Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Malattie
  4. Ritenzione Idrica

Ritenzione idrica

Ritenzione idrica
Curatore scientifico
Dr. Michelle Colafrancesco
Specialità del contenuto
Medicina generale

Cos'è la ritenzione idrica

Si parla di ritenzione idrica per indicare il fenomeno per cui i fluidi non vengono correttamente rimossi dai tessuti.

Quando il problema riguarda tutto l'organismo si parla di ritenzione idrica generalizzata, ma più spesso la ritenzione idrica porta all'accumulo di fluidi solo in aree localizzate dell'organismo, ovvero nelle zone predisposte all'accumulo di grasso, come addome, cosce e glutei.

È importante non confondere la ritenzione idrica con la cellulite in quanto, nonostante le aree interessate e i sintomi siano simili, le cause dei due disturbi sono sostanzialmente diverse. La cellulite, infatti, è infatti un’infiammazione del tessuto sottocutaneo che provoca un rigonfiamento, oltre alla più famosa pelle a buccia d’arancia.

Sintomi

Il principale sintomo della ritenzione idrica è il gonfiore dovuto all’edema (accumulo di liquidi), che si manifesta principalmente a carico di:
  • Piedi
  • Caviglie
  • Gambe
  • Mani
  • Pancia (addome)
  • Seno
  • Viso
Il gonfiore peggiora generalmente a fine giornata e tende a scomparire, seppur leggermente, dopo una notte di riposo. 

Chi soffre di ritenzione idrica severa, può vedersi compromessa la capacità di movimento oppure, se viene interessata la zona addominale, possono manifestarsi disturbi gastrointestinali o perdita di appetito. Sintomi meno frequenti, ma sempre riconducibili a situazioni di ritenzione idrica severa, sono la difficoltà nel respirare e il mal di testa se l’accumulo di liquidi si verifica nella parte superiore del corpo.

In alcuni soggetti può manifestarsi un significativo aumento di peso, ma non vi è stretta correlazione tra le due condizioni.

Cause

Le principali cause della ritenzione idrica sono:
  • Dieta - Noi tutti abbiamo bisogno di assumere sodio, poiché questo svolge un ruolo fondamentale nella regolazione della pressione sanguigna e nei livelli di liquidi. Tuttavia  ne abbiamo bisogno di una piccola quantità: se vi è un consumo elevato, il nostro corpo comincerà a trattenere l’acqua, all'origine della ritenzione idrica. Si ricorda che il sale da tavola è una delle principali fonti di sodio, ma ne assumiamo anche da cibi processati come la carne lavorata, cracker, patatine, minestre, verdure in scatola e persino bibite analcoliche.
  • Stile di vita sedentario - La gravità tende a portare il sangue nelle parti basse del corpo. Questo aumenta la pressione all’interno dei vasi sanguigni delle gambe e dei piedi, causando una fuoriuscita di fluidi nei tessuti. Stare seduti o in piedi troppo a lungo può determinare una ritenzione di liquido nei tessuti. Se si deve stare molto in piedi per lavoro, a fine giornata potrebbe notarsi un gonfiore alle gambe e alle caviglie. É anche molto comune che avvenga dopo un lungo periodo in aereo. La chiave è incrementare il movimento.
  • Ormoni - Il gonfiore è tipico del periodo premestruale ma, di solito, questa condizione sparisce dopo qualche giorno. Anche gli ormoni utilizzati come anticoncezionali o nelle terapie sostitutive possono causare ritenzione idrica.
  • Farmaci - Molti farmaci hanno tra i loro effetti collaterali la ritenzione idrica. Questi comprendono: medicinali per la pressione alta (antiipertensivi), analgesici noti come FANS, (compreso l’ibuprofene), antidepressivi e chemioterapici. Se tali medicinali dovessero causare importanti problemi di ritenzione idrica, è necessario rivolgersi al proprio medico, per modificare eventualmente la terapia. 
  • Disturbi cardiaci - Un cuore debole non è in grado di pompare efficacemente il sangue. Questo può causare ritenzione idrica con conseguente rigonfiamento delle gambe e dell’addome. Altri sintomi d’insufficienza cardiaca includono: debolezza, stordimento, battito accelerato, stanchezza e fiato corto.
  • Disturbi venosi - Se le valvole all’interno dei vasi non si chiudono come dovrebbero, il risultato è che il sangue tornerà al cuore con difficoltà, questo può causare gonfiore alle gambe. Altri sintomi comprendono: gambe doloranti, vene varicose, cambiamenti nel colore della pelle, eruzioni cutanee, ulcere alla pelle.
La ritenzione idrica può essere causata anche da alcune malattie particolarmente gravi, come:
  • Trombosi venosa profonda - Se si nota gonfiore a un piede o a una gamba soltanto, è possibile che sia presente un coagulo di sangue. Altri sintomi di questa malattia comprendono dolore, calore e rossore. Un coagulo di sangue si può formare per esempio nel periodo successivo a un intervento chirurgico, o durante un lungo volo. Può essere molto pericoloso ed è necessario l’intervento immediato di un medico.
  • Edema polmonare - Le persone con insufficienza cardiaca cronica possono riscontrare un accumulo di fluidi dentro i polmoni. Altri sintomi comprendono fiato corto e tosse. Anche in questa situazione si richiede un intervento d’emergenza.
  • Preclampsia - È normale che alcune donne notino gonfiore ai piedi e alle gambe verso la fine della gravidanza, ma se ciò accade alle mani ed al viso potrebbe essere segno di un pericoloso problema legato alla pressione chiamato preclampsia. Chiama il tuo medico se riscontri gonfiore accompagnato da mal di testa, visione offuscata e dolore addominale. 
Altre cause di ritenzione idrica meno comuni comprendono:
  • Cancro (ai reni, al fegato, alle ovaie)
  • Problemi renali
  • Cirrosi epatica
  • Perdita di proteine dovuta a malnutrizione
  • Linfedema, una condizione rara che si sviluppa quando i linfonodi vengono danneggiati o rimossi durante le terapie per il cancro

