Sei un professionista sanitario? Iscriviti
Medicina Termale Ortognatodonzia Agopuntura Allergologia Anatomia ed istologia patologica Andrologia Anestesia Angiologia Audiologia Auxologia Biochimica clinica Cardiochirurgia Cardiochirurgia pediatrica Cardiologia Check-up Chinesiologia Chiropratica Chirurgia ambulatoriale Chirurgia d'urgenza Chirurgia del piede Chirurgia dell'apparato digestivo Chirurgia dell'obesità Chirurgia della mano Chirurgia della spalla Chirurgia endoscopica Chirurgia epato biliare Chirurgia generale Chirurgia laparoscopica Chirurgia maxillo facciale Chirurgia mininvasiva Chirurgia oncologica Chirurgia orale Chirurgia pediatrica Chirurgia plastica Chirurgia refrattiva Chirurgia senologica Chirurgia toracica Chirurgia toracico-vascolare Chirurgia vascolare Consulente Olistico Consulente Professionale in Allattamento Materno Counseling Criminologia Cure termali Day hospital Day surgery Dermatologia Dermosifilopatia Diabetologia Diagnostica per immagini Dietologia Educatore Professionale Ematologia Emodialisi Emodinamica e chirurgia endoluminale Endocrinologia Endodonzia Endoscopia Epatologia Farmacia Farmacologia clinica Fisiatria Fisiokinesiterapia Fisiopatologia della riproduzione Fisioterapia Flebologia Foniatria Gastroenterologia Genetica Geriatria Ginecologia Gnatologia Grafologia Grandi ustioni Grandi ustioni pediatriche Hospice Igiene dentale Igiene e medicina preventiva Immunologia Implantologia Infermieristica Iridologia Laboratorio analisi Logopedia Lungodegenti Malattie infettive e tropicali Medicazioni Medicina complementare Medicina del dolore Medicina del lavoro Medicina dello sport Medicina di comunità Medicina estetica Medicina fisica e riabilitativa Medicina generale Medicina interna Medicina iperbarica Medicina legale Medicina metabolica Medicina molecolare Medicina nucleare Medicina psicosomatica Medicina subacquea Medicina tropicale Microbiologia e virologia Microchirurgia Musicoterapia Naturopatia Nefrologia Nefrologia (abilitaz. al trapianto) Nefrologia pediatrica Neonatologia Neuro-riabilitazione Neurochirurgia Neurochirurgia pediatrica Neurofisiopatologia Neurologia Neuropsichiatria Neuropsichiatria infantile Neuropsicologia Neuropsicomotricità Nido Nutrizione Nutrizione e dietistica Nutrizione Olistica Oculistica Odontoiatria conservativa Odontoiatria e stomatologia Odontostomatologia Omeopatia Omotossicologia Oncoematologia Oncoematologia pediatrica Oncologia Optometria Ortodonzia Ortopedia e traumatologia Ortopedia-chirurgia della colonna vertebrale Ortottica OSA - Operatore Socio Assistenziale OSS - Operatore Socio Sanitario Ossigenoterapia Osteopatia Ostetricia Otologia Otorinolaringoiatria Parodontologia Patologia Clinica Pedagogia Clinica Pediatria Pedodonzia - odontoiatria pediatrica Pensionanti Pneumologia Podologia Posturologia Proctologia Pronto Soccorso Protesi dentaria Psichiatria Psicologia Psicoterapia Radiologia Radioterapia Radioterapia oncologica Recupero e riabilitazione funzionale Recupero e riabilitazione posturale Reumatologia Riabilitazione Riabilitazione cardiologica Riabilitazione neuromotoria e ortopedica Riabilitazione ortopedica Riabilitazione psiconeurogeriatrica Rianimazione RSA - Case di Riposo Salute mentale Scienza dell'Alimentazione Senologia Sessuologia Shiatsu Stroke unit Tecniche di radiologia medica Tecnico Audioprotesista Tecnico Ortopedia Tecnico sanitario di neurofisiopatologia Terapia del dolore Terapia intensiva Terapia intensiva neonatale Tossicologia Unità coronarica Unità spinale Urologia Urologia pediatrica Vulnologia Week surgery

