Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Calprotectina alta o bassa? Capiamo perché

Calprotectina alta o bassa? Capiamo perché

Ultimo aggiornamento – 28 agosto, 2019

Calprotectina alta o bassa: come interpretare i valori
Indice

Hai mai sentito parlare di calprotectina? La calprotectina è una proteina con proprietà antibatteriche e antimicotiche rilasciata da un tipo di globuli bianchi, chiamati neutrofili, il cui ruolo è quello di aiutare il corpo a difendersi dalle infezioni e dalle sostanze estranee.

Quando vi è un’infiammazione nel tratto gastrointestinale, i neutrofili si spostano in quest’area e rilasciano calprotectina, la cui concentrazione aumenta nelle feci. Per questo motivo il test che misura il livello di calprotectina nelle feci è considerato un modo per rilevare un’infiammazione nell’intestino.

Cerchiamo di capirne di più.

Cause e i sintomi di una malattia infiammatoria intestinale cronica

La malattia infiammatoria intestinale cronica può essere causata da alcune infezioni batteriche o virali, da cause genetiche o ambientali. I sintomi frequenti di un’infiammazione intestinale sono:

  • Diarrea
  • Ulcere sanguinanti (sottoforma di sangue nelle feci)
  • Mal di stomaco
  • Crampi
  • Gonfiore
  • Perdita di peso e anemia

Le patologie infiammatorie dell’intestino più comuni sono la malattia di Crohn (una malattia autoimmune, in cui il sistema immunitario aggredisce il tratto gastrointestinale) e la colite ulcerosa.

Il ruolo della calprotectina nella diagnosi di malattia intestinale

Il test della calprotectina non è diagnostico, è vero. Ma può essere usato per distinguere tra malattia infiammatoria intestinale cronica e disturbi non infiammatori, così come per monitorare la gravità di eventuali patologie.

Di solito, il medico prescrive il test della calprotectina per rilevare la causa di una diarrea o di sanguinamenti persistenti. Questo test viene talvolta accoppiato ad altri esami, utili per evidenziare un’infezione batterica, la presenza di un parassita o di globuli bianchi nelle feci.

Se c’è un sospetto di infiammazione, può anche essere effettuato un esame del sangue che rilevi l’infiammazione nel corpo, come il dosaggio della proteina C-reattiva, prodotta dal fegato durante uno stato infiammatorio. Il test della calprotectina può aiutare a determinare la necessità o meno di un’endoscopia.

Livelli di calprotectina: alti o bassi?

Vediamo insieme come il medico interpreterà i valori ottenuti dal test di calprotectina.

Un risultato negativo con valori inferiori a 50 µg/g indica che probabilmente i sintomi non sono causati da una malattia di infiammazione intestinale cronica. Se i campanelli d’allarme persistono – ma il livello di calprotectina è negativo – è necessario indagare su altre cause, quali sindrome dell’intestino irritabile, celiachia, allergie alimentari o intolleranze.

Un risultato positivo con valori> 200 μg/g indica che è necessario effettuare ulteriori indagini per determinare la causa di questi valori aumentati.

Un risultato intermedio nella gamma di valori fra i 50 e i 200 μg/g non è un’indicazione certa: il livello di calprotectina è al di sopra del normale ma è ancora inferiore a un risultato positivo.

Ci sono vari fattori che possono causare un aumento transitorio del livello di calprotectina in assenza di una malattia infiammatoria intestinale cronica, quali:

  • Infezione batterica
  • Lieve diverticolite (patologia dell’apparato digerente)
  • Assunzione di farmaci, come aspirina, ibuprofene o inibitori della pompa protonica
  • Consumo eccessivo dell’alcol

Quando i valori di calprotectina sono intermedi senza alcuna spiegazione ovvia (come i farmaci), la raccomandazione è di ripetere il test in 2-3 settimane per controllare se i valori si sono abbassati o se rimangono abbastanza elevati, tali da indurre ulteriori indagini.

In questo caso, il medico saprà indirizzare il paziente verso esami più dettagliati.

Mostra commenti
A cosa serve la saliva (e perché è così importante)
A cosa serve la saliva (e perché è così importante)
Le prime news da non perdere sulla sesta edizione dei “Digital Innovation Days Italy”
Le prime news da non perdere sulla sesta edizione dei “Digital Innovation Days Italy”
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Le 6 malattie più difficili da diagnosticare
Le 6 malattie più difficili da diagnosticare
Lo zaino pesante del tuo bambino causa davvero problemi alla schiena?
Lo zaino pesante del tuo bambino causa davvero problemi alla schiena?
Quell’assurda inclinazione dell’uomo a fare del male
Quell’assurda inclinazione dell’uomo a fare del male
Che cos’è l’alluce valgo?
Che cos’è l’alluce valgo?