Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Malattie
  4. Prolattinoma

Prolattinoma

Prolattinoma
Curatore scientifico
Dr. Gianfranco Blaas
Specialità del contenuto
Ginecologia

Che cosa è un prolattinoma (tumore ipofisario)?

Il prolattinoma è un tumore benigno (adenoma ipofisario) della ghiandola pituitaria nel cervello, dovuto all’aumento del valore della prolattina ormonale. L'effetto principale è il livello ridotto di alcuni ormoni sessuali, l'estrogeno nelle donne e il testosterone negli uomini.

Anche se il prolattinoma non è pericoloso per la vita, può compromettere la vista, causare infertilità e produrre altri effetti.
I medici possono trattare il prolattinoma con alcuni farmaci per riportare il livello di prolattina al normale. Anche la chirurgia per rimuovere il tumore pituitario potrebbe essere un'opzione.

Qual è la funzione normale di prolattina?

La prolattina stimola i tessuti del seno durante la gravidanza per ingrandirlo. Ogni volta che il bambino viene allattato, i livelli di prolattina favoriscono la produzione del latte.

Qual è la ghiandola pituitaria?

La ghiandola pitutaria, a volte chiamata ghiandola maestra, produce prolattina e una serie di altri ormoni chiave tra cui: l'ormone della crescita, che come indica il nome, regola la crescita, ACTH (ormone ACTH) che stimola le ghiandole surrenali a produrre cortisolo, in particolare durante eventi stressanti (chirurgia, ecc.).

L'ormone stimolante della tiroide (TSH) permette alla tiroide di produrre ormoni tiroidei e l'ormone luteinizzante (LH), ormone follicolo-stimolante (FSH) che regolano l'ovulazione e la produzione di estrogeni e progesterone nelle donne e la formazione degli spermatozoi e testosterone di produzione negli uomini.

Dove si trova la ghiandola pituitaria?

La ghiandola pituitaria si trova nel centro della testa in una scatola ossea che assomiglia ad una sella e si chiama sella turcica. Dal momento che l'ipofisi è in uno spazio ristretto, una crescita abnorme può provocare segni e sintomi secondari alla compressione della ghiandola.

Quali problemi sono causati dal prolattinoma?

Il prolattinoma può causare un aumento della produzione di uno o più ormoni ipofisari. La stessa lesione può danneggiare il tessuto circostante normale e quindi ridurre la funzione della ghiandola pituitaria (una condizione chiamata ipopituitarismo).

L'allargamento della ghiandola pituitaria può anche causare sintomi locali, quali mal di testa (a causa della maggiore pressione se il sistema fluido, il bagno del cervello, è bloccato o stimolato) o disturbi visivi (a causa della vicinanza della ghiandola pituitaria al nervo ottico).

Come diagnosticare un prolattinoma?

Un prolattinoma è uno dei più comuni tumori ipofisari. Dall'autopsia di routine (post-mortem), alcuni studi hanno dimostrato che circa un quarto (25%) della U. S. popolazione ha piccoli tumori ipofisari. Circa il 40% di questi tumori pituitari porta a produrre prolattina, ma la maggior parte non sono considerati clinicamente significativi perché producono nulla di anormale e non causano sintomi.I tumori ipofisari clinicamente significativi influiscono sulla salute di circa 14 su 100.000 persone (o 1 in circa 7.000 persone).

Quanti tipi di prolattinoma esistono?

Il prolattinoma di solito è classificato in 2 gruppi:

  • microadenomi che hanno una grandezza di meno di 1 cm - macroadenomi che sono 1 centimetro

La dimensione può giocare un ruolo nei sintomi causati dalla compressione locale e può determinare la terapia di scelta.

Che cosa provoca un prolattinoma?

Per quanto concerne il prolattinoma anche se la ricerca continua per trovare le cause della crescita cellulare disordinata, le fonti di molti tumori pituitari, tra cui prolattinomi, rimangonoancora sconosciute.

