Sei un professionista sanitario? Iscriviti
Medicina Termale Ortognatodonzia Agopuntura Allergologia Anatomia ed istologia patologica Andrologia Anestesia Angiologia Audiologia Auxologia Biochimica clinica Cardiochirurgia Cardiochirurgia pediatrica Cardiologia Check-up Chinesiologia Chiropratica Chirurgia ambulatoriale Chirurgia d'urgenza Chirurgia del piede Chirurgia dell'apparato digestivo Chirurgia dell'obesità Chirurgia della mano Chirurgia della spalla Chirurgia endoscopica Chirurgia epato biliare Chirurgia generale Chirurgia laparoscopica Chirurgia maxillo facciale Chirurgia mininvasiva Chirurgia oncologica Chirurgia orale Chirurgia pediatrica Chirurgia plastica Chirurgia refrattiva Chirurgia senologica Chirurgia toracica Chirurgia toracico-vascolare Chirurgia vascolare Consulente Olistico Consulente Professionale in Allattamento Materno Counseling Criminologia Cure termali Day hospital Day surgery Dermatologia Dermosifilopatia Diabetologia Diagnostica per immagini Dietologia Educatore Professionale Ematologia Emodialisi Emodinamica e chirurgia endoluminale Endocrinologia Endodonzia Endoscopia Epatologia Farmacia Farmacologia clinica Fisiatria Fisiokinesiterapia Fisiopatologia della riproduzione Fisioterapia Flebologia Foniatria Gastroenterologia Genetica Geriatria Ginecologia Gnatologia Grafologia Grandi ustioni Grandi ustioni pediatriche Hospice Igiene dentale Igiene e medicina preventiva Immunologia Implantologia Infermieristica Iridologia Laboratorio analisi Logopedia Lungodegenti Malattie infettive e tropicali Medicazioni Medicina complementare Medicina del dolore Medicina del lavoro Medicina dello sport Medicina di comunità Medicina estetica Medicina fisica e riabilitativa Medicina generale Medicina interna Medicina iperbarica Medicina legale Medicina metabolica Medicina molecolare Medicina nucleare Medicina psicosomatica Medicina subacquea Medicina tropicale Microbiologia e virologia Microchirurgia Musicoterapia Naturopatia Nefrologia Nefrologia (abilitaz. al trapianto) Nefrologia pediatrica Neonatologia Neuro-riabilitazione Neurochirurgia Neurochirurgia pediatrica Neurofisiopatologia Neurologia Neuropsichiatria Neuropsichiatria infantile Neuropsicologia Neuropsicomotricità Nido Nutrizione Nutrizione e dietistica Nutrizione Olistica Oculistica Odontoiatria conservativa Odontoiatria e stomatologia Odontostomatologia Omeopatia Omotossicologia Oncoematologia Oncoematologia pediatrica Oncologia Optometria Ortodonzia Ortopedia e traumatologia Ortopedia-chirurgia della colonna vertebrale Ortottica OSA - Operatore Socio Assistenziale OSS - Operatore Socio Sanitario Ossigenoterapia Osteopatia Ostetricia Otologia Otorinolaringoiatria Parodontologia Patologia Clinica Pedagogia Clinica Pediatria Pedodonzia - odontoiatria pediatrica Pensionanti Pneumologia Podologia Posturologia Proctologia Pronto Soccorso Protesi dentaria Psichiatria Psicologia Psicoterapia Radiologia Radioterapia Radioterapia oncologica Recupero e riabilitazione funzionale Recupero e riabilitazione posturale Reumatologia Riabilitazione Riabilitazione cardiologica Riabilitazione neuromotoria e ortopedica Riabilitazione ortopedica Riabilitazione psiconeurogeriatrica Rianimazione RSA - Case di Riposo Salute mentale Scienza dell'Alimentazione Senologia Sessuologia Shiatsu Stroke unit Tecniche di radiologia medica Tecnico Audioprotesista Tecnico Ortopedia Tecnico sanitario di neurofisiopatologia Terapia del dolore Terapia intensiva Terapia intensiva neonatale Tossicologia Unità coronarica Unità spinale Urologia Urologia pediatrica Vulnologia Week surgery

