Biopsia

Contenuto di:

Esistono diversi tipi di biopsia; a ciascun tipo di esame bioptico è dedicata una diversa strumentazione utilizzata per la raccolta del campione cellulare. Tra i tipi di biopsia vi sono: la biopsia cutanea, l’agobiopsia, la biopsia endoscopica, la biopsia escissionale, la biopsia perioperatoria. La biopsia alla prostata è un esame che può essere effettuato in ambulatorio e che consiste nel prelevare alcuni piccoli frammenti della ghiandola prostatica mediante un apposito ago, condotto da una sonda ecografica introdotta nel canale rettale. L’esame viene eseguito in caso di sospetto tumore alla prostata, oppure a causa di un elevato valore del PSA o del rilevamento di noduli rilevati nell’esplorazione del retto. Vi sono due modi per eseguire l’esame: o per via trans-rettale (raggiungendo la prostata dall’interno del retto mediante un ago) o per via trans-perianale (attraverso la pelle nella zona del perineo, posta tra ano e testicoli).

Che cos'è la biopsia?

Biopsia | Pazienti.it

Una biopsia è una procedura per rimuovere un pezzo di tessuto o di un campione di cellule dal corpo in modo che possa essere analizzato in laboratorio.

Se si verificano alcuni segni e sintomi o se il medico ha individuato una zona di interesse, potrà essere oggetto di una biopsia per stabilire se si ha il cancro o qualche altra condizione. Mentre i test di imaging, come ad esempio i raggi X, sono utili per individuare masse o aree di anomalia, da solo non può differenziare le cellule cancerose dalle cellule non tumorali.

Per la maggior parte dei tumori, l'unico modo per formulare una diagnosi definitiva è usare una biopsia per raccogliere le cellule per un esame più attento. Ecco uno sguardo ai vari tipi di procedure di biopsia utilizzati per diagnosticare il cancro.

Che cos'è la biopsia del midollo osseo?

Il medico può raccomandare una biopsia del midollo osseo, se viene rilevata un'anomalia nel sangue o se sospetta che il cancro sia esteso al midollo osseo.

Il midollo osseo è il materiale spugnoso all'interno di alcune ossa più grandi, dove vengono prodotte le cellule del sangue. Analizzando un campione di midollo osseo si può rivelare ciò che sta causando il problema nel sangue. Nel corso di una biopsia del midollo osseo, il medico preleva un campione di midollo osseo dal retro della pelvi con un lungo ago.

In alcuni casi, il medico può procedere alla biopsia del midollo dalle ossa di altre parti del corpo. La biopsia del midollo osseo è comunemente utilizzato per diagnosticare una serie di problemi del sangue - sia non cancerosi che tumorali, tra cui tumori del sangue, come leucemia, linfoma e mieloma multiplo.

Che cos'è la biopsia endoscopica?

La biopsia endoscopica è un tipo di biopsia a cui si ricorre quando si riscontra nel paziente un problema ad un organo accessibile dall’esterno (es. esofago, stomaco, intestino, trachea, vescica, ecc.).

L’esame prevede l’uso di un endoscopio (strumento di forma tubolare e flessibile, dotato di telecamera all’estremità che verrà introdotta nel corpo e di un elemento tagliente alla stessa estremità che serve alla raccolta del campione).

Per prelevare il campione cellulare, si infila l’endoscopio attraverso l’apertura esterna più agevole per arrivare all’organo da esaminare (bocca o ano) e lo si conduce nel punto desiderato.

La biopsia endoscopica avviene con la somministrazione di anestetici locali prima dell’esame per sedi scomode o particolarmente sensibili; aree che invece presentano una sensibilità minore non necessiteranno della pratica anestetica.

Che cos'è l'ago biopsia?

L'agobiopsia può essere utilizzata per raccogliere le cellule da un'area sospetta che non può essere sentito attraverso la pelle.

Che cos'è la biopsia cutanea?

Una biopsia cutanea rimuove le cellule dalla superficie del corpo. Una biopsia della pelle è usata spesso per diagnosticare malattie della pelle, inclusi i tumori, come il melanoma.

Che cos'è la biopsia chirurgica?

