Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Risposte
  3. Quanto Tempo Si Puo Tenere Un Espansore Inserito Durante Un Intervento Di Asportazione Della Mammella

Come si esegue un'espansione cutanea per ricostruzione mammaria?

Dovendo eseguire un intervento di asportazione della mammella, mi è stato detto che mi verrà inserito sotto la pelle un espansore. Volevo sapere per quanto tempo dovrò poi tenerlo addosso.

L’espansione cutanea è una delle tecniche comunemente utilizzate in chirurgia plastica per la ricostruzione del seno che prevede l'inserimento di un palloncino di silicone sotto la cute. Il palloncino viene gradualmente, nel corso dei mesi successivi all'intervento, riempito con soluzione fisiologica. Questa tecnica si basa sullo stesso principio per il quale, durante la gravidanza, si ha un aumento della cute della parete addominale, dovuta alla distensione della cute stessa per l’aumento delle dimensioni del feto. Affinché la tecnica abbia successo, al di sopra dell’espansore si deve avere cute sana, in grado di rispondere normalmente allo stimolo della distensione. Il tempo di espansione può essere protratto, a seconda delle esigenze, fino al raggiungimento dell’obiettivo prefissato. Nel tuo caso, cioè ricostruzione mammaria post-mastectomia, poiché l’espansore cutaneo ha le stesse identiche caratteristiche chimico-fisiche delle protesi mammarie, le quali ormai da parecchi anni sono considerate definitive e non più soggette a sostituzione periodica, il suo utilizzo non comporta alcun rischio per la tua salute, né tantomeno per la vitalità della zona trattata. La sostituzione dell’espansore cutaneo con una protesi mammaria definitiva, una volta raggiunto il volume desiderato, ha il solo scopo di migliorare l’aspetto estetico della nuova mammella.

Hai trovato questa risposta utile?
Risposta a cura di:
Redazione Pazienti
Redazione Pazienti
Milano
Altre risposte di questo specialista
Polipo endometriale: quale esame di controllo effettuare?
È assolutamente consigliabile fermarsi ad un'ecografia transvaginale: tieni presente che un'isteroscopia è pur sempre un intervento invasivo.Solo un'anomalia rilevabile con l'ecografia transvaginale o...
Isteroscopia di controllo: quando è necessario effettuarla?
Non vedo proprio perchè debba fare un'isteroscopia di controllo. L'isteroscopia, anche se solo diagnostica, è pur sempre un intervento invasivo, a maggior ragione in...
Zoloft: si può assumere in gravidanza?
Non vi sono assolutamente studi che mettano in evidenza possibili danni al feto da assunzione di Zoloft in gravidanza. Tieni presente...
Corpo luteo: quando non risulta essere visibile?
Il fatto che non sia stato evidenziato ecograficamente il corpo luteo non ha molta importanza, anche perchè a volte il corpo luteo non assume...
Citolisi da lattobacilli: come va trattata?
L'importante è mantenere un ambiente vaginale acido, per impedire che si sviluppino altri batteri che non sia il Doderlein (che da la citolisi)...
Vedi tutte
Risposte simili
Asimmetria dei seni: cosa fare?
Innanzitutto, non devi prendere come tassativa l’età di 21 anni: ora ne hai 20 e la ghiandola mammaria ormai ha raggiunto il suo massimo grado...
Ernioplastica: quali sono i tempi di recupero?
L’intervento di addominoplastica con associata una riparazione di un’ernia addominale necessita in linea generale di un ricovero di 3-5 giorni e un periodo...
Asportazione bolla di Bichat: che intervento è?
È possibile asportare la bolla di Bichat, ma le indicazioni sono molto ristrette ed è necessaria un’attenta e accurata visita da uno specialista in chirurgia...