Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. Risposte
  3. Trombosi Venosa Profonda Ricanalizzazione Vena

In quanto tempo si ricanalizza una vena?

Buongiorno, mio marito, che ha 33 anni, è stato ricoverato per una trombosi venosa profonda tibi-popliteo-femorale all'arto inferiore destro. Da esami effettuati, è stato riscontrato che è affetto da una mutazione genetica del V fattore di Leiden presente eterozigote WT/Mut. Adesso fa terapia anticoagulante con Coumadin e indossa monocollant elastico. Dal controllo dopo la dimissione, il medico aveva diagnosticato una ricanalizzazione della vena più del 50% e di rivedersi tra 6 mesi. Adesso mio marito accusa dolore nel polpaccio e dietro il ginocchio destro, ha fatto un ecodoppler di controllo e il medico ha detto che la vena è ancora chiusa e in fase di ricanalizzazione, di cambiare la calza perchè dopo 6 mesi non fa più effetto e basta. Mio marito dovrà prendere il Coumadin a vita? Ci sono molti pareri discordanti a riguardo. Dal ricovero, assume la protezione dello stomaco, è necessario prenderla sempre? In quanto tempo si ricanalizza una vena? Non esiste un intervento o terapia per accelerare il processo prima che sia necessario ricorrere al by-pass? Dato che mio marito è ancora giovane, sarebbe opportuno cercare di risanare la vena prima di peggiorare la situazione credo. Vi ringrazio per l'attenzione. Cordiali saluti.

Gentile signora,
per quanto concerne le TVP (trombosi venosa profonda) la terapia medica da eseguire è correttamente con la terapia anticoagulante con Coumadin e indossare un monocollant elastico.

In persone in assenza di mutazioni della coagulazione (trombofilici), la terapia con il Coumadin va seguita per 6 mesi e non oltre, poiché se la vena non si ricanalizza in quel periodo di tempo, non si ricanalizzerà mai più, quindi è inutile proseguire con la terapia anticoagulante orale.

Tuttavia, tuo marito è un trombofilico (mutazione genetica del V fattore di Leiden presente eterozigote WT) pertanto, forse dovrebbe continuare la terapia con Coumadin per evitare l'insorgere di nuove trombosi.

Ti consiglierei comunque di sentire l'opinione di un ematologo in merito che risulta essere il medico più appropriato per suggerirti se con la mutazione del fattore V (di Leiden) sia opportuno o meno assumere la TAO (terapia anticoagulante orale). 

Per la protezione gastrica, il Coumadin non è gastro-lesivo, pertanto non occorre. 

Interventi chirurgici di bypass per le vene non esistono e sono inutili, quando una vena rimane chiusa, il sangue scorre mediante altre vene.
Hai trovato questa risposta utile?
Risposta a cura di:
Dr. Emanuele Ferrero
Dr. Emanuele Ferrero
Torino - via Magellano 1
Altre risposte di questo specialista
Diagnosi radiografia: come si interpreta?
Le calcificazioni a livello delle arterie si possono riscontrare occasionalmente dopo una radiografia. Generalmente, sono determinate dal processo aterosclerotico (caratterizzato dalla formazione di ateromi,...
Calcificazioni vascolari aortiche: cosa significa?
Gentile signore, le calcificazioni che hanno riscontrato alla lastra non sono altro che dei depositi di calcio a livello dei vasi, in questo caso all'aorta....
Artrosi osteofitosica diffusa: esiste una cura?
Gentile utente, gli osteofiti sono piccoli speroni ossei che si formano lungo i margini articolari di ossa colpite da processi erosivi ed irritativi...
Disseccazione della carotide: si può operare?
Buongiorno, gentile utente generalmente le dissecazioni alle carotidi non si operano , poiché l'intervento potrebbe creare più danni che benefici. ...
Vasculite: può colpire anche i bambini?
La vasculite comprende un gruppo di malattie rare caratterizzate da un’infiammazione ai vasi sanguigni, associata anche a danni delle pareti di questi ultimi....
Vedi tutte
Risposte simili
Ematomi post intervento safena: sono normali?
Sì, è normale che ci siano degli ematomi nell'immediato post-operatorio di stripping della vena safena interna. Un'adeguata compressione e creme eparinoide accelerano il...
Sindrome di Churg-Strauss: cosa fare?
Per sindrome di Churg-Strauss, si intende un tipo di vasculite sistemica dei piccoli vasi. I sintomi e i segni clinici presentano sinusopatia, asma...
Cure termali: si possono fare in caso di trombosi venosa?
Il caldo può essere responsabile di gonfiore. Se poi la trombosi è dovuta ad una coagulopatia congenita, cioè ad una eccessiva tendenza alla coagulazione di...