icon/back Indietro

In che cosa consiste l'immunosoppressione?

Cos'è l'immunosoppressione?

Risposta

La terapia immunosoppressiva controlla il rigetto dal momento del trapianto dell'organo per tutta la vita.

Le conseguenze di queste terapie possono determinare un aumento delle infezioni soprattutto nei primi mesi dopo il trapianto, quando il dosaggio dei farmaci è ancora alto.

La mancata assunzione della terapia o l’assunzione in modo scorretto rischia di far fallire il trapianto. Se ad esempio una crisi di vomito non controllabile impedisce l’assunzione dei farmaci, è necessario contattare il centro trapianti di riferimento.

La dose giornaliera del farmaco viene stabilita in base ai livelli presenti nel sangue che vengono verificati periodicamente. L’assorbimento e il metabolismo dei farmaci è diverso nei vari pazienti, pertanto non è possibile stabilire una dose fissa a priori.

Risposta a cura di
Risposte simili
Chirurgia ortogantica: che cos'è?
Caro paziente,  la chirurgia ortognatica è una branca della chirurgia maxillo facciale che serve a correggere le deformità del mascellare superiore e della mandibola....
Calcoli alla colecisti senza coliche: com'è possibile?
I calcoli alla colecisti, detta anche cistifellea, non sono sempre sintomatici, però possono causarti dolore se si spostano fino ad ostruire il deflusso biliare procurando...
Altre risposte di questo specialista
Rigonfiamento post intervento ernia inguinale: cosa potrebbe essere?
Gentile Paziente, generalmente dopo gli interventi di alloplastica inguinale (plastica con rete protesica), come quello secondo Liechtenstein, il liquido sieroematico che si produce durante l'intervento...
Bendaggio gastrico: provoca debolezza?
Gentile Paziente,il comune senso di debolezza (astenia), dopo gli interventi di chirurgia dell'obesità, si verifica tipicamente per il drastico cambiamento dello stile alimentare, soprattutto...
Vedi tutte