Colite ulcerosa

Contenuto di: - Curatore scientifico: Dr. Natale Saccà
Indice contenuto:
  1. Cosa è la colite ulcerosa?
  2. Quali sono le cause della colite ulcerosa?
  3. Quali sono i sintomi della colite ulcerosa?
  4. Chi è colpito da colite ulcerosa?
  5. Quali sono le complicazioni della colite ulcerosa?
  6. Come si diagnostica la colite ulcerosa?
  7. Come si previene la colite ulcerosa?
  8. Come si cura la colite ulcerosa?

Cosa è la colite ulcerosa?

Colite ulcerosa

La colite ulcerosa è una patologia cronica che colpisce il colon. Il colon assimila le sostanze nutritive dai cibi non digeriti ed espelle le scorie con le feci. La colite ulcerosa provoca l’infiammazione del colon e, nei casi più gravi, provoca la formazione di ulcere nel rivestimento del colon. Queste ulcere possono sanguinare e produrre muco e pus.

Quali sono le cause della colite ulcerosa?

L’esatta causa della colite ulcerosa non è conosciuta, ma gli studi mostrano che diversi fattori contribuiscono allo sviluppo della patologia.

Fattore genetico e colite ulcerosa

Sembra che i geni ereditati dai genitori giochino un ruolo importante nello sviluppo della colite ulcerosa. Alcuni studi hanno evidenziato che circa il 16% delle persone con la colite ulcerosa hanno un parente prossimo con la stessa patologia. Inoltre, i livelli di colite ulcerosa sono più alti in alcuni gruppi etnici rispetto ad altri. I ricercatori hanno identificato un numero di geni possibili che sembrano rendere le persone più vulnerabili allo sviluppo della colite ulcerosa.

Fattore ambientale e colite ulcerosa

Anche l’ambiente e il modo in cui si vive sembra giocare un ruolo nello sviluppo della colite ulcerosa. La patologia è molto più comune in alcune parti del mondo, particolarmente nelle aree urbane nelle parti settentrionali dell’Europa Occidentale e dell’America. Sono stati individuati alcuni fattori ambientali tra cui:

  • inquinamento atmosferico
  • dieta: l’alimentazione occidentale è ricca di carboidrati e grassi, il che può spiegare perchè le persone asiatiche, che tendono ad avere un’alimentazione povera di carboidrati e grassi, sono meno soggetti alla colite ulcerosa
  • igiene: i bambini sono allevati in ambienti sempre più sterili e puliti, ma è possibile che il sistema immunitario abbia bisogno di essere esposto ai germi per svilupparsi correttamente

Sistema immunitario e colite ulcerosa

Alcuni ricercatori credono che un’infezione batterica o virale inneschi la difesa naturale del corpo, il sistema immunitario. Il sistema immunitario risponde all’infezione causando l’infiammazione associata alla colite ulcerosa, ma per qualche ragione, il sistema immunitario non si arresta una volta passata l’infezione e continua a causare l’infiammazione. Una delle teorie più accreditate ritiene che il sistema immunitario confonda i "batteri amici" che si trovano nel colon con un’infezione. Quindi, esso cerca di fermare il diffondersi di quella che crede essere un’infezione provocando l’infiammazione del colon.

Quali sono i sintomi della colite ulcerosa?

I sintomi della colite ulcerosa possono variare in base alla porzione di colon infettato e al livello d’infiammazione. I sintomi più comuni sono:

Possono anche essere presenti:

  • stanchezza e affaticamento
  • perdita di appetito e dimagrimento
  • anemia
  • febbre
  • disidratazione
  • perdita di peso
  • costante bisogno di svuotare l’intestino (tenesmo)

Spesso i sintomi sono peggiori al mattino appena svegli. Molte persone con questa patologia passeranno lunghi periodi di mesi o anni in cui avranno pochi sintomi, se non addirittura nessuno. Tuttavia, se la patologia non viene curata, i sintomi si ripresenteranno.

Chi è colpito da colite ulcerosa?

La colite ulcerosa non è una patologia comune. Di solito si manifesta tra i 15 e i 30 anni ed è più comune nelle persone di origine europea.

Quali sono le complicazioni della colite ulcerosa?