La maggior parte dei tumori ipofisari può apparire sporadicamente, nel senso che nessun altro in famiglia ha avuto un tumore pituitario. Alcuni pazienti con prolattinomi hanno una malattia genetica chiamata neoplasia endocrina multipla di tipo I (MEN1). MEN1 è una malattia ereditaria caratterizzata da una alta frequenza di ulcera peptica e la produzione anormale di ormoni da parte del pancreas, paratiroidi, ipofisi e ghiandole. I prolattinomi sono una caratteristica di MEN1. Un piccolo numero di persone che hanno la tendenza familiare a sviluppare prolattinomi non sembrano avere MEN1. Il gene (s) responsabile di tali casi di prolattinoma non sono ancora stati completamente identificati.

Quali sono i sintomi causati da un prolattinoma?

Non ci sono segni o sintomi notevoli causati dal prolattinoma. Tuttavia, i segni e i sintomi possono derivare da un’eccessiva quantità di prolattina nel sangue (iperprolattinemia) o dalla pressione sui tessuti circostanti provocata da un grande tumore. Poiché la prolattina elevata può interrompere il sistema riproduttivo (ipogonadismo), alcuni dei segni e sintomi del prolattinoma sono specifici per le femmine o per i maschi.

Nelle femmine, il prolattinoma può causare:

  • periodi mestruali irregolari (oligomenorrea) o assenza dei periodi mestruali (amenorrea)
  • fuoriuscita di latte dai seni (galattorrea) quando non si è in stato di gravidanza o allattamento al seno
  • secchezza vaginale
  • acne ed eccessiva crescita dei peli del corpo e del viso (irsutismo)

Nei maschi, il prolattinoma può causare:

In entrambi i sessi, il prolattinoma può causare:

  • bassa densità ossea
  • riduzione di altre produzioni ormonali della ghiandola pituitaria (ipopituitarismo) a seguito della pressione tumorale
  • perdita di interesse per l'attività sessuale
  • mal di testa
  • disturbi visivi
  • infertilità

Le donne tendono a notare segni e sintomi prima degli uomini, quando i tumori sono di dimensioni più piccole, probabilmente perché sono allertate dai periodi mestruali mancanti o irregolari. Gli uomini tendono a notare segni e sintomi più tardi, quando i tumori sono più grandi e hanno più probabilità di causare problemi di cefalea o di vista.

Cos'altro può comportare l'aumento di prolattina?

Oltre al prolattinoma in alcune persone, alti livelli ematici di prolattina possono essere ricondotti a cause che non siano date da un prolattinoma.

Altri tumori possono bloccare il flusso di dopamina dal cervello che normalmente inibisce la prolattina. Tali tumori cosiddetti ''misti'' sorgono nella zona della ghiandola pituitaria e sono quelli che rilasciano l'ormone della crescita eccessiva (acromegalia) o stimolano la produzione di cortisolo (sindrome di Cushing).

Questi possono anche portare l'ipofisi a secernere più prolattina. La stimolazione del seno può modestamente aumentare la quantità di prolattina nel sangue. Muro trauma toracico (per esempio, una ferita da una ruota di un'auto dopo un incidente di sterzo) può portare a un aumento dei livelli di prolattina.

L'uso della marijuana è anche una causa ben documentata che favorisce elevati livelli di prolattina.

Come riconoscere un prolattinoma?

Un prolattinoma si riconosce dall' aumento di ormone prolattina nel corpo rilevato da un esame del sangue. I livelli ematici di prolattina sono spesso indicati in donne con la secrezione di latte inspiegabile (galattorrea), mestruazioni irregolari, o di infertilità e, negli uomini con disfunzione sessuale o secrezione di latte (molto raro negli uomini).

Se il livello di prolattina è alto, la funzione della tiroide di solito va controllata e vanno fatte indagini circa condizioni e farmaci noti per la capacità di aumentare la secrezione di prolattina.La risonanza magnetica (MRI) è il test più sensibile per il rilevamento e la misurazione prolattinomi.

