Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Risposte
  3. Entesopatia Calcifica Inserzionale

Cos'è l'entesopatia calcifica e come si cura?

Vorrei sapere cos'è l'entesopatia calcifica inserzionale del tendine achilleo e della fascia plantare. In particolare, mi interessa sapere qual è l'evoluzione della patologia in caso di non cura per un paziente che cammina molto a piedi.

Buongiorno,
l'entesopatia è un'infiammazione dell'entesi (giunzione osteotendinea, ossia l'inserzione di un tendine o legamento ad un osso).

Le cause della tua entesopatia possono essere i traumi, i microtraumi ripetuti, l’infiammazione, alcune malattie endocrine e metaboliche e anche alcuni tipi di farmaci.

L'entesopatia calcifica è una malattia con elevata prevalenza nella III, IV e V decade di vita, presente, in modo asintomatico in una percentuale variabile dal 3 al 20%.

L’eziopatogenesi della tendinopatia calcifica non è completamente nota. Lo sviluppo di questa patologia sembra essere attribuito ad un focale aumento di pressione all’interno del tendine, unito ad una diminuzione della tensione parziale di ossigeno. In tali condizioni, si determina una metaplasia (trasformazione reversibile di una cellula o di un tessuto adulto e completamente differenziato, in un tessuto di altro tipo, pure differenziato, in risposta a stimolazioni o a condizioni anomale) delle cellule fibroblaste tendinee che iniziano a produrre matrice cartilaginea ed ossea all’interno del tendine stesso. Poiché la metaplasia si verifica dove il tessuto fibroblastico conserva le sue caratteristiche di vitalità, è bassissima l’incidenza di associazione con rottura tendinea.

Ad una prima fase di formazione in cui la calcificazione si organizza e che corrisponde generalmente alla fase asintomatica, consegue, successivamente, in tempi diversi ed imprevedibili, una fase di lisi spontanea in cui la calcificazione diventa edematosa, si frammenta disperdendo il suo contenuto all’interno del tendine.

Questa fase coincide con la comparsa dei sintomi che consistono in algie, anche violente, ad esordio soprattutto notturno con riduzione della motilità articolare. Questi fenomeni determinano una modificazione della consistenza del deposito calcifico che diviene più liquido.

Nell’arco della sua evoluzione fisiologica, la tendinopatia calcifica si risolve spontaneamente in un tempo variabile da alcuni mesi fino ad oltre 10 anni. Per questo motivo, il trattamento che scegli dovrebbe essere non solo efficace, ma contemporaneamente garantire la minore invasività e la più bassa percentuale di complicanze possibili.

Non vi è alcuna indicazione al trattamento delle calcificazioni asintomatiche che non determinano impotenza funzionale. Al contrario, il trattamento diventa urgente ed indispensabile al momento della comparsa della crisi iperalgica, a cui si associa un’impotenza funzionale pressoché completa. Le procedure moderne prevedono il trattamento con le onde d’urto e la chirurgia percutanea effettuata, in base alla consistenza della calcificazione, o con mini frese (calcificazione dura) o con la tecnica dei 2 aghi ecoguidata (calcificazione molle).

Quindi, concludo rassicurandoti: la patologia di cui sei affetto non è preoccupante ed è reversibile e ti raccomando, prima di pensare a sottoporti a qualsiasi terapia, una diagnosi precisa che non può che giungere da una visita specialistica ortopedica. Infatti, solo una consulenza ortopedica potrà stabilire prima di tutto se è proprio l’entesopatia calcifica la causa del tuo problema, altrimenti corri il rischio di trattarla senza averne un reale beneficio.

Un saluto
Hai trovato questa risposta utile?
Risposta a cura di:
Dr. Fabrizio Sergio
Dr. Fabrizio Sergio
Caserta - VIA SESSA MIGNANO,,
Altre risposte di questo specialista
Ciste dietro il ginocchio: come si cura?
Buongiorno,una cisti dietro il ginocchio potrebbe essere una cisti di Baker. La cisti di Baker è una sacca piena di liquido, che si...
Risonanza magnetica al crociato: come si legge?
Gentile paziente,cercherò di spiegarti la tua risonanza.Disomogeneità del corno posteriore del menisco interno, compatibile con esiti chirurgici senza evidenti segni di lesione: il menisco...
Degenerazione meniscosica: cosa significa?
I menischi hanno molteplici funzioni:innanzitutto, aumentano la congruenza tra i condili femorali (convessi) e i piatti tibiali (sostanzialmente piani), distribuendo così il carico in...
Tenosinovite del sovraspinoso con microcalcificazione: cosa fare?
Ti consiglio innanzitutto di sottoporti ad una visita ortopedica ed eventualmente ad una RMN. Se verrà confermata una semplice infiammazione e non una lesione tendinea,...
Referto risonanza magnetica: intervento chirurgico necessario?
E’ difficile darti un’alternativa all’intervento senza poterti visitare. Penso che il tuo ortopedico o il tuo neurochirurgo prima di proporti un intervento distabilizzazione vertebrale abbia...
Vedi tutte
Risposte simili
Ernia del disco: che cos'è?
Il disco intervertebrale, che è interposto tra 2 vertebre, è costituito da una parte periferica denominata anulus fibroso e una parte centrale, gelatinosa,...
Mal di schiena: quali sono le terapie più adatte?
Bisognerebbe prima di tutto capire da cosa sia dovuto (problemi posturali, muscolari, discopatie, spondiloartrosi).Per ridurre il dolore e prevenire lo stress sulla colonna...
Scoliosi e jogging: sono compatibili?
La scoliosi è una condizione irreversibile della colonna vertebrale. Se la scoliosi non è grave e non provoca dolore forte alla schiena, allora...