icon/back Indietro Esplora per argomento

Cosa indicano le nostre voglie e come placarle

Redazione

Ultimo aggiornamento – 27 Ottobre, 2021

Voglie

Spesso, capita di provare un'improvvisa voglia di qualcosa di specifico. Eh no, non capita solo alle donne in dolce attesa, ma può succedere a tutti noi. Ma sapevate che le voglie possono essere dei chiari segnali che ci lancia l'organismo? 

Scopriamone di più.

Perché ho le voglie?

Molti di noi sono convinti che le voglie siano una prerogativa delle donne incinte. In realtà, a tutti noi, capita, spesso, di avere voglia di un determinato alimento.

Beh, queste che crediamo siano casuali, in realtà indicano che il nostro corpo ha carenze di un determinato alimento.

Il più delle volte, però, i cibi di cui abbiamo voglia sono ricchi di grassi o, comunque, non adatti alla nostra linea. In questi casi, possiamo sostituirli con un alimento più salutare, che plachi, allo stesso modo, la carenza di cui soffriamo.

Come interpretare le voglie?

Il nostro organismo, quindi, ci invia dei segnali che dobbiamo interpretare. Vediamo quali sono:

  • carenza di cromo (utile a potenziare la funzione dell’insulina e a influenzare il metabolismo dei carboidrati, delle proteine e dei grassi): potremmo, ad esempio, avere voglia di pasta o pane. Se già mangiamo troppi carboidrati, possiamo placare la voglia sostituendo pane e pasta con uova e avocado;
  • carenza di calcio: potremmo aver voglia di bevande gassate che potremmo sostituire con latte di soia, latte di mandorla o frullato di banane;
  • carenza di zinco: la voglia ricorrente è quella di carne rossa, che può essere placata con della frutta secca;
  • carenza di ferro: abbiamo voglia di caffè, se ne abbiamo già presi in abbondanza, possiamo prendere un succo di pomodoro;
  • carenza di vitamina B2: la voglia è quella di alcolici e, sebbene un bicchiere di vino non sia controindicato, possiamo sostituirlo anche con spinaci, yogurt o frullato di mango;
  • carenza di zolfo e fosforo: abbiamo voglia di cibi dolci che possiamo sostituire con un frullato di spirulina e mirtilli;
  • carenza di magnesio: è una delle voglie più diffuse, quella di cioccolato, tipica del periodo premestruale. Potremmo sostituire il cioccolato con merende al cacao e cereali, ma un pezzo di cioccolato non fa male;
  • carenza di calcio e acidi grassi: si manifesta sotto forma di voglia di formaggio, che possiamo placare con delle chips di cavolo nero.

Questi sono dei consigli da seguire, nel caso in cui l’alimento di cui abbiamo voglia sia già presente in dosi eccessive nel nostro stile di alimentazione giornaliero. Se così non fosse, potremmo tranquillamente assumere l’alimento di cui abbiamo voglia: non c’è modo migliore per placarla.

Come ridurre le voglie

Uno studio ha dimostrato che vi sono diverse possibilità per ridurre la sensazione di voglie; ad esempio, alti livelli di stress incrementano le voglie in un individuo. Ecco come la riduzione del proprio stress sia una delle chiavi per ridurre le voglie, soprattutto quando si soffre di fame nervosa.

Fare questo è importante anche per evitare che il proprio indice di massa corporea si innalzi troppo. Infatti, lo stress può causare un aumento di peso anche senza voglie di cibo, poiché si traduce in più elevati livelli di cortisolo, ormone dello stress, responsabile del grasso addominale.

Un altro segreto è bere molta acqua: rimanere idratati durante tutto il giorno aiuta a diminuire le voglie di cibo ed, inoltre, bere molta acqua offre numerosi benefici per la propria salute.

Anche il riposo notturno è fondamentale per non alterare l'equilibrio ormonale del corpo. Attuare un programma di sonno adeguato può addirittura indurre una perdita di peso, poiché riallinea gli ormoni presenti nel corpo.

Inoltre, occorre prestare attenzione a mangiare abbastanza proteine: una dieta ricca di proteine riduce l'appetito e la grelina, un ormone correlato proprio all'appetito.

Masticare spesso la gomma, invece, è un trucchetto per tenere la bocca costantemente occupata, riducendo il desiderio di cibi dolci e salati.

Cambiare spesso le proprie abitudini può aiutare a trovare nuove attività quotidiane da compiere, facendo dimenticare la routinaria abitudine di sgranocchiare leccornie fuori pasto.

Infine, un segreto è quello di evitare la fame: quando si è affamati, è più facile cadere nella tentazione di mangiare cibi poco salutari. Fare dei piccoli pasti durante il giorno, con snack salutari (come frutta e verdura) può aiutare a tenere lontane le voglie, poiché non si arriva mai davvero con tanta fame ai pasti principali.

Provate alcune di queste tecniche per tenere a bada le vostre voglie!

Condividi
Redazione
Scritto da Redazione

La redazione di Pazienti.it crea contenuti volti a intercettare e approfondire tutte le tematiche riguardanti la salute e il benessere psificofisico umano e animale. Realizza news e articoli di attualità, interviste agli esperti, suggerimenti e spunti accuratamente redatti e raccolti all'interno di categorie specifiche, per chi vuole ricercare e prendersi cura del proprio benessere.

a cura di Dr.ssa Elisabetta Ciccolella
Le informazioni proposte in questo sito non sono un consulto medico. In nessun caso, queste informazioni sostituiscono un consulto, una visita o una diagnosi formulata dal medico. Non si devono considerare le informazioni disponibili come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento o l’assunzione o sospensione di un farmaco senza prima consultare un medico di medicina generale o uno specialista.
Redazione
Redazione
in Salute

1774 articoli pubblicati

a cura di Dr.ssa Elisabetta Ciccolella
Contenuti correlati
Un medico di base prescrive una ricetta ad una sua paziente
Durata delle ricette del medico: ecco una panoramica

Le ricette del medico hanno una durata che può variare in base alla tipologia del documento stesso: clicca qui per scoprire quali tipi esistono e quanto durano.

icon/chat