Cure

La cura per la ritenzione idrica varia in base alla causa che ha dato origine al disturbo. Qualora la ritenzione idrica non sia un semplice problema temporaneo è bene rivolgersi al medico per individuare la sua causa e il trattamento più adatto.

In linea generale, per combattere la ritenzione idrica possono essere utili:
  • Attività fisica regolare
  • Dieta a basso contenuto di sale
  • Bere molto
  • Assumere diuretici o altri farmaci
  • Integratori (calcio, magnesio e manganese)
  • Calze elastiche

Rimedi naturali

Vi sono alcune piante che favoriscono il drenaggio, contrastando la formazione di liquidi in eccesso e dunque eliminare la ritenzione idrica.

Se il disturbo non è scatenato da qualche particolare patologia, è possibile ricorrere ai rimedi naturali per la ritenzione idrica (sotto controllo del medico), introducendo una serie di principi attivi nell’organismo:
  • Succo di mirtillo - Il succo di mirtillo si dimostra particolarmente efficace qualora la ritenzione idrica sia associata a disturbi circolatori, supportando le funzionalità dei capillari, rinforzando le pareti dei vasi sanguigni e favorendo la circolazione periferica. Oltre al succo, è possibile assumere integratori fitoterapici a base dell’estratto della pianta, unitamente al consumo degli stessi frutti.
  • Foglie ed estratto di betulla - Valido rimedio fitoterapico per combattere la ritenzione idrica, soprattutto se determinata da fattori di tipo alimentare. Oltre ad infusi e tisane, anche l’estratto della pianta potrebbe essere un coadiuvante.
  • Ananas - In particolare, il gambo dell’ananas è ricco di principi attivi che facilitano il drenaggio dei liquidi in eccesso. Favorisce inoltre la circolazione ed elimina le tossine. Potrete trovarlo in erboristeria sotto forma di capsule, tinture madri, integratori ed estratti in polvere.
  • Tarassaco - Grazie alle sue proprietà depurative e drenanti, il tarassaco è il rimedio naturale più conosciuto per combattere la ritenzione idrica. Se raccolto in naturale, una volta essiccato, può essere preparato in infuso e consumato al mattino o a sera su indicazione dell’erborista o del proprio medico di base. È possibile anche acquistarlo in erboristeria in forma liquida o di compresse.
  • Aceto di sidro - L’aceto di sidro è ottimo per eliminare la ritenzione idrica, poiché regola il livello di sodio nell’organismo. È possibile assumerlo in un bicchiere d’acqua, aggiungendo un cucchiaino di aceto di sidro 2 volte al giorno. Si ricorda che l’aceto di sidro non è indicato a chi soffre di gastrite.
Per sapere cosa bere per la ritenzione idrica, si può far riferimento alla seguente lista per preparare tisane: 
  • Dente di leone
  • Ortica
  • Anice
  • Equiseto
  • Carciofo in foglie
  • Finocchio
  • Pilosella
  • Ortosiphon
  • Pungitopo
  • Ippocastano
  • Verga d’oro
  • Iperico
  • Ibisco

Sport

Anche lo sport per la ritenzione idrica è fondamentale, con qualche accorgimento.

Gli sport di potenza sono da evitare, in quanto portano alla formazione di acido lattico, alleato della cellulite e della ritenzione idrica. Quindi, è meglio non praticare:
  • Corsa veloce
  • Spinning
  • Sollevamento pesi

Lo sport più indicato concerne l'attività aerobica di bassa intensità e di lunga durata, da praticare per 30-40 minuti almeno 2-3 volte la settimana: 
  • Camminare
  • Andare in bicicletta
  • Nuotare
  • Fare acquagym

Al termine di ogni attività aerobica si consiglia lo stretching abbinato ad esercizi di controllo respiratorio eseguiti con le gambe in alto, per favorire il ritorno venoso e l’eliminazione delle tossine prodotte. È fondamentale poi mantenere una postura corretta per ogni attività svolta durante la giornata: accavallare le gambe o sedersi in posizioni sbagliate rischiano, col tempo, di creare disagi all’apparato circolatorio degli arti inferiori, aumentando il rischio di ritenzione idrica.
Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Mal di pancia
Il mal di pancia è un disturbo molto comune, anche tra i più piccoli. Può essere causato da un eccesso di aria intestinale, da un virus o...
Febbre
Con il termine febbre si indica una temperatura corporea superiore a 38°C. La febbre si verifica quando le difese immunitarie combattono ...
Singhiozzo
Il singhiozzo è un fenomeno normale ed innocuo, anche se talvolta può risultare fastidioso. In casi molto rari, esso può celare una condi...