Colangite sclerosante primitiva e colite ulcerosa

La colangite sclerosante primitiva è una complicazione comune della colite ulcerosa che colpisce circa una persona su 20. La colangite sclerosante primitiva avviene quando i dotti biliari, che sono piccoli canali usati per trasportare la bile fuori dal fegato e all’interno dell’apparato digerente, diventano progressivamente infiammati e danneggiati nel tempo. Di solito la colangite sclerosante primitiva non causa sintomi finché la patologia non ha raggiunto uno stadio avanzato. I sintomi possono comprendere:

  • spossatezza
  • diarrea
  • pelle pruriginosa
  • perdita di peso
  • brividi
  • febbre a 38°C
  • itterizia

Non esiste alcun trattamento diretto per la colangite sclerosante primitiva, ma alcuni farmaci possono essere usati per alleviare molti dei sintomi.

Tumore dell’intestino e colite ulcerosa

Le persone affette da colite ulcerosa hanno un maggior rischio di sviluppare il tumore dell’intestino (cancro del colon, del retto o dell’intestino tenue), specialmente se la patologia è grave o estesa. Per ridurre il rischio di sviluppare il tumore dell’intestino, bisognerebbe tenere un’alimentazione sana e bilanciata, ricca di frutta fresca e verdura. Inoltre, è importante svolgere regolare attività fisica, mantenendo un peso sano ed evitando alcol e fumo. Assumere gli aminosalicilati come da prescrizione dovrebbe contribuire a ridurre il rischio tumore dell’intestino.

Osteoporosi e colite ulcerosa

L’osteoporosi è una complicazione comune che colpisce circa il 15% delle persone con la colite ulcerosa. L’osteoporosi è una patologia che colpisce le ossa, rendendole sottili e fragili. La condizione non è causata direttamente dalla colite ulcerosa, ma si sviluppa come effetto collaterale dell’uso prolungato di steroidi.

Megacolon tossico e colite ulcerosa

Il megacolon tossico è una complicazione rara e seria che si verifica in circa il 5% dei casi di colite ulcerosa grave. Nei casi gravi d’infiammazione, i gas possono rimanere intrappolati nel colon, provocandole il gonfiore. Questo è pericoloso perché può mandare il corpo in shock (un repentino calo di pressione), può rompere il colon e può causare l’infezione nel sangue (setticemia).I sintomi del megacolon tossico comprendono:

  • dolore addominale
  • disidratazione
  • febbre
  • battito cardiaco rapido

Il megacolon tossico può essere curato con la somministrazione di liquidi endovenosi, antibiotici e steroidi. Allo stesso tempo, occorre inserire un tubicino nel retto e nel colon del paziente cosi che il gas possa essere estratto e il colon decompresso.

Come si diagnostica la colite ulcerosa?

Inizialmente, il medico farà domande riguardo ai sintomi, alla salute generale e alla storia medica del paziente. Successivamente, effettuerà la visita medica per cercare alcuni segni come pallore (causato dall’anemia), e morbidezza nello stomaco (causata dall’infiammazione). Il passo successivo consiste nell’analizzare il sangue e un campione delle feci. Le analisi del sangue possono determinare la presenza o meno di anemia. Ci sono altri due esami del sangue speciali chiamati analisi del tasso di eritrociti nel sedimento ed esame della proteina C reattiva. Le feci saranno analizzate per vedere se vi è un’infezione. Possono essere fatte anche delle radiografie per determinare l’estensione della patologia.

Sigmoidoscopia e colite ulcerosa

La diagnosi dovrà poi essere confermata esaminando direttamente il livello e l’estensione dell’infiammazione dell’intestino. Questo esame viene eseguito inizialmente usando un sigmoidoscopio, un tubicino flessibile contenente una telecamera che viene inserito nel retto. La procedura non è dolorosa, ma potrebbe essere necessario un sedativo per aiutare il paziente a rilassarsi. Questo esame richiede circa 15 minuti. Il sigmoidoscopio è in grado di sondare soltanto il retto e la parte più bassa del colon. Se si pensa che la colite ulcerosa abbia colpito una parte più importante del colon, sarà necessario eseguire un ulteriore esame, la colonscopia.

Colonscopia e colite ulcerosa

La colonscopia utilizza un tubicino più lungo e più flessibile, chiamato colonscopio, che permette di esaminare l’intero colon. Prima dell’esame è necessario che il colon sia completamente libero. Quindi, il paziente deve prendere un forte lassativo prima dell’esame per poter svuotare l’intestino. La procedura non è dolorosa, però può essere fastidiosa. Solitamente, sono somministrati dei sedativi per aiutare il paziente a rilassarsi. La procedura richiede circa trenta minuti.