Cerca

Chiudi
Specialità
Città
Medicina Termale Ortognatodonzia Agopuntura Allergologia Anatomia ed istologia patologica Andrologia Anestesia Angiologia Audiologia Auxologia Biochimica clinica Cardiochirurgia Cardiochirurgia pediatrica Cardiologia Check-up Chinesiologia Chiropratica Chirurgia ambulatoriale Chirurgia d'urgenza Chirurgia del piede Chirurgia dell'apparato digestivo Chirurgia dell'obesità Chirurgia della mano Chirurgia della spalla Chirurgia endoscopica Chirurgia epato biliare Chirurgia generale Chirurgia laparoscopica Chirurgia maxillo facciale Chirurgia mininvasiva Chirurgia oncologica Chirurgia orale Chirurgia pediatrica Chirurgia plastica Chirurgia refrattiva Chirurgia senologica Chirurgia toracica Chirurgia toracico-vascolare Chirurgia vascolare Consulente Olistico Consulente Professionale in Allattamento Materno Counseling Criminologia Cure termali Day hospital Day surgery Dermatologia Dermosifilopatia Diabetologia Diagnostica per immagini Dietologia Educatore Professionale Ematologia Emodialisi Emodinamica e chirurgia endoluminale Endocrinologia Endodonzia Endoscopia Epatologia Farmacia Farmacologia clinica Fisiatria Fisiokinesiterapia Fisiopatologia della riproduzione Fisioterapia Flebologia Foniatria Gastroenterologia Genetica Geriatria Ginecologia Gnatologia Grafologia Grandi ustioni Grandi ustioni pediatriche Hospice Igiene dentale Igiene e medicina preventiva Immunologia Implantologia Infermieristica Iridologia Laboratorio analisi Logopedia Lungodegenti Malattie infettive e tropicali Medicazioni Medicina complementare Medicina del dolore Medicina del lavoro Medicina dello sport Medicina di comunità Medicina estetica Medicina fisica e riabilitativa Medicina generale Medicina interna Medicina iperbarica Medicina legale Medicina metabolica Medicina molecolare Medicina nucleare Medicina psicosomatica Medicina subacquea Medicina tropicale Microbiologia e virologia Microchirurgia Musicoterapia Naturopatia Nefrologia Nefrologia (abilitaz. al trapianto) Nefrologia pediatrica Neonatologia Neuro-riabilitazione Neurochirurgia Neurochirurgia pediatrica Neurofisiopatologia Neurologia Neuropsichiatria Neuropsichiatria infantile Neuropsicologia Neuropsicomotricità Nido Nutrizione Nutrizione e dietistica Nutrizione Olistica Oculistica Odontoiatria conservativa Odontoiatria e stomatologia Odontostomatologia Omeopatia Omotossicologia Oncoematologia Oncoematologia pediatrica Oncologia Optometria Ortodonzia Ortopedia e traumatologia Ortopedia-chirurgia della colonna vertebrale Ortottica OSA - Operatore Socio Assistenziale OSS - Operatore Socio Sanitario Ossigenoterapia Osteopatia Ostetricia Otologia Otorinolaringoiatria Parodontologia Patologia Clinica Pedagogia Clinica Pediatria Pedodonzia - odontoiatria pediatrica Pensionanti Pneumologia Podologia Posturologia Proctologia Pronto Soccorso Protesi dentaria Psichiatria Psicologia Psicoterapia Radiologia Radioterapia Radioterapia oncologica Recupero e riabilitazione funzionale Recupero e riabilitazione posturale Reumatologia Riabilitazione Riabilitazione cardiologica Riabilitazione neuromotoria e ortopedica Riabilitazione ortopedica Riabilitazione psiconeurogeriatrica Rianimazione RSA - Case di Riposo Salute mentale Scienza dell'Alimentazione Senologia Sessuologia Shiatsu Stroke unit Tecniche di radiologia medica Tecnico Audioprotesista Tecnico Ortopedia Tecnico sanitario di neurofisiopatologia Terapia del dolore Terapia intensiva Terapia intensiva neonatale Tossicologia Unità coronarica Unità spinale Urologia Urologia pediatrica Vulnologia Week surgery
Sei un professionista sanitario? Iscriviti

Adenoma all’ipofisi: come riconoscerlo e curarlo (in tempo)

Adenoma all’ipofisi: come riconoscerlo e curarlo (in tempo)

L’adenoma ipofisario è un tipo di tumore benigno che interessa la ghiandola pituitaria (o ipofisi), situata al di sotto del chiasma, dei nervi ottici e dell’ipotalamo, che svolge diverse funzioni nella crescita, nello sviluppo neuropsichico e puberale, nel metabolismo energetico, nella regolazione del bilancio energetico, della temperatura corporea e del bilancio idrico ed elettrolitico. È coinvolta anche nel comportamento sessuale e nella funzione riproduttiva, nella gravidanza e nell’allattamento, e nei meccanismi di risposta agli stress.

Questo adenoma è una delle neoplasie intracraniche più comuni. Per combattere lo sviluppo delle cellule cancerogene, la prevenzione e la diagnosi preventiva rimangono le terapie più efficace.

