Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Risposte
  3. Intervento Obesita

Quali interventi sono consigliabili contro l'obesità?

Buongiorno, ho 39 anni e peso 89 chili per una altezza di 1,58. Ho provato diverse diete, ma come sempre riprendo i chili e per me sta diventando molto deprimente questo tira e molla. È il caso intervenire chirurgicamente? Se sì, che tipo di interventi consiglia?

Gentile Paziente,

il tuo rapporto peso/altezza (BMI, body mass index) supera i 35 Kg/metro quadrato di superficie corporea, configurando un quadro di chiara obesità. Alla luce del fallimento dei trattamenti conservativi (non chirurgici) e dell'eventuale presenza di patologie obesità-correlate (cardio-vascolari, osteo-articolari), solo dopo accurata visita chirurgica bariatrica, potrebbe essere presa in considerazione l'indicazione all'intervento chirurgico.

Gli interventi chirurgici possono essere, genericamente, suddivisi in:

  • -gastrorestrittivi: sfruttano la sazietà precoce, ottenuta riducendo il volume dello stomaco;
  • -malassorbitivi: si basano sul minore assorbimento calorico, ottenuto riducendo il percorso del cibo lungo l'intestino.

Non ritengo esista l'intervento chirurgico bariatrico ideale per tutti i pazienti; può esistere, però, l'intervento chirurgico migliore per ogni singola persona obesa.

Veniamo quindi al tuo caso specifico. Mi scrivi di "chili ripresi"; deduco che tu sia stata più volte (con "diverse diete") capace di perdere peso, senza tuttavia riuscire a consolidare i risultati nel tempo.

Il tuo potrebbe, dunque, essere un problema di continuità. Inoltre il BMI, seppure suggestivo di un quadro di reale obesità, non rientra nelle fasce più gravi del problema. L'intervento migliore nel tuo caso dovrebbe, a mio parere, compensare in modo stabile il tuo deficit di determinazione, nel portare avanti, nei mesi e negli anni, il programma di dimagrimento; tuttavia, l'entità del problema richiede un contenimento importante del rischio chirurgico, per evitare un'ingiustificata sproporzione tra il tuo stato di salute e le possibili complicanze.

Ogni intervento chirurgico presenta possibili complicanze legate, inevitabilmente, alla tecnica di esecuzione: se i visceri vengono sezionati e suturati, alterando l'architettura naturale dell'organismo, a ogni livello del rimaneggiamento chirurgico può insorgere una complicanza, legata al cedimento della parete dello stomaco e dell'intestino, con fuoriuscita libera in addome del loro contenuto; questo evento è alla base di pericolose infezioni addominali (peritoniti post-chirurgiche), pericolose per la vita.

In chirurgia oncologica, il "rischio tecnico" è necessario: in altre parole, non è possibile eseguire un intervento curativo senza resecare la parte malata e suturare i tessuti sani. In chirurgia bariatrica, esiste un intervento, il bendaggio gastrico, che consente la riduzione della capacità dello stomaco (e quindi la sazietà precoce), senza alterare in modo irreversibile l'anatomia normale, e quindi riducendo drasticamente il rischio per il paziente.

Questo intervento è praticabile anche nei casi di obesità più grave (BMI >40 Kg/metro quadrato di superficie corporea). In effetti, il problema del superobeso non è la necessità di essere più aggressivi chirurgicamente, ma l'elevato rischio cardio-respiratorio e neurologico connesso con l'anestesia generale, che oggigiorno può essere abbattuto, prima dell'intervento bariatrico, in modo non invasivo, senza l'impianto di palloncini all'interno dello stomaco, bensì con l'utilizzo di integratori alimentari proteici dedicati.

Cordialmente

Hai trovato questa risposta utile?
Risposta a cura di:
Risposte simili
Intervento di chirurgia bariatrica: quando è consigliato?
Gentile Paziente, il tuo BMI (body mass index) ti classifica nella fascia dei pazienti che possono avvalersi della chirurgia bariatrica. La chirurgia bariatrica segna l'inzio...
Intervento riduzione stomaco: quanto costa?
Gentile Paziente, devi sapere che il Sistema Sanitario Nazionale (SSN) riconosce l'obesità come vera e propria patologia, a sua volta causa di malattie strettamente...
Bendaggio gastrico: provoca debolezza?
Gentile Paziente,il comune senso di debolezza (astenia), dopo gli interventi di chirurgia dell'obesità, si verifica tipicamente per il drastico cambiamento dello stile alimentare, soprattutto...
Altre risposte di questo specialista
Rigonfiamento post intervento ernia inguinale: cosa potrebbe essere?
Gentile Paziente, generalmente dopo gli interventi di alloplastica inguinale (plastica con rete protesica), come quello secondo Liechtenstein, il liquido sieroematico che si produce durante l'intervento...
Bendaggio gastrico: provoca debolezza?
Gentile Paziente,il comune senso di debolezza (astenia), dopo gli interventi di chirurgia dell'obesità, si verifica tipicamente per il drastico cambiamento dello stile alimentare, soprattutto...
Intervento riduzione stomaco: quanto costa?
Gentile Paziente, devi sapere che il Sistema Sanitario Nazionale (SSN) riconosce l'obesità come vera e propria patologia, a sua volta causa di malattie strettamente...
Ernia inguinale: che cosa fare?
Gentile Paziente, per il trattamento dell'ernia inguinale, non esistono alternative alla chirurgia. Peraltro, le dimensioni sono un criterio piuttosto relativo,...
Intervento di chirurgia bariatrica: quando è consigliato?
Gentile Paziente, il tuo BMI (body mass index) ti classifica nella fascia dei pazienti che possono avvalersi della chirurgia bariatrica. La chirurgia bariatrica segna l'inzio...
Vedi tutte
Altre risposte di questo specialista
Rigonfiamento post intervento ernia inguinale: cosa potrebbe essere?
Gentile Paziente, generalmente dopo gli interventi di alloplastica inguinale (plastica con rete protesica), come quello secondo Liechtenstein, il liquido sieroematico che si produce durante l'intervento...
Bendaggio gastrico: provoca debolezza?
Gentile Paziente,il comune senso di debolezza (astenia), dopo gli interventi di chirurgia dell'obesità, si verifica tipicamente per il drastico cambiamento dello stile alimentare, soprattutto...
Intervento riduzione stomaco: quanto costa?
Gentile Paziente, devi sapere che il Sistema Sanitario Nazionale (SSN) riconosce l'obesità come vera e propria patologia, a sua volta causa di malattie strettamente...
Ernia inguinale: che cosa fare?
Gentile Paziente, per il trattamento dell'ernia inguinale, non esistono alternative alla chirurgia. Peraltro, le dimensioni sono un criterio piuttosto relativo,...
Intervento di chirurgia bariatrica: quando è consigliato?
Gentile Paziente, il tuo BMI (body mass index) ti classifica nella fascia dei pazienti che possono avvalersi della chirurgia bariatrica. La chirurgia bariatrica segna l'inzio...
Vedi tutte