Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Risposte
  3. Prolasso Mucosa Rettale

Qual è il decorso operatorio di un prolasso della mucosa rettale?

Di recente, sono stata operata per un prolasso della mucosa rettale ed emorroidi di 4° grado, speravo non fosse così difficile. Subito dopo l'intervento ho defecato regolarmente con dolore per 3 giorni. Al controllo dopo 6 giorni, il chirurgo non ha rilevato gonfiori e ritenuto procedere tutto secondo normale decorso. Passati 11 giorni, ho dolori, quasi da perdita dei sensi e difficoltà enormi a defecare. I dolori sono a fitte di durata molto breve, circa un minuto, con frequenza variabile quasi sempre dopo avere espulso aria, mentre, sebbene abbia lo stimolo, non riesco ad andare oltre una pallina insignificante, più volte al giorno, a volte con sangue anche coagulato. Rilevo inoltre fuoriuscita lieve di feci liquide senza che riesca a controllare la cosa. Ho provato a prendere Psyllogel, poi Viacol, magnesia e vado avanti con Toradol almeno 3 volte al giorno e il chirurgo mi ha detto di pazientare poiché il canale rettale deve sistemarsi. La mia alimentazione si basa su frutta, verdure, pasta e pane integrale in minima quantità. È tutto normale? Quando devo cominciare a preoccuparmi per l'assenza di defecazione normale? Che tipo di visita è possibile fare, vista la "ferita" ancora fresca? Chi mi ha operato è a 1500 km da dove vivo io quindi non potrò facilmente sottopormi nuovamente al suo controllo. Grazie per qualsiasi parere possa derimere i miei dubbi.

Che tipo di intervento é  stato effettuato? Quello che riferisci è normale per alcuni interventi, meno per altri.

Per aiutarti a capire, prima è necessario sapere che cosa è stato fatto, secondo bisognerebbe controllare direttamente.

Ti consiglio, vista la notevole distanza che ti separa dal chirurgo operatore, di rivolgerti ad altro proctologo nelle vicinanze.

Cordiali saluti

Hai trovato questa risposta utile?
Risposta a cura di:
Dr. Giuseppe D'Oriano
Dr. Giuseppe D'Oriano
Napoli - Via Maria Longo, 50
Altre risposte di questo specialista
Colonscopia: come si legge?
Sì, puoi stare tranquilla. Attieniti a quello che ti è stato indicato.
Emorroide esterna: qual è la cura corretta?
A distanza, non è possibile confermare o commentare la terapia prescritta da chi ha fatto la diagnosi. Quello che ti posso dire è che i...
Sangue nelle feci: quali esami fare?
Sei affetto da malattia emorroidaria, questa spesso si associa ad un prolasso del retto, le tue emorroidi prolassate possono facilmente sanguinare in particolari...
Prolasso emorroidale: cosa fare?
Da quello che riferisci, hai un prolasso di III/IV grado. Non esiste farmaco o altro rimedio naturale che possa riportare nella sua...
Colonscopia con esame istologico: come si legge?
Sono polipi benigni. Probabilmente, anche quello che sarà asportato a settembre. Se lo desideri, tienici informati. Cordiali...
Vedi tutte
Risposte simili
Adenoma tubolare e polipo iperplastico: cosa significa?
I polipi iperplastici e più ancora gli adenomi del colon-retto (tubulari, villosi, tubulo-villosi) rappresentano delle lesioni pre-cancerose, fortunatamente ad evoluzione discretamente lenta, che di solito,...
Dolore acuto al retto: cosa fare?
Le pomate e altri farmaci ad azione locale, detti topici, generalmente sono utili solo ai farmacisti dal punto di vista puramente economico, mentre risultano pressochè...
Dolore e pus: di cosa si tratta?
Dai sintomi che descrivi, posso dirti che non si tratta di emorroidi, ma di una lesione suppurativa, probabilmente un ascesso e/o...