icon/back Indietro Esplora per argomento

Artrite e malattie intestinali: sì, esiste un legame (a cui non sempre si pensa)

Redazione

Ultimo aggiornamento – 23 Febbraio, 2022

Artralgia e malattia di Chron

Quando si ha a che fare con una malattia cronica intestinale, spesso si fanno i conti anche con altri disturbi, scientificamente noti come manifestazioni extraintestinali (EIM). Tra questi, la spondiloartrite, l'eritema nodoso e le infiammazioni oculari. 

Ma sono i problemi alle articolazioni ad essere le complicanze secondarie più comuni in chi è affetto da malattia di Crohn e colite ulcerosa. In particolare, l’artrite e l'atralgia (dolore in assenza di infiammazione) colpiscono circa il 20% dei pazienti. 

Approfondiamo di più.

Artropatie e malattie croniche intestinali 

Ci sono alcune artropatie legate alle malattie croniche intestinali, solitamente divise in: 

  • Artrite periferica
  • Artrite assiale
  • Spondilite anchilosante

Artrite periferica

L'artrite periferica si manifesta principalmente con una forma di dolore concentrato su ginocchia, caviglie, polsi, gomiti e fianchi.

Chi ne soffre sperimenta una forte mialgia durante le cosiddette "fasi acute", anche per due mesi, in concomitanza con i periodi di ritorno della MICI. Le articolazioni colpite risultano calde, gonfie e doloranti. Come fare a diagnosticarla? Non si procede con un solo esame, ma con una serie di test (analisi del sangue, dei fluidi articolari e raggi X), in grado di definire un quadro clinico.  

In questi casi, ad aiutare i pazienti possono essere la fisioterapia e un trattamento farmacologico a base di farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS), laddove possibile, considerando anche i disturbi intestinali paralleli.   

Nella maggior parte dei casi, infatti, i medici curano i sintomi dell'artrite periferica controllando in primis l'infiammazione all'interno del colon. 

Artrite assiale

L'artrite assiale, meglio conosciuta come spondilite, causa dolore e rigidità nella colonna vertebrale inferiore e nelle articolazioni sacro-iliache (schiena bassa). In alcuni pazienti, è stato riscontrato come i sintomi della malattia possano comparire mesi o addirittura anni prima delle MICI.

L'artrite assiale colpisce soggetti più giovani ed è pericolosa perché può generare danni permanenti, se le ossa della colonna vertebrale si fondono insieme. 

Il trattamento è, quindi, molto importante: fisioterapia, con esercizi posturali e di stretching, e la termoterapia sono due forme di cure comuni.

Cos'è la spondilite anchilosante

La spondilite anchilosante (o artrite spinale), è una complicanza più rara, che si manifesta nel 2-3% delle persone con malattie croniche intestinali, soprattutto in chi ha malattia di Crohn e meno di 30 anni. 

La causa della spondilite anchilosante non è chiara, ma i pazienti condividono un marcatore genetico. Oltre a generare l'artrite della colonna vertebrale e delle articolazioni sacro-iliache, la spondilite anchilosante può scatenare infiammazioni agli occhi, ai polmoni e alle valvole cardiache.

Per la cura, si procede con il calmare il dolore, garantendo il movimento della colonna vertebrale. 

Le cause genetiche delle artropatie legate 

Queste forme di artriti nei pazienti con MICI sono legate a fattori genetici: comune è la presenza di HLA-B27, un antigene che controlla la risposta immunitaria, e dell'allele HLA raro chiamato HLA-DR103.

Gli studi in atto sono mirati a comprendere ancor meglio il concetto di comorbidità, nell'ottica della prevenzione e del miglioramento della vita dei pazienti colpiti da malattie croniche tanto gravi.

Condividi
Redazione
Scritto da Redazione

La redazione di Pazienti.it crea contenuti volti a intercettare e approfondire tutte le tematiche riguardanti la salute e il benessere psificofisico umano e animale. Realizza news e articoli di attualità, interviste agli esperti, suggerimenti e spunti accuratamente redatti e raccolti all'interno di categorie specifiche, per chi vuole ricercare e prendersi cura del proprio benessere.

Revisionato da Dr.ssa Elisabetta Ciccolella
Le informazioni proposte in questo sito non sono un consulto medico. In nessun caso, queste informazioni sostituiscono un consulto, una visita o una diagnosi formulata dal medico. Non si devono considerare le informazioni disponibili come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento o l’assunzione o sospensione di un farmaco senza prima consultare un medico di medicina generale o uno specialista.
Redazione
Redazione
in Salute

1769 articoli pubblicati

Revisionato da Dr.ssa Elisabetta Ciccolella
Contenuti correlati
tosse-da-reflusso
Tosse da reflusso: cos’è e come si cura

La tosse da reflusso è un sintomo fastidioso legato al reflusso e che spesso resiste alla terapia farmacologica: ecco cos’è la tosse da reflusso e come si cura

icon/chat