficacia di farmaci seppur mirati e adatti alla situazione; in secondo luogo, ridurre fino...
Extrasistole: come curarle?
Buongiorno. Se la sintomatologia è recente come insorgenza bisogna innanzitutto ricercare un possibile evento scatenante o concausale, tipo nuove condizioni di stress lavorativo o familiare,...
Ectasia aortica: che cosa fare?
Buongiorno,l'ectasia consiste in una dilatazione del vaso, cioè un aumento dei diametri rispetto a quelli fisiologici, fino eventualmente alla formazione di un vero...
Vedi tutte
Risposte simili
Valvola mitralica: cos'è?
La valvola mitralica è la valvola del cuore che permette al sangue, ricco di ossigeno dell'atrio sinistro proveniente dai polmoni, di entrare nel...
Disturbi alla valvola mitralica: quali sono le cause?
I disturbi alla valvola mitralica possono essere dovuti a cause congenite, ma più spesso sono dovuti a degenerazione. Un tempo la...
Intervento di sostituzione della valvola mitrale: è sempre necessario?
La valvola mitrale (o mitralica) può essere "riparata" con un intervento chirurgico, ma quando questo non fosse possibile è necessaria la sostituzione della stessa con...