Come si previene la colite ulcerosa?

Alimentazione e colite ulcerosa

Anche se l’alimentazione non sembra avere un ruolo nel causare la colite ulcerosa, essa può aiutare a controllare la patologia. I seguenti consigli possono essere d’aiuto:

  • tenere un diario dei cibi: si può scoprire che alcuni cibi sono tollerati, mentre altri contribuiscono a far peggiorare i sintomi. Tenendo una registrazione di ciò che si mangia e quando, si può essere in grado di eliminare i cibi problematici dalla propria dieta
  • consumare piccoli pasti: mangiare cinque o sei pasti più piccoli al giorno, anziché fare tre pasti principali, potrebbe portare benefici
  • bere molti liquidi: è facile disidratarsi quando si ha la colite ulcerosa, poiché si perdono molti liquidi attraverso la diarrea. L’acqua e’ la miglior fonte di liquidi. E’ bene evitare la caffeina e l’alcol perché potrebbero far peggiorare la diarrea, e le bevande gassate perché provocano gas
  • integratori alimentari: il medico può prescrivere degli integratori alimentari perché è possibile che il paziente non riesca ad assorbire vitamine e minerali sufficienti, come il calcio e il ferro

Stress e colite ulcerosa

Anche se lo stress non causa la colite ulcerosa, gestire con successo i propri livelli di stress può ridurre la frequenza dei sintomi. I seguenti consigli possono essere d’aiuto:

  • esercizio
  • tecniche di rilassamento
  • comunicazione

Come si cura la colite ulcerosa?

Una volta che la diagnosi è confermata, il paziente sarà inviato da un gastroenterologo che determinerà la gravità della patologia e studierà una terapia di cura. La gravità della colite ulcerosa sarà stimata usando un numero di fattori, tra cui:

  • quante volte si defeca
  • se vi è del sangue nelle feci
  • se si hanno sintomi di febbre
  • quanto controllo il paziente ha sulla propria vescica
  • la salute generale

I casi lievi o moderati possono essere curati in ambulatorio o a casa. I casi più gravi richiedono il ricovero in ospedale. Esistono due tipi di trattamento:

  • gestire la colite ulcerosa attiva: curare i sintomi finchè non vanno in remissione
  • mantenere la remissione: usare il trattamento per prevenire il ritorno dei sintomi

Gestire la colite ulcerosa attiva

Esistono tre tipi di farmaci che sono usati per gestire la colite ulcerosa attiva:

  • aminosalicilati: rappresentano la prima opzione di trattamento per la colite ulcerosa lieve o moderata. Aiutano a ridurre l’infiammazione e possono essere assunti in forma di capsule, supposte o attraverso un clistere.
  • steroidi: agiscono in maniera simile agli aminosalicilati, riducendo l’infiammazione, però sono più forti. Come gli amino salicilati, anche gli steroidi possono essere somministrati per via orale, topica o attraverso una supposta o un clistere.
  • immunosoppressori: se la patologia ancora non risponde al trattamento, il medico può prescrivere dei farmaci immunosoppressori, a volte in abbinamento ad altre medicine. Gli immunosoppressori possono essere prescritti anche se si decide di sospendere il trattamento con steroidi per ridurre i possibili effetti collaterali.Gli immunosoppressori agiscono riducendo o sopprimendo il sistema immunitario. Questo interromperà l’infiammazione causata dalla colite ulcerosa.

Gestire la colite ulcerosa attiva grave

La colite ulcerosa attiva grave dovrà essere curata in ospedale. Questo perché la colite grave comporta il rischio di disidratazione, malnutrizione e complicazioni potenzialmente fatali, come la rottura del colon. Saranno somministrati fluidi per endovena per combattere la disidratazione. La patologia può essere curata con iniezioni di steroidi e di immunosoppressori.

Mantenere la remissione della colite ulcerosa

Una volta che i sintomi sono in remissione, assumere una dose regolare di amino salicilati dovrebbe aiutare a prevenire la ricomparsa dei sintomi. Se la patologia si ripresenta frequentemente, si raccomanda una dose regolare di immunosoppressori.

Intervento chirurgico e colite ulcerosa

Se la colite ulcerosa non risponde alle cure mediche intensive, allora sarà necessario l’intervento chirurgico. Il paziente può anche considerare l’intervento chirurgico nel caso in cui la terapia di mantenimento si riveli inefficace e la patologia influenzi la qualità della vita.