Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Risposte
  3. Test Provocazione Allergie

Come si esegue il test di provocazione per le allergie?

Mia figlia deve effettuare il test di provocazione per individuare le allergie ad alcuni farmaci: come si esegue questo test?

Il test di provocazione consiste nella somministrazione controllata di un farmaco allo scopo di individuare eventuali reazioni di ipersensibilità. Nonostante sia ritenuto il test più importante e dirimente nella diagnostica di allergia a farmaci, rimane una procedura spesso controversa e in alcuni casi non ancora validata.

Tale test, nella pratica clinica, si rende necessario nei casi in cui la storia clinica sia evocativa di reazione allergica, ma i test cutanei risultino negativi. In questa situazione, un test di provocazione è positivo in meno del 20% dei casi.

Possibili spiegazioni della discordanza fra test cutanei e test di tolleranza sono: 
  • un intervallo troppo lungo tra reazione allergica e test cutanei, 
  • differenze antigeniche tra farmaco utilizzato per la diagnosi e quello utilizzato per il test di tolleranza,
  • reazioni dovute ai metaboliti e non alla forma nativa del farmaco, 
  • presenza di reazioni a eccipienti
Cordiali saluti
Hai trovato questa risposta utile?
Risposta a cura di:
Dr. Roberto Bernardini
Dr. Roberto Bernardini
Firenze - VIALE BOCCACCIO
Risposte simili
Gonfiore alle palpebre: quali sono le cause?
Comprendo la natura della tua preoccupazione e il fastidio causato dalle palpebre gonfie. Ti dico che il mondo delle allergie è molto complesso e,...
Rinite: quali sono le cause della congestione nasale?
È opportuno che tu effettui un tampone nasale per valutare qual è l'agente infettante della tua rinite allergica. Una volta ottenuto il risultato del...
Bolle su tessuto gengivale a causa di Clorexidina: consigli?
Da quello che mi dici, potrebbe trattarsi di una reazione allergica al principio attivo del gel che stai utilizzando. Sarebbe opportuno fissare una visita di...
Altre risposte di questo specialista
Allergia ai farmaci: è possibile guarire?
Vi sono alcuni casi in cui si rende necessario usare un farmaco verso cui è dimostrata, sia da un punto di vista anamnestico che immunologico,...
Allergia ai farmaci: che cosa bisogna fare?
È innanzitutto da evitare la pratica del cosiddetto pomfo di prova, che consiste nell’iniettare una quantità non standardizzata del farmaco sospetto per via sottocutanea poco...
Anestetici locali: sono frequenti le reazioni allergiche?
Le reazioni avverse agli anestetici locali avvengono nel 2-5% delle procedure anestesiologiche loco-regionali. Nella grande maggioranza dei casi, tali reazioni sono di tipo tossico, dose,...
Orticaria post Tachipirina: potrebbe essere allergia?
I farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) sono responsabili prevalentemente di reazioni non IgE mediate, che dipendono dall'azione di questi farmaci su enzimi chiamati...
Allergia a beta-lattamico: che cosa fare?
Nel paziente con allergia ad insorgenza immediata ad un antibiotico beta lattamico, le cross reazioni, prevalentemente dovute a similitudini molecolari tra 2 tipi...
Vedi tutte