Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Notizie di salute
  3. Come curare un ascesso dentale (anche) con rimedi naturali

Come curare un ascesso dentale (anche) con rimedi naturali

Ultimo aggiornamento – 20 settembre, 2018

Come curare un ascesso dentale con rimedi naturali
Indice

Un ascesso dentale può essere causato dall’insorgenza di un’infezione nata all’interno del dente stesso. I batteri, infatti, possono penetrare nel dente quando questo si presenta scheggiato, rotto o cariato.

Una volta che i batteri penetrano, il dente si infetta, una certa quantità di pus si accumula nella zona interessata, per poi rigonfiarsi e provocare un forte dolore al dente. Se non opportunamente trattata, un’infezione di questo tipo può facilmente estendersi alle gengive e, infine, alle ossa della bocca.

Ovviamente, un ascesso dentale deve essere curata da mani esperte. Tuttavia, alcuni rimedi naturali per l’ascesso dentale possono aiutare ad alleviare il dolore e il fastidio dovuto all’infezione.

Rimedi naturali per l’ascesso al dente

Prima (e fondamentale!) regola. I seguenti rimedi naturali per l’ascesso dentale dovrebbero essere applicati insieme alle terapie prescritte dal medico che, in linea generale, potrebbero essere a base di antibiotici per denti.

Intanto, però, qualcosa può essere fatto anche in “casa” anche per l’ascesso dentale. Ecco come.

Risciacqui con acqua salata

Risciacquare la bocca con acqua salata è un metodo facile e a portata di mano per garantire sollievo temporaneo al dente con ascesso. Inoltre, favorisce la guarigione della ferita e la buona salute delle gengive.

Per una corretta procedura:

  • Mescolare 1/2 cucchiai da tè di normale sale da cucina in 1/2 di acqua di rubinetto tiepida.
  • Risciacquare la bocca con l’acqua salata; si consiglia di mantenerla in bocca e farla scorrere da lato a lato per almeno due minuti.
  • Eliminare l’acqua dalla bocca.
  • Ripetere questa procedura fino a 3 volte al giorno.

Bicarbonato di sodio

Il bicarbonato di sodio è un altro rimedio a portata di mano per trattare un ascesso dentale… potreste, infatti, già averlo in casa, su uno scaffale della cucina. Il bicarbonato di sodio è eccellente per eliminare la placca dentale, e possiede anche proprietà antibatteriche.

Dunque, come procedere con questo rimedio naturale per l’ascesso dentale?

  • Mescolare 1/2 cucchiaio da tè di bicarbonato di sodio in 1/2 bicchiere d’acqua e aggiungere un pizzico di sale.
  • Mantenere in bocca la soluzione risciacquando per almeno 5 minuti.
  • Espellere la soluzione e ripetere la procedura fino ad esaurimento.

Il metodo può essere applicato fino a due volte al giorno.

Olio d’origano

L’olio d’origano è un altro rimedio della nonna per l’ascesso dentale, che può essere reperito in un negozio di alimenti biologici così come in un classico supermercato. Questa sostanza ha interessanti proprietà antiossidanti e antibatteriche, e favorisce lo sgonfiamento e la riduzione del dolore al dente con ascesso.

  • Applicare poche gocce di olio d’origano su un pezzetto o una pallina di cotone.
  • Tenere premuto il cotone imbevuto con l’olio d’origano sulla zona infettata per 2-3 minuti.
  • Rimuovere il cotone e mantenere l’olio sul dente per circa 10 minuti, prima di risciacquare.

Da ripetere per 3 volte al giorno al massimo.

Impacco freddo

Un impacco freddo aiuterà a ridurre il dolore e il gonfiore causato da un ascesso al dente. Come procedere?

  • Posizionare qualche cubetto di ghiaccio in un panno asciutto.
  • Tenere premuto il panno sulla pelle vicino all’area interessata.
  • L’impacco può essere utilizzato con intervalli di 15 minuti.

Questa procedura può essere ripetuta anche molte volte al giorno.

Tè al fieno greco

Il fieno greco possiede proprietà antibatteriche e vanta una lunga storia di utilizzo come rimedio casalingo per curare le ferite e ridurre le infiammazioni. Il fieno greco di base si può trovare nel reparto delle spezie del vostro supermercato. Dunque:

  • Preparare un tè al fieno greco, riscaldando una tazza di acqua in un recipiente idoneo e immergendovi un cucchiaio di fieno greco.
  • Lasciare raffreddare l’infuso.
  • Applicarne una piccola quantità sul dente infettato utilizzando una pallina di cotone o un tampone.
  • Ripetere l’operazione per 3 volte a giorno.