La risonanza magnetica può essere ripetuta periodicamente per valutare la progressione del tumore e gli effetti della terapia. La Tomografia computerizzata (TC) fornisce anche un'immagine della ghiandola pituitaria, ma è meno sensibile rispetto alla risonanza magnetica per il rilevamento di un prolattinoma. Oltre a valutare le dimensioni del tumore pituitario sulla risonanza magnetica, i medici possono anche cercare danni ai tessuti circostanti.

Che follow-up test va fatto dopo una diagnosi di prolattinoma?

Quando si è trovato un prolattinoma vanno effettuati altri test per valutare la produzione di ormoni supplementari alla ghiandola pituitaria. A seconda delle dimensioni del tumore, il medico può anche richiedere un esame della vista per misurare i campi visivi.

Quali sono gli obiettivi di trattamento?

Il trattamento ha come obiettivi:

  • ritorno alla secrezione normale di prolattina
  • riduzione delle dimensioni del tumore
  • correzione di eventuali anomalie della vista
  • ripristino della normale funzione della ghiandola pituitaria

Se il tumore è molto grande è auspicabile anche solo un parziale raggiungimento di questi obiettivi.

Come è trattato un prolattinoma?

Un prolattinoma, di solito, è inizialmente trattato con farmaci. La chirurgia è considerata se i farmaci non possono essere tollerati o se non sono efficaci.Il trattamento medico può essere solo parziale.

In questi casi, i farmaci possono essere combinati con la chirurgia o la radioterapia.

È concepibile una gravidanza o l'uso di contraccettivi orali in caso di porlattinoma?

Se una donna ha un prolattinoma piccolo, di solito, non c'è ragione per cui non possa concepire ed avere una gravidanza normale, sempre, però, dopo il successo della terapia medica. Tuttavia le donne con tumori secernenti prolattina possono vivere un ulteriore allargamento della ghiandola pituitaria e devono essere attentamente monitorate durante la gravidanza.

Nelle donne con tumori di grandi dimensioni, il rischio di danni ai nervi pituitari o agli occhi è più grande. Se una donna ha già portato a termine una gravidanza, la probabilità di future gravidanze di successo è estremamente alto.

Una donna con un prolattinoma dovrebbe esprimere prima al suo medico il desiderio di concepire un bambino così da poter valutare attentamente i rischi prima della gravidanza.Tale valutazione include tipicamente una risonanza magnetica (MRI) per valutare le dimensioni del tumore e una visita oculistica con misurazione del campo visivo.

Non appena la paziente rimane incinta, il suo medico di solito consiglia di interrompere la bromocriptina (Parlodel) o cabergolina (Dostinex).Per quanto riguarda i contraccettivi orali, i pazienti con prolattinomi che sono trattati con bromocriptina (Parlodel) o cabergolina (Dostinex) possono assumere anche contraccettivi orali. Allo stesso modo, in post-menopausa in sostituzione degli estrogeni.

Il prolattinoma espone al rischio di osteoporosi?

Il prolattinoma o l'iperprolattinemia può causare una riduzione della produzione di estrogeni. Sebbene la produzione di estrogeni può essere ripristinata dopo il trattamento per l'iperprolattinemia, anche un anno o due senza estrogeni possono ridurre la resistenza delle ossa.

Le donne dovrebbero proteggersi da osteoporosi attraverso un regolare esercizio fisico e una maggiore assunzione di calcio dato da dieta o supplementazione, importante inoltre è evitare di fumare.

Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Polipo endometriale
Il polipo endometriale è una malattia che colpisce l'utero; un polipo può essere benigno o maligno.
Micoplasma
I micoplasmi sono le più piccole forme batteriche in grado di vita autonoma. Sono batteri ubiquitari che vivono sia come saprofiti sia co...
Polipo Cervicale
I Polipi Cervicali (o Polipi della Cervice) sono neoformazioni tumorali benigne, che si originano dall'epitelio della cervice uterina. Si...