icon/back Indietro

Che differenza c'è tra laparoscopia ed endoscopia?

Qual è la differenza tra un intervento in laparoscopia e uno invece in endoscopia?

Risposta

La laparoscopia è una tecnica operatoria che permette l'introduzione nell'addome di uno strumento a fibre ottiche (laparoscopio) attraverso un'incisione minima della cute, consentendo un'ampia visione della cavità addominale.

Nella laparoscopia operativa, attraverso piccole incisioni del diametro di 0.5-1.2 cm, il laparoscopio si muove vicino ai tessuti, consentendo un ingrandimento ottimale della visuale, e gli strumenti operatori permettono l’esecuzione di manovre chirurgiche semplici (biopsie) e complesse (resezione e asportazione di visceri).

L'endoscopia è una tecnica diagnostica e operativa che permette di avere una visione diretta, dall'interno degli organi cavi (esofago, stomaco, intestino, vie biliari) con l'obiettivo di verificare l'eventuale presenza di alterazioni o lesioni e di effettuare, se necessario, biopsie e asportazioni (ad esempio, la polipectomia endoscopica di un polipo del colon). L'endoscopia si avvale dell'endoscopio costituito solitamente da un piccolo tubo flessibile, composto da sottilissime fibre ottiche, che vengono inserite nel corpo attraverso le cavità naturali: la bocca, l'ano o la vagina a seconda della zona da esplorare.

Gli esami più comunemente eseguiti con questa tecnica sono l’esofago-gastro-duodeno-scopia per studiare esofago, stomaco e duodeno, e la colonscopia per visualizzare il grosso intestino e l’ultima ansa ileale (fine del piccolo intestino).

Ti ricordo anche la video-endoscopia che, attraverso l’ingestione di una video-capsula, consente di acquisire un numero considerevole di immagini di tutto il tubo digerente, in particolare dell’intestino tenue, quasi totalmente inaccessibile ai normali endoscopi.

L'endoscopia oggi rappresenta un approccio diagnostico indispensabile per tutte le malattie gastro-enterologiche, sia funzionali (ad esempio l’esofagite) sia neoplastiche (ad esempio il tumore del colon) di interesse chirurgico.

Risposta a cura di
Risposte simili
Calcoli alla colecisti senza coliche: com'è possibile?
I calcoli alla colecisti, detta anche cistifellea, non sono sempre sintomatici, però possono causarti dolore se si spostano fino ad ostruire il deflusso biliare procurando...
Colecistectomia: in cosa consiste?
La colecistectomia a cui verrà sottoposta tua madre è l'intervento di asportazione della colecisti o cistifellea. Attualmente, avviene per via laparoscopica, quindi la cistifellea...
Altre risposte di questo specialista
Rigonfiamento post intervento ernia inguinale: cosa potrebbe essere?
Gentile Paziente, generalmente dopo gli interventi di alloplastica inguinale (plastica con rete protesica), come quello secondo Liechtenstein, il liquido sieroematico che si produce durante l'intervento...
Bendaggio gastrico: provoca debolezza?
Gentile Paziente,il comune senso di debolezza (astenia), dopo gli interventi di chirurgia dell'obesità, si verifica tipicamente per il drastico cambiamento dello stile alimentare, soprattutto...
Vedi tutte