Olio di chiodi di garofano

L’olio di chiodi di garofano è stato utilizzato fin dall’antichità come rimedio al mal di denti, e presenta proprietà antibatteriche e antiinfiammatorie naturali.

Per una corretta procedura:

  • Applicatelo direttamente sull’area interessata dall’infezione facendone cadere poche gocce su un pezzetto di cotone o un tampone; potrebbe essere necessario diluire prima il potente olio con un olio carrier come l’olio di jojoba.
  • È possibile anche effettuare un risciacquo all’olio di chiodi di garofano, applicando poche gocce di olio in un bicchiere d’acqua.
  • L’olio di chiodi di garofano può essere applicato fino a 3 volte al giorno.

Olio di timo

L’olio di timo è un altro olio di origine naturale ma con efficaci proprietà di eliminazione dei parassiti, contrasto ai batteri e riduzione del gonfiore.

  • L’olio di timo può essere applicato direttamente sull’area interessata dall’ascesso, utilizzando un pezzetto di cotone o un tampone.
  • È possibile ottenere anche un risciacquo, mescolando poche gocce di olio di timo ad un bicchiere d’acqua.
  • L’olio di timo è da utilizzare fino a 3 volte al giorno.

Acqua ossigenata

L’acqua ossigenata è un potente rimedio per contrastare un’infezione batterica. Inoltre, aiuta a ridurre la placca e i sintomi delle gengive sanguinanti.

  • Mescolate uguali quantità di acqua ossigenata al 3% e acqua.
  • Fate scorrere questa soluzione accuratamente in bocca, e poi sputate. Fare attenzione a non ingerire neanche una piccola quantità di soluzione.
  • Questa procedura può essere applicata per molte volte al giorno.

Oil pulling, ovvero risciacqui con olio

Effettuare risciacqui con olio è un altro antica pratica di igiene orale fai da te, utilizzata per secoli per trattare le patologie dei denti. Si ritiene, infatti, che effettuare il cosiddetto oil pulling rimuova le tossine dai denti e dalle gengive. Questa pratica risulta efficace come terapia contro il sanguinamento delle gengive, l’alito cattivo, e per la riduzione della carica batterica in bocca.

Oli di buona qualità per effettuare oil pulling possono essere l’olio di cocco, di sesamo, e l’olio d’oliva. I risciacqui con gli oli sono raccomandati da eseguire di prima mattina e a stomaco vuoto.

  • Assumere in bocca un cucchiaino dell’olio prescelto.
  • Far scorrere vigorosamente il liquido fra i denti per almeno 20 minuti.
  • Non inghiottire l’olio.

Aglio

Anche l’aglio è un alimento con una storia antica di benefici per la salute e utilizzi terapeutici, grazie alle sue proprietà antidolorifiche e antibatteriche. Ma come utilizzare l’aglio come rimedio naturale per l’ascesso dentale?

  • Preparare un pesto, schiacciando uno spicchio d’aglio fresco.
  • Strofinare il pesto direttamente sull’area interessata dall’infezione.

Questa procedura può essere ripetuta molte volte al giorno.

Quando andare dal medico per un ascesso dentale

Un ascesso dentale è una condizione di infezione seria, che può facilmente estendersi ad altri tessuti adiacenti nell’organismo.

Se si riscontrano i sintomi di un ascesso, è opportuno recarsi da un dentista quanto prima. I rimedi casalinghi descritti fin qui sono intesi solamente come pratiche complementari alla terapia prescritta dal medico.

Mostra commenti
I metodi (tutti naturali) per depurare il fegato
I metodi (tutti naturali) per depurare il fegato
Gambe e piedi gonfi e pesanti: quando sono sintomi di linfedema?
Gambe e piedi gonfi e pesanti: quando sono sintomi di linfedema?
Contatta uno specialista Prenota un videoconsulto
Articoli più letti
Come accorgersi se il menisco è rotto?
Come accorgersi se il menisco è rotto?
Come riconoscere e curare un nodulo alla tiroide
Come riconoscere e curare un nodulo alla tiroide
La menopausa e gli squilibri ormonali
La menopausa e gli squilibri ormonali
Il lupo mannaro esiste davvero?
Il lupo mannaro esiste davvero?