Cerca

Chiudi
Specialità
Città
Medicina Termale Ortognatodonzia Agopuntura Allergologia Anatomia ed istologia patologica Andrologia Anestesia Angiologia Audiologia Auxologia Biochimica clinica Cardiochirurgia Cardiochirurgia pediatrica Cardiologia Check-up Chinesiologia Chiropratica Chirurgia ambulatoriale Chirurgia d'urgenza Chirurgia del piede Chirurgia dell'apparato digestivo Chirurgia dell'obesità Chirurgia della mano Chirurgia della spalla Chirurgia endoscopica Chirurgia epato biliare Chirurgia generale Chirurgia laparoscopica Chirurgia maxillo facciale Chirurgia mininvasiva Chirurgia oncologica Chirurgia orale Chirurgia pediatrica Chirurgia plastica Chirurgia refrattiva Chirurgia senologica Chirurgia toracica Chirurgia toracico-vascolare Chirurgia vascolare Consulente Olistico Consulente Professionale in Allattamento Materno Counseling Criminologia Cure termali Day hospital Day surgery Dermatologia Dermosifilopatia Diabetologia Diagnostica per immagini Dietologia Educatore Professionale Ematologia Emodialisi Emodinamica e chirurgia endoluminale Endocrinologia Endodonzia Endoscopia Epatologia Farmacia Farmacologia clinica Fisiatria Fisiokinesiterapia Fisiopatologia della riproduzione Fisioterapia Flebologia Foniatria Gastroenterologia Genetica Geriatria Ginecologia Gnatologia Grafologia Grandi ustioni Grandi ustioni pediatriche Hospice Igiene dentale Igiene e medicina preventiva Immunologia Implantologia Infermieristica Iridologia Laboratorio analisi Logopedia Lungodegenti Malattie infettive e tropicali Medicazioni Medicina complementare Medicina del dolore Medicina del lavoro Medicina dello sport Medicina di comunità Medicina estetica Medicina fisica e riabilitativa Medicina generale Medicina interna Medicina iperbarica Medicina legale Medicina metabolica Medicina molecolare Medicina nucleare Medicina psicosomatica Medicina subacquea Medicina tropicale Microbiologia e virologia Microchirurgia Musicoterapia Naturopatia Nefrologia Nefrologia (abilitaz. al trapianto) Nefrologia pediatrica Neonatologia Neuro-riabilitazione Neurochirurgia Neurochirurgia pediatrica Neurofisiopatologia Neurologia Neuropsichiatria Neuropsichiatria infantile Neuropsicologia Neuropsicomotricità Nido Nutrizione Nutrizione e dietistica Nutrizione Olistica Oculistica Odontoiatria conservativa Odontoiatria e stomatologia Odontostomatologia Omeopatia Omotossicologia Oncoematologia Oncoematologia pediatrica Oncologia Optometria Ortodonzia Ortopedia e traumatologia Ortopedia-chirurgia della colonna vertebrale Ortottica OSA - Operatore Socio Assistenziale OSS - Operatore Socio Sanitario Ossigenoterapia Osteopatia Ostetricia Otologia Otorinolaringoiatria Parodontologia Patologia Clinica Pedagogia Clinica Pediatria Pedodonzia - odontoiatria pediatrica Pensionanti Pneumologia Podologia Posturologia Proctologia Pronto Soccorso Protesi dentaria Psichiatria Psicologia Psicoterapia Radiologia Radioterapia Radioterapia oncologica Recupero e riabilitazione funzionale Recupero e riabilitazione posturale Reumatologia Riabilitazione Riabilitazione cardiologica Riabilitazione neuromotoria e ortopedica Riabilitazione ortopedica Riabilitazione psiconeurogeriatrica Rianimazione RSA - Case di Riposo Salute mentale Scienza dell'Alimentazione Senologia Sessuologia Shiatsu Stroke unit Tecniche di radiologia medica Tecnico Audioprotesista Tecnico Ortopedia Tecnico sanitario di neurofisiopatologia Terapia del dolore Terapia intensiva Terapia intensiva neonatale Tossicologia Unità coronarica Unità spinale Urologia Urologia pediatrica Vulnologia Week surgery
Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Sintomi
  4. Alito Cattivo

Alito cattivo

Curatore scientifico
Dr. Adele Fantoni
Specialità del contenuto
Gastroenterologia Odontoiatria e stomatologia

Cosa si intende per alito cattivo?

