Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. 8 segnali che stai mangiando troppo sale

8 segnali che stai mangiando troppo sale

Ultimo aggiornamento – 26 maggio, 2021

Donna Rifiuta del Sale che le viene Offerto
Indice

Il sale, si sa, è il re dei condimenti. Sia che lo si usi come conservante che come insaporitore, è in grado di dare il tocco finale a qualsiasi pietanza. Il classico sale da cucina, composto chimicamente dal 40% di sodio e dal 60% di cloruro (di qui, la dicitura chimica di "cloruro di sodio"), possiede poi numerosi benefici.

Per esempio, aiuta la mobilità muscolare, è di supporto agli impulsi nervosi e contribuisce a bilanciare l'apporto quotidiano di acqua e minerali. Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), però, non bisognerebbe superare i cinque grammi di sale al giorno, il corrispettivo di un cucchiaino da tè.

Molte persone, tuttavia, tendono a oltrepassare di ben tre volte la quantità raccomandata. Troppo sale, d'altra parte, fa male e può condurre a pressione alta, malattie cardiache e ictus.

Ma quali sono i segnali che ci manda il nostro corpo quando assumiamo troppo sale? Ve ne elenchiamo 8.

Cosa succede se mangi troppo sale: i segnali


  1. Gonfiore  Il gonfiore di stomaco rientra tra gli effetti a breve termine più comuni del consumo di sodio. Il sale, infatti, aiuta il corpo a trattenere l'acqua, arrivando a fare accumulare le riserve idriche. Anche un gonfiore localizzato in altre zone del corpo, come mani, piedi, viso e caviglie può dipendere da un elevato consumo di sodio. Non necessariamente un alimento dal sapore poco sapido contiene poco sale; fare quindi attenzione a panini, pizza, bagel e zuppe pronte, controllando sempre le etichette, perché possono essere fonti subdole di sale.
  2. Pressione alta  La pressione alta può dipendere da innumerevoli fattori; tra questi, però, potrebbe esserci un elevato consumo di sodio. Troppo sale, infatti, rende difficile ai reni il compito di drenare i liquidi in eccesso. Di conseguenza, la pressione sanguigna aumenta.
  3. Sete frequente – Essere costantemente assetati o esserlo più del solito può dipendere da un eccessivo consumo di sodio. Molto sale in corpo, infatti, disidrata, di conseguenza aumenta la sensazione di sete: è il segnale che il corpo necessita di maggiori introiti di acqua, per riequilibrare la situazione.
  4. Aumento di peso  La ritenzione idrica, correlata a un grande consumo di sale, può comportare un aumento di peso. Aumentare di qualche chilo in un paio di giorni o in una settimana può essere spia di uno smodato consumo di sale.
  5. Minzione frequente  Un elevato consumo di sodio porta a bere di più, il che conduce, a sua volta, a frequenti visite al bagno.
  6. Sonno disturbato  Mangiare alimenti che contengono molto sale prima di andare a letto può condurre a sonno disturbato. I disturbi del sonno legati a elevati dosi di sodio dipendono dal fatto che esagerare col sale porta a consumare maggiori quantità di cibi grassi e di lenta digestione, che inducono debolezza e sonnolenza. Troppo sale a cena, poi, può portare velocemente a disidratazione. Risultato? Ci si risveglia assetati nel bel mezzo della notte, interrompendo così un sonno sereno e continuato.
  7. Crampi alla pancia  Troppo sale fa male, a cominciare dalla pancia. Nausea, diarrea e crampi allo stomaco sono tutti spie di uno smodato consumo di sale. In questi casi, bere molta acqua può aiutare a gestire la situazione.
  8. Altro  Tra gli effetti a lungo termine del consumare troppo sodio ci sono condizioni abbastanza preoccupanti e pericolose come: mal di testa, insufficienza cardiaca, malattie renali, osteoporosi fino ad arrivare a ictus e cancro allo stomaco. Un ottimo deterrente, quindi, a ridurre drasticamente il consumo quotidiano di sale.

Rimedi per ridurre il consumo di sale

Come fare, allora, per mangiare meno sodio e ridurre il consumo di sale? Ecco alcuni suggerimenti:

  • In generale, preferire gli alimenti non trattati né preconfezionati: verdura e frutta fresche, frutta secca al naturale, cereali integrali, carni non trattate e latticini contengono naturalmente poco sodio.
  • Leggere sempre le etichette e controllare il contenuto di sodio presente negli alimenti che si acquistano.
  • Preferire poi le carni fresche a quelle confezionate.
  • In caso di acquisto di verdure surgelate, scegliere quelle congelate fresche e stare lontano dalle verdure già condite con salse e altri insaporitori.
  • Nella scelta di spezie e condimenti, non utilizzare quelle che già non mostrano sodio nelle loro etichette.
  • Quando si mangia fuori, chiedere che nel proprio piatto non venga aggiunto sale.
Mostra commenti
I cibi da mangiare nel primo trimestre di gravidanza
I cibi da mangiare nel primo trimestre di gravidanza
Come trattare l'acne cistica sulla schiena in modo efficace? La parola al dermatologo
Come trattare l'acne cistica sulla schiena in modo efficace? La parola al dermatologo
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Come accorgersi se il menisco è rotto?
Come accorgersi se il menisco è rotto?
Come riconoscere e curare un nodulo alla tiroide
Come riconoscere e curare un nodulo alla tiroide
La menopausa e gli squilibri ormonali
La menopausa e gli squilibri ormonali
Il lupo mannaro esiste davvero?
Il lupo mannaro esiste davvero?