Se non è possibile accedere con altre procedure di biopsia alle cellule in questione o se gli altri risultati della biopsia sono stati inconcludenti, il medico può raccomandare una biopsia chirurgica.

Nel corso di una biopsia chirurgica, un chirurgo pratica un'incisione nella pelle per accedere all'area sospetta delle cellule. Esempi di procedure della biopsia chirurgica includono la chirurgia per rimuovere un nodulo al seno per una possibile diagnosi di cancro al seno e chirurgia per rimuovere un linfonodo per una diagnosi di possibile linfoma.

Come si fa una biopsia alla prostata?

Bisogna prestare particolare attenzione agli uomini che accusano malattie di coagulazione del sangue. Per la preparazione all’esame è necessario pertanto sospendere i farmaci che interferiscono con la coagulazione, se assunti. In questi casi, il medico potrà consigliare una terapia sostitutiva con eparine.

Al fine di prevenire ogni infezione, è importante che al paziente da operare venga somministrata una terapia antibiotica di profilassi (a partire dalle 24 ore precedenti l’intervento); inoltre è prevista la somministrazione di un clistere affinché il retto sia pulito prima di sottoporsi alla biopsia.

Prima di effettuare il prelievo, al paziente verrà effettuata un’anestesia locale; nonostante l’anestesia può capitare di avvertire un leggero dolore nel corso dell’operazione, che non dura più di 15-20 minuti. In rari casi si può percepire malessere generale con aumento della sudorazione e eventuale perdita della conoscenza.

L’esame generalmente non comporta rischi seri per il paziente ma, essendo la biopsia alla prostata una procedura comunque invasiva, è possibile che insorgano complicazioni (come la difficoltà a svuotare la vescica, il riscontro di sangue in feci, urine o sperma per alcuni giorni, o la febbre alta).

All’esame seguirà comunque un breve periodo di osservazione (circa un’ora), per verificare l’eventuale comparsa di complicazioni immediate. È consigliabile astenersi dall’attività sessuale per la settimana seguente all’operazione; l’operazione non comporta l’osservanza di altre regole specifiche ed è pertanto possibile riprendere subito le proprie attività quotidiane.

Argomenti: biopsia tumore
Emangioma | Pazienti.it
Emangioma

L’emangioma è un tumore, generalmente benigno, che può coinvolgere qualsiasi parte del corpo.

Missing | Pazienti.it
Brachiterapia

Brachiterapia è una procedura che comporta l'immissione di materiale radioattivo all'interno del corpo per poter curare il cancro.

Trapianto_cellule_staminali | Pazienti.it
Trapianto cellule staminali

Si tratta di una procedura volta a rimpiazzare cellule progenitrici emopoietiche danneggiate od alterate.

Missing | Pazienti.it
Risonanza magnetica a segmento

La risonanza magnetica a segmento è una tecnica di imaging biomedico che consiste nell'uso dell'imaging a risonanza magnetica per valutare la funzionalità di un organo o un apparato, in maniera...

Tumore | Pazienti.it
Tumore

La parola tumore identifica condizioni in cui le cellule del corpo cominciano a riprodursi in modo incontrollabile. Queste possono invadere e distruggere tessuti sani.

Pillole | Pazienti.it
Chemioterapia

La chemioterapia è un trattamento impiegato nella cura del tumore e consente di distruggere le cellule malate, arrestandone la riproduzione. La chemioterapia può essere effettuata per iniezione endovenosa, per bocca,...

Missing | Pazienti.it
Cellule Natural Killer

Le cellule Natural Killer, note anche come linfociti NK o cellule killer, sono linfociti del sistema immunitario innato.

Missing | Pazienti.it
Sindrome di Von Hippel-Lindau

E’ una malattia ereditaria, caratterizzata dalla formazione di tumori e cisti, in diverse parti del corpo. I tumori possono essere sia cancerosi, che non cancerosi e compaiono, più frequentemente, in...

Missing | Pazienti.it
Emangiopericitoma

L’emangiopericitoma è un tumore molto raro che colpisce i periciti, le cellule che si trovano sulle pareti esterne dei piccoli vasi sanguigni.

Missing | Pazienti.it
Tumori carcinoidi

I tumori carcinoidi sono tumori rari a crescita lenta, che in genere iniziano nel rivestimento del tubo digerente o nei polmoni.