L'alito cattivo, anche noto come alitosi, è un problema comune che va ad indicare il pessimo odore emesso durante la respirazione. Questo disturbo può andare a colpire ogni persona, indipendentemente dal sesso e dall’età, anche se, con l’aumentare dell’età, potrebbe essere rilevato con maggior frequenza.

Non è solo un problema personale, ma anche sociale che induce la persona colpita a sentirsi sempre in imbarazzo nel parlare, per la paura che l’interlocutore si accorga del cattivo odore.

Circa il 6% della popolazione soffre di una condizione cronica di alitosi e il 25% sviluppa questo problema.

Quali sono le cause dell'alito cattivo?

Le cause dell'alito cattivo sono:

  • fattori dietetici;
  • uso del tabacco;
  • alcol;
  • scarsa igiene orale;
  • infezioni della bocca;
  • infezioni nei polmoni;
  • infezioni delle vie respiratorie;
  • tosse con espettorato;
  • secchezza delle fauci;
  • alcune malattie croniche che limitano la funzionalità epatica o renale.
Nella maggior parte dei casi (circa il 90%), l’alitosi è causata dalla putrefazione del cibo nel cavo orale, da residui di sangue e dalle cellule morte della mucosa. Il cattivo odore è una conseguenza delle reazioni chimiche dei batteri nella parte posteriore della lingua, ma anche negli spazi tra un dente e l’altro, nelle dentiere non pulite o nelle ricostruzioni imperfette dei denti.

Tra gli alimenti che peggiorano l’alitosi, troviamo sicuramente: cipolle, aglio, latticini (gelato, yogurt, latte, formaggio), alcool (disidrata la bocca), caffè (per il PH acido) e zucchero (che stimola la proliferazione dei batteri).

Ci sono poi altre concause che possono portare l’aggravamento delle condizioni: scarsa igiene orale o salivazione, resti di cibo, carie non curata, infezioni locali, stress, inspirazione senza l’aiuto del naso, alcool e fumo.

In che modo ciò che si mangia influenza l'alito?

Fondamentalmente, tutto il cibo mangiato comincia a essere digerito e spezzato in bocca. Se si mangiano cibi con odori forti (come aglio o cipolla), la spazzolatura dei denti e il filo interdentale - incluso il collutorio – possono coprire l'odore solo temporaneamente. L'odore non si allontana completamente finché i cibi non sono passati attraverso il corpo. 

Perché le cattive abitudini causano l'alito cattivo?

Se non si spazzolano denti e gengive quotidianamente, le particelle di cibo possono rimanere in bocca, promuovendo la crescita batterica tra i denti, intorno alle gengive e sulla lingua. Questo causa alito cattivo. Risciacqui con appositi collutori possono anche aiutare a ridurre i batteri.

I prodotti a base di tabacco da fumare o da masticare possono anche causare alito cattivo, macchie sui denti, ridurre la capacità di gustare alimenti e irritare le gengive. 

Come combattere l'alitosi?

Il trattamento dell’alitosi dipende dalla causa. Per combattere l’alito cattivo è bene lavarsi spesso i denti e usare costantemente un buon collutorio in grado di eliminare i residui di alimenti, spazzolando bene la lingua. Si consiglia, inoltre, di bere molta acqua. La saliva è il rimedio naturale più efficiente, perché ha il compito di ripulire la bocca e distruggere i germi.

Molto importante è anche fare una visita da un dentista in modo regolare per garantire che gli apparecchi o le dentiere siano sempre puliti. Se si fuma, smettere di farlo oppure utilizzare il tabacco da masticare se proprio non se ne può farne a meno.

Tenere sempre la bocca umida bevendo acqua potabile e masticando gomme o caramelle senza zucchero per stimolare la produzione di saliva. Un collutorio può mascherare temporaneamente i cattivi odori, ma non può trattare la causa sottostante.

I rimedi naturali per curare l'alito cattivo includono il fatto di masticare la menta o il prezzemolo.

Se l'alito cattivo è dovuto ad un problema di salute come un’infezione sinusale, il reflusso acido, il diabete, allora deve essere prima di tutto trattato il disturbo o la malattia alla base con l’aiuto di un medico.

