Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Risposte
  3. Paralisi Di Bell

Cosa fare per la paralisi di Bell?

La paralisi di Bell può essere causata dal frequentare ambienti con sbalzi di temperatura, come una cucina e può ripresentarsi di nuovo? Da 3 giorni, ho questo problema all'encefalo. Stamattina si è verificata un'insorgenza della sintomatologia caratterizzata da parestesie all'emivolto destro associate a deviazione della rima buccale. La TAC encefalo di controllo ha evidenziato: "areola ipodensa di possibile significato ischemico recente"; non chiudo completamente la palpebra. La terapia che mi è stata consigliata prevede l'assunzione di Aspirina, Deltacortene, Benexol, Simvastatina, Tachipirina e Codamol. Cos'altro posso fare?

Buonasera,
nella descrizione della sintomatologia, diagnosi e cause del problema segnalerei delle incongruità. Anzitutto, quando ci si riferisce a paralisi di Bell, si fa riferimento ad un problema periferico che interessa il VII paio dei nervi cranici (nervo facciale) non dovuto ad ictus cerebrale (lesione ischemica), quindi ad un problema del sistema nervoso centrale, ma ad una problematica di danno temporaneo del nervo (sistema periferico); in questi casi, sono indicate terapie ricostituenti il nervo, corticosteroidi, antivirali.

Dal punto di vista clinico, la paralisi di Bell o paralisi periferica del nervo facciale, è caratterizzata da interessamento del distretto motorio superiore ed inferiore: si dice infatti che vi è un interessamento del VII nervo cranico superiore ed inferiore (mancata/deficit di chiusura della palpebra e bocca deviata).

Nel caso in cui la paralisi (bocca deviata) interessi, acutamente, esclusivamente la parte inferiore del nervo, siamo di fronte generalmente ad un disturbo di tipo ischemico (ictus).

In questa descrizione, non è chiara la diagnosi: ischemia centrale o paralisi periferica? Sembrerebbe dal risultato delle neuroimmagini che si tratti del primo caso, poichè nella paralisi periferica la Tac cranio è negativa per lesioni acute vascolari. Con i limiti suddetti, potrei intanto suggerire di programmare una risonanza magnetica all'encefalo con studio dell'angolo pontocerebellare.
Hai trovato questa risposta utile?
Risposta a cura di:
Dr.ssa Giovanna Bellini
Dr.ssa Giovanna Bellini
Livorno - Viale Alfieri
Risposte simili
Idrocefalo nel bambino: che cosa significa?
L'idrocefalo è determinato da un accumulo patologico di liquido cefalorachidiano o liquor nelle cavità cerebrali denominate ventricoli. Ciascun individuo produce normalmente tale liquido all’interno dei...
Sclerosi multipla: cos'è la CCSVI?
La CCSVI di cui mi parli è l’acronimo di Insufficienza Venosa Cronica Cerebro-Spinale.La CCSVI è una patologia vascolare caratterizzata da stenosi venose di varia...
Diagnosi di sclerosi multipla: come si esegue?
In genere, se i disturbi neurologici sono di una certa importanza, si va dal medico curante o in alcuni casi, se l’esordio è stato acuto,...
Altre risposte di questo specialista
Paresi improvvisa ad un braccio: cosa fare?
La rachicentesi e l'elettromiografia con velocità di conduzione possono essere derimenti, fatta la diagnosi ad esempio nelle CIDP le terapia sono su base...
Mal di testa e vertigini: quali sono le cause?
I sintomi e la durata sono aspecifici e non derimenti, per quanto si possa rispondere con queste poche notizie anamnestiche va valutata l'eventuale presenza di...
Paralisi periferica del nervo facciale: si può recuperare?
I neurinomi del VII nascono a diversa localizzazione, intratemporali ed extracranici, i più frequenti, ed i neurinomi intracranici molto rari. Originano dalle cellule di...
Miastenia e crisi respiratorie: cosa fare?
I farmaci "immediati" per crisi respiratorie sono essenzialmente i broncodilatatori, ma in questo caso sarebbero utili se le crisi fossero attacchi di asma; nel...
Febbre e mal di testa: cosa può essere?
Un mal di testa come quello che descrivi è compatibile con la situazione di base di tuo padre, la febbre, inoltre, l'astinenza dal...
Vedi tutte