Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Risposte
  3. Geu

Le aderenze uterine potrebbero provocare una gravidanza extrauterina?

Gentili dottori, ho 32 anni e 3 mesi fa ho avuto una gravidanza extrauterina a destra che si è risolta da sola. Sono stata monitorata una settimana in ospedale, ma non ho dovuto prendere né il farmaco né fare l'operazione. Le beta sono scese da sole e l'embrione, anche se di 5 settimane, non era ancora formato. Ho fatto test per clamydia e gonorrea e sono risultata negativa. A distanza di un ciclo, sono andata a fare una visita ed ecografia di controllo, la tuba destra sembra ok, ma a sinistra è comparsa un'idrosalpinge che un mese prima non c'era. Il ginecologo mi ha consigliato di fare un'isterosalpingografia con liquido di contrasto. L'ho fatta al 10° giorno del ciclo e tube pervie, ma flusso rallentato da entrambe, soprattutto a destra. La parte terminale della tuba sinistra è un po' dilatata. A distanza di qualche tempo, ho fatto un'altra ecografia e sembra che l'idrosalpinge si sia ridotta. Il ginecologo mi ha consigliato 5 giorni di punture di Rocefin per far passare le infiammazioni che potevo avere e mi ha detto che da questo mese posso riprovarci. Se a destra ho delle aderenze, potrei avere alte probabilità di avere di nuovo una geu? E a sinistra con l'idrosalpinge? Ho visto 3 ginecologi diversi: uno mi ha detto che l'idrosalpinge può portare ad aborto e far male al feto, un altro ha detto che l'idrosalpinge, se è piccola, non provoca problemi al feto e non è pericolosa. Grazie mille.

In effetti, mi pare che l'idrosalpinge potesse attribuirsi al pregresso evento di gravidanza extrauterina. Il fatto che il transito del mezzo di contrasto sia rallentato non è molto significativo.

Proverei con un'altra gravidanza. Se per disgrazia dovessimo avere un'altra gravidanza extrauterina, passato il tempo debito, si impone una laparoscopia che, oltre che essere diagnostica, potrebbe essere curativa. 

Cordiali saluti 
Hai trovato questa risposta utile?
Risposta a cura di:
Redazione Pazienti
Redazione Pazienti
Milano
Risposte simili
Isteroscopia diagnostica: che cos'è?
L'isteroscopia è un esame endoscopico che permette di osservare la cavità uterina tramite una sonda ottica: un piccolo telescopio collegato ad un monitor...
Ipertiroidismo in gravidanza: come gestirlo?
L'ipertiroidismo in gravidanza può essere controllato senza rischi per il feto, purché sotto controllo di un endocrinologo esperto. Nel 1° trimestre, si imporrà...
Irsutismo: di cosa si tratta?
Per irsutismo, si intende una condizione caratterizzata dall’anomala presenza di peluria terminale (grossa, ruvida e pigmentata che prima della pubertà è presente solo a livello...
Altre risposte di questo specialista
Fase luteale: è sempre seguita da una mestruazione?
Alla fase luteinica, segue la mestruazione, sempre che vi sia stata sufficiente presenza di estrogeni (estradiolo) in una prima fase del ciclo:...
Polipo endometriale: quale esame di controllo effettuare?
È assolutamente consigliabile fermarsi ad un'ecografia transvaginale: tieni presente che un'isteroscopia è pur sempre un intervento invasivo.Solo un'anomalia rilevabile con l'ecografia transvaginale o...
Isteroscopia di controllo: quando è necessario effettuarla?
Non vedo proprio perchè debba fare un'isteroscopia di controllo. L'isteroscopia, anche se solo diagnostica, è pur sempre un intervento invasivo, a maggior ragione in...
Zoloft: si può assumere in gravidanza?
Non vi sono assolutamente studi che mettano in evidenza possibili danni al feto da assunzione di Zoloft in gravidanza. Tieni presente...
Iperplasia nodulare: ci si può sottoporre a fivet?
L'iperplasia nodulare è un'affezione congenita benigna, che non degenera in forme maligne, ma può tendere ad ingrandirsi, sino a creare problemi epatici da compressione. Negli...
Vedi tutte