Se l'alito cattivo è un effetto collaterale dell’assunzione di un farmaco, consultare un medico per capire se ci sono farmaci alternativi.  Non smettete mai di prendere un farmaco senza prima consultare il medico.

Contro l'alitosi si può scegliere di affidarsi a rimedi erboristici, come:

  • collutori all'arancio amaro o al mandarino;
  • gomme da masticare o tisane alla menta, al mentolo o all'eucalipto;
  • salvia e rosmarino;
  • sedano.

Quali problemi di salute sono associati all'alito cattivo?

Un alito cattivo persistente o un cattivo sapore in bocca può essere un sintomo di una malattia parodontale. Questo problema è favorito dall'accumulo di placca sui denti. I batteri causano la formazione di tossine che irritano le gengive. Se la malattia non viene trattata, può danneggiare le gengive e la mascella.

Altre cause di alito cattivo includono infezioni da lieviti della bocca e carie dentarie.

Anche la secchezza delle fauci (detta anche xerostomia) può causare alito cattivo. La saliva è necessaria per inumidire la bocca, neutralizzare gli acidi prodotti dalla digestione e eliminare le cellule morte che si accumulano sulla lingua, sulle gengive e sulle guance. Se non vengono rimosse, queste cellule si decompongono e possono causare l'alitosi. La secchezza delle fauci può essere un effetto collaterale di vari farmaci, problemi delle ghiandole salivari o di una respirazione continua attraverso la bocca.

Molte altre malattie possono causare alito cattivo. Tra queste si ricordano:

  • infezioni del tratto respiratorio come polmonite o bronchite;
  • infezioni croniche del seno;
  • gocciolamento postnasale;
  • diabete;
  • reflusso acido cronico;
  • problemi al fegato o ai reni. 

Come prevenire l'alitosi?

L'alito cattivo può essere ridotto o prevenuto seguendo queste regole:

  1. Praticare una buona igiene orale. È bene spazzolare i denti 2 volte al giorno con dentifricio a base di fluoruro per rimuovere i residui di cibo e la placca. Spazzolare i denti dopo aver mangiato (tenere uno spazzolino da denti al lavoro o a scuola per la pulizia dopo pranzo). Non dimenticare di spazzolare anche la lingua. Sostituire lo spazzolino da denti ogni 2 o 3 mesi o dopo una malattia. Utilizzare un filo interdentale o un detergente interdentale per rimuovere le particelle di cibo e la placca tra i denti una volta al giorno. Sciacquare con un collutorio antibatterico 2 volte al giorno. Gli apparecchi o le protesi dentarie vanno rimosse durante la notte e pulite accuratamente prima di essere messe in bocca la mattina successiva.
  2. Vedere regolarmente il dentista, almeno 2 volte all'anno. Lo specialista, oltre a condurre un esame orale e pulire i denti, sarà in grado di rilevare e curare la parodontite, la secchezza delle fauci o altri problemi che possono causare un odore cattivo in bocca.
  3. Smettere di fumare e masticare prodotti a base di tabacco. È bene chiedere al dentista di suggerimenti per abbandonare queste abitudini scorrette.
  4. Bere tanta acqua. In questo modo la bocca sarà mantenuta umida. Consumare la gomma da masticare (preferibilmente senza zucchero) o succhiare caramelle (preferibilmente senza zucchero) stimola anche la produzione di saliva, che aiuta a lavare le particelle alimentari e batteri.
  5. Tenere un diario dei cibi che si mangiano. Se si ipotizza che possano causare alito cattivo, portare il diario al dentista per sottoporlo alla sua revisione. Allo stesso modo, fare un elenco dei farmaci abitualmente assunti. Alcuni farmaci possono favorire la produzione  di cattivi odori in bocca. 
Hai trovato questo contenuto utile?

Contenuti correlati

Denti sporgenti
I denti sporgenti sono causati da una relazione impropria tra i denti e la mascella. Affrontiamo le cause più comuni e i possibili rimedi...
Denti storti
I denti storti rovinano l’armonia e l’estetica del sorriso, causando anche problemi di salute: come si può rimediare a tale problema? Sco...
Palato Gonfio
Il palato costituisce la parete superiore della cavità orale. È possibile suddividerlo in una porzione anteriore, palato duro, e una porz...