Come si riconosce l’adenoma ipofisario

Per diagnosticare un adenoma ipofisario ai primi stadi del suo sviluppo, bisogna saper riconoscerne tempestivamente i sintomi. Tra questi i più comuni sono quelli neurologici, dovuti alla compressione che la massa neoplastica esercita sui nervi:

  • Mal di testa (o cefalea)
  • Alterazioni nel campo visivo
  • Perdita della vista (se comprime il chiasma ottico)

Il tumore, inoltre, è spesso collegato a cambiamenti d’equilibrio nella secrezione di ormoni a livello ipofisario, quindi potrebbero presentarsi simboli legati proprio a queste alterazioni ormonali, come:

  • Mutamenti del ciclo mestruale
  • Calo del desiderio sessuale
  • Cambiamenti nella composizione corporea
  • Alterazioni della pressione arteriosa
  • Alterazioni nei livelli di colesterolo e trigliceridi
  • Alterazioni glicemiche
  • Osteopenia e osteoporosi, alterazioni dei livelli di sodio e potassio in circolo nell’organismo

Nello specifico, le alterazioni dell’equilibrio si presentano sotto forma di ipersecrezione ormonale. Se è coinvolta anche la produzione di prolattina si parla di prolattinomi, che rappresentano circa il 40-50% dei tumori ipofisari. I difetti nella secrezione, però, possono essere anche riconducibili a un sottotipo di tumore pituitario, ovvero l’adenoma ipofisario non secernente.

Adenoma ipofisario: cosa fare? Diagnosi e cura

Quando un paziente si presenta con i sintomi di un adenoma ipofisario, sulla base della presentazione clinica e dei dati anamnestici, si effettuano esami ormonali mirati.

Questi test servono per rilevare i livelli di ormoni prodotti dall’ipofisi, per verificare il corretto funzionamento della ghiandola. Per una valutazione più accurata di alcune funzioni endocrine, si devono inoltre eseguire test dinamici con prelievi ormonali effettuati dopo la somministrazione di farmaci specifici.

La visita medica potrebbe prevedere anche un esame neurologico, con lo scopo di individuare eventuali disturbi a carico del sistema nervoso, causati dalla compressione della massa tumorale.

Viene, inoltre, solitamente svolta anche una valutazione oculistica, relativa ai sintomi di alterazione o perdita della vista, per diagnosticare disturbi visivi dovuti alla compressione del chiasmo ottico.

Infine, per definire la dimensione della massa tumorale, si effettuano esami di imaging, come la tomografia computerizzata (TC) o la risonanza magnetica (RM) cerebrale con mezzo di contrasto.

Come si cura l’adenoma ipofisario? La terapia – la cui efficienza viene determinata soprattutto dalla diagnosi precoce – viene di solito stabilita in collaborazione tra diversi specialisti, tra cui l’endocrinologo, il neurochirurgo e il neurologo, e prevede tre vie:

  • Terapia farmacologica
  • Radioterapia
  • Intervento chirurgico

La terapia medica impiega l’uso di neurofarmaci e neurormoni inibitori (dopaminergici e analoghi della somatostatina), in grado di limitare la secrezione eccessiva di ormoni e di ridurre le dimensioni dell’adenoma ipofisario.

La radioterapia preoperatoria è solitamente riservata ai pazienti non operabili. Nel post-operatorio, invece, è un ottimo ausilio come completamento terapeutico nei pazienti non trattati radicalmente con l’intervento chirurgico. Fra le diverse metodiche, le principali sono la radioterapia classica e la radioterapia sterotassica (gamma-knife).

La terapia chirurgica consiste in un’adenomectomia, ovvero nell’asportazione dell’adenoma. Quest’intervento viene solitamente effettuato per via transnasosfenoidale mentre la via transcranica è riservata ai grossi adenomi con sviluppo extrasellare. Il successo dipende in gran parte dall’esperienza dell’operatore e dal tipo di adenoma: si aggira intorno al 70-90% nei microadenomi non invasivi, al 50% nei microadenomi invasivi e al 25-40% nel caso di macroadenomi invasivi.

Tra le conseguenze dell’intervento, anche se rara, c’è la comparsa di deficit ormonali. Possibili, ma rarissime, complicazioni sono emorragie, rinoliquorrea, meningiti, più frequenti negli interventi effettuati per via transuranica.

Con la terapia chirurgica, la maggior parte dei pazienti riesce a guarire completamente. Inoltre, l’adenoma ipofisario è un tipo di tumore che tende difficilmente ad avere delle recidive. È qui, quindi, che la diagnosi precoce diventa fondamentale e può fare la differenza.

comments powered by Disqus