Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Risposte
  3. Emiplegia Dopo Ictus

Che cos'è l' emiplegia dopo un ictus?

Ho avuto un ictus e mi è stata diagnosticata l' emiplegia: in che cosa consiste?

L’emiplegia è il risultato di un danno cerebrale (nel tuo caso un ictus) e significa paralisi di una metà del corpo (destra o sinistra). L’ictus cerebrale è un evento traumatico a carico del cervello, può essere causato da una rottura o dall'occlusione di una arteria, entrambi i casi determinano una interruzione del nutrimento delle cellule cerebrali che muoiono. "Quindi la paralisi caratteristica dell’emiplegia non è causata da un problema ai muscoli, ma è causata da un problema che si è creato nel cervello". In genere i problemi legati all’emiplegia vengono identificati in questi due elementi: la paralisi muscolare e la spasticità (ipertono). Il fatto che una emiplegia sia destra o sinistra, dipende da quale emisfero venga danneggiato dall’ictus: proporre esercizi diversificati significa tenere conto delle diverse caratteristiche degli emisferi cerebrali. Non è facile orientarsi nella grande quantità di tecniche riabilitative. Un approccio riabilitativo deve tenere conto della globalità della persona che tenga conto degli aspetti psicologici (riabilitazione motivazionale) oltre che di quelli muscolari, neuromotori e neurocognitivi.
Risposta a cura di:
Dr. Assunta Gennarelli
Dr.ssa Assunta Gennarelli
(2)
Milano - Via De Amicis, 30
Hai trovato questa risposta utile?
Altre risposte di questo specialista
Alterazioni artrosiche a livello della sinfisi pubica: cosa vuol dire?
Posso dirti che con alterazioni artrosiche si intendono gli iniziali segni di usura di un osso. La sinfisi pubica è...
Assunzione di morfina per dolori cervicali e lombosacrali: è corretto?
La morfina è un farmaco oppioide esogeno di estrazione vegetale, ricavato dal Papaver somniferum. Viene somministrata per trattare il dolore cronico-oncologico, post...
Rottura dei tendini della caviglia: è possibile una ripresa completa?
Le lesioni di III grado, ovvero la rottura completa del legamento, prevedono la terapia chirurgica seguita da periodo di immobilizzazione. Tanto l'entità...
Iperidrosi: che cos'è e come si può curare?
La secrezione del sudore è regolata da stimoli nervosi provenienti da una parte del sistema nervoso vegetativo (sistema nervoso simpatico). Nei casi in cui si...
Fibroscopia laringea: di che cosa si tratta?
Posso dirti che si tratta di una procedura indolore che permette al medico di ispezionare la laringe e le corde vocali. Per...
Vedi tutte

Risposte simili

Idrocefalo nel bambino: che cosa significa?
L'idrocefalo è determinato da un accumulo patologico di liquido cefalorachidiano o liquor nelle cavità cerebrali denominate ventricoli. Ciascun individuo produce normalmente tale...
Sclerosi multipla: cos'è la CCSVI?
La CCSVI di cui mi parli è l’acronimo di Insufficienza Venosa Cronica Cerebro-Spinale.La CCSVI è una patologia vascolare caratterizzata da stenosi venose di varia...
Diagnosi di sclerosi multipla: come si esegue?
In genere, se i disturbi neurologici sono di una certa importanza, si va dal medico curante o in alcuni casi, se l’esordio è stato acuto,...