Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Risposte
  3. Senilita Invalidita

A che età si inizia a soffrire di senilità?

Salve, sono un uomo di 38 anni appena compiuti, ma mentalmente ne ho 15, la mia domanda è se è possibile che una persona a questa età soffra già di senilità; la mia psicologa e l'assistente sociale mi hanno detto che sono senile, ho fatto delle ricerche e la cosa mi preoccupa non poco, io non ricordo mai le date, sono disorientato nel tempo, non mi ricordo i volti delle persone, nè i nomi, sono sospettoso, paranoico (non ho nessuno nè ho mai avuto una relazione), prendo il Depakin, prima prendevo Seroquel. Al mental test mi hanno dato 60%, non che io voglia la pensione a 38 anni o l'invalidità, ma nel caso mi spetta?

Gentile lettore buonasera,

la senilità è una condizione che definisce i cambiamenti psicologici, cognitivi e fisici legati al processo di invecchiamento. Tale processo, a sua volta, può seguire un percorso del normale invecchiamento fisiologico oppure quello dell'invecchiamento patologico, cioè legato al sopravvenire di malattie degenerative cerebrali (una per tutte: la malattia di Alzheimer).

L'esordio della senilità o terza età non può essere definito o identificato con precisione, trattandosi di cambiamenti che sono graduali e che sono legati anche a modificazioni del ruolo sociale (ad esempio, il fatto di diventare nonni) o della vita professionale, come il pensionamento e il termine della produttività lavorativa. Genericamente, è stata fissata a 65 anni l'età oltre la quale si entra nella terza fase di vita avvicinandosi alla vecchiaia, e si abbassa attorno a 40-50 anni per quanto concerne le persone con precedente condizione di disabilità. Tuttavia, in molti paesi occidentali, tra cui l'Italia, la durata media di vita è aumentata e molte persone di ben oltre 65 anni continuano a condurre un'esistenza gratificante ed attiva, ricca di interessi e passatempi anche socialmente utili (ad esempio, il volontariato).

I cambiamenti cognitivi legati all'invecchiamento riguardano principalmente la memoria, coinvolta in maniera graduale sia nelle forme di invecchiamento fisiologico che nell'invecchiamento patologico, la graduale riduzione o perdita di alcune altre capacità cognitive. Tali processi di invecchiamento possono comparire precocemente, in concomitanza di alcune patologie preesistenti, delineando un quadro caratterizzato da difficoltà di memoria più o meno associate ad altre difficoltà cognitive quali difficoltà di orientamento, di rievocazione dei nomi propri, di riconoscimento delle persone note.

Non conosco il tuo caso quindi non posso in alcun modo parlare in maniera specifica tuttavia, mi sembra, da ciò che descrivi, che tu stia iniziando ad avere alcune difficoltà cognitive legate alla comorbilità con un precedente disturbo intellettivo. Ti consiglio onestamente di rivolgerti all'assistente sociale che ti segue e chiedere a lei/lui se è il caso di procedere per richiedere l'invalidità legata ai problemi cognitivi da te riportati.

Spero di esserti stata utile e ti invio un caro saluto.

Hai trovato questa risposta utile?
Risposta a cura di:
Annalisa Barbier
Dr.ssa Annalisa Barbier
(0)
Roma - Via Giorgio Scalia 39
Altre risposte di questo specialista
Insonnia: cosa fare?
Buonasera, spesso le situazioni di tensione e preoccupazione innescano una serie di sintomi "Da stress" tra i quali anche i disturbi del sonno. Dalle tue...
Attaccamento eccessivo: cosa fare?
Buonasera, i disturbi dell'attaccamento si possono manifestare anche attraverso un comportamento di attaccamento eccessivo che può sfociare in una vera e propria DIPENDENZA AFFETTIVA....
Crisi di panico: cosa fare?
Buonasera, innanzitutto, occorre comprendere se si tratta di veri e propri attacchi di panico: per definizione, l'attacco di panico (AP)...
Alitosi da stress: cosa fare?
Gentile lettore buonasera,dalla descrizione del tuo disturbo, appare evidente un chiaro legame con un disturbo d'ansia che compare o si aggrava soprattutto in condizioni...
Depressione bipolare: come curarla?
Gentile signora, comprendo molto bene la tua ritrosia nei confronti delle terapie farmacologiche le quali, tuttavia, a volte si rivelano molto importanti...
Vedi tutte
Risposte simili
Vaccini per gli anziani: quali sono?
Alcuni vaccini sono raccomandati per gli anziani e/o per chi è affetto da malattie croniche o è più sensibile a determinate infezioni quali l'influenza stagionale...
Andatura incerta: cosa fare?
Buonasera, la prima cosa che ti consiglio è quella di fare una valutazione di screening da parte del medico di famiglia che...
Dolore alle gambe: cosa fare?
Prova con una RMN del rachide lombo sacrale, e fai vedere i risultati ad uno specialista. Saluti