icon/back Indietro Esplora per argomento

Tutti i tipi di pizza italiana

Valentina Montagna | Editor

Ultimo aggiornamento – 22 Febbraio, 2024

Tipi di pizza: ecco quali sono

La pizza è un piatto tipico italiano apprezzato in tutto il mondo. Esistono vari tipi di pizza, per tutti i gusti: al piatto e alla pala, sottile e croccante, alta e morbida. 

Inoltre, ci sono pizze preparate con vari tipi di farina e con diversi tempi di lievitazione, così come gli impasti senza glutine. 

Dunque, andiamo alla scoperta dei diversi tipi di pizza e di tutte le varianti più leggere, digeribili o senza glutine. 

Tipi di pizza tonda

Gli ingredienti classici per preparare i diversi tipi di pizza al piatto sono:

  • farina di grano;
  • acqua;
  • lievito di birra o lievito madre,;
  • sale;
  • olio d'oliva.

A questo impasto di base (che si può sostituire con impasti alternativi) si aggiungono i vari ingredientitra: salumi, formaggi, verdure, ortaggi, salsa di pomodoro o altri condimenti regionali, come per esempio il pesto.

Ecco un elenco dei alcune tra le più classiche tipologie di pizza italiane:

Pizza Margherita

La Pizza Margherita è originaria di Napoli e rappresenta la regina delle pizze.

La sua nascita è legata proprio alla regina Margherita di Savoia che, nel 1889, in visita a Napoli, ricevette in dono una pizza inventata e preparata con pomodoro, mozzarella e basilico, dal cuoco Raffaele Esposito della Pizzeria Brandi. 

Pizza Marinara

Anche la Pizza Marinara è partenopea di nascita e viene preparata con una base di pomodoro, aglio, origano e olio d'oliva, ma senza mozzarella. 

Può essere servita con diversi ingredienti come olive, capperi o acciughe.

Pizza Napoletana

Nasce a Napoli anche la pizza Napoletana preparata con una base di pomodoro, mozzarella e basilico fresco

La pizza partenopea originale si presenta con una pasta molto morbida, fatta con acqua farina, lievito e sale, con una crosta spessa e soffice e un bordo alto e morbido. La cottura avviene nel forno a legna per circa un minuto e mezzo.

Amiche mangiano la pizza

La pizza napoletana è stata riconosciuta dall'UNESCO come un valore culturale da tutelare e, nel 2017, è stata inserita nella lista dei Patrimoni Mondiali dell'Umanità. 

Di origine napoletana doc è anche la pizza fritta, preparata con una base di pomodoro, mozzarella e altri ingredienti come prosciutto, funghi o acciughe. L'impasto viene fritto in olio bollente, il che conferisce alla pizza una consistenza croccante.

Pizza Capricciosa

La Pizza Capricciosa è una delle varietà romane più popolari e apprezzate per la sua varietà di ingredienti

Viene preparata con una base di pomodoro, mozzarella, prosciutto, funghi, olive e carciofi, ma può anche variare leggermente nella preparazione a seconda della regione.

Pizza Quattro Stagioni

Anche la pizza Quattro Stagioni ha origini di cui narrare. Nasce per rispondere ai desideri culinari dei nobili di avere una ricca farcitura.

La base viene preparata con pomodoro e mozzarella, ma la pizza viene divisa in quattro parti che rappresentano le quattro stagioni dell'anno. Ogni stagione ha un ingrediente diverso tra prosciutto, funghi, olive o carciofi. 

In alcuni casi vengono anche aggiunti salsiccia, prosciutto cotto, uovo sodo, champignons o funghi porcini.

Pizza Diavola

La Pizza Diavola ricorda la Margherita, essendo preparata anch'essa con una base di pomodoro e mozzarella, ma se ne distingue per l'aggiunta del salame piccante.

Varietà di pizze: pizza alla Boscaiola

La boscaiola è la pizza funghi e salsiccia nella sua versione bianca, ma che si può anche fare con il pomodoro.


Potrebbe interessarti anche:


Diffusa in tutta Italia, si ritiene che il suo condimento origini dalle zone di montagna delle regioni di Toscana ed Emilia-Romagna.

Pizza ai Quattro Formaggi

La pizza ai quattro formaggi esiste sia nella versione bianca sia in quella rossa

Gli ingredienti usati per il condimento sono 4 tipi di formaggio, appunto, che si fanno sciogliere insieme alla salsa di pomodoro nel caso della rossa.

I quattro formaggi includono: Fior di latte o mozzarella di bufala campana, gorgonzola, un formaggio tra fontina, emmental o gruviera, uno tra robiola o stracchino, parmigiano o pecorino, grattugiato.

Pizza Vegetariana o Pizza Ortolana

La pizza ortolana è una pizza con le verdure, tra le più leggere e sane, se condita con prodotti freschi e di stagione. 

Tra gli ingredienti più comuni, si possono menzionare: zucchine, melanzane e peperoni. A piacere, alle ricette fatte in casa ad esempio, si possono anche funghi, pomodori, cetrioli, rucola.

Alcune pizze regionali famose

Tra le pizze sopra descritte molte sono nate proprio in alcune regioni, per poi diffondersi su tutto il territorio nazionale. 

Tuttavia, esistono delle pizze prettamente regionali, che si trovano perlopiù nelle loro regioni di origine o in alcune pizzerie con un'ampia varietà di scelta.

Il valore aggiunto, ossia la specificità della pizza, è data proprio dalla produzione locale di alcuni ingredienti.

Tipi di pizza: la pizza Siciliana

La Pizza Siciliana viene preparata con una base di pomodoro e mozzarella e con l'aggiunta di acciughe e capperi. A questa versione si possono aggiungere: carciofi, patate, prosciutto, salsiccia o olive. Il tutto condito da una spruzzata di pecorino siciliano. 

La sua particolarità è la crosta spessa e soffice.

Un prodotto tipico siciliano è il pistacchio, con il quale è possibile preparare un pesto da abbinare alla mortadella, per ottenere la pizza con mortadella e pesto di pistacchio siciliano. 

Pizza Pugliese

La Pizza Pugliese tradizionale è molto semplice, un po' come la Margherita, ma sempre molto apprezzata. 

Si prepara con pomodoro, mozzarella e cipolla rossa, ma può anche essere modificata con altri ingredienti: provolone grattugiato oppure a fette, formaggio pecorino grattugiato, con origano aggiunto prima della cottura in forno, con olive, capperi e qualche filetto di alici. 

Ci sono anche le varianti con i pomodori secchi, con le cime di rapa e salsiccia.

Pizza Tirolese

Questa pizza viene preparata con ingredienti che ricordano le fragranze e i sapori alto atesini: mozzarella, speck, scamorza, mele e senape.

Elenco pizze: pizza Calabrese

A differenza della 'napoletana', la consistenza della pasta è più croccante e sottile, il bordo è più basso e friabile, con una cottura più lunga per conferirle maggiore croccantezza. 

Tra gli ingredienti tipici con i quali condire la pizza calabrese, le cipolle di Tropea e 'Nduja, dal gusto piccante.

Pizza Sardenaira (Liguria)

La sardenaira è un classico della tradizione ligure, una specialità sanremese, una pizza focaccia alta e soffice condita con olive, capperi e acciughe, aglio e origano su una base di pomodoro.

La focaccia viene chiamata con nomi diversi, tra cui: pissalandrea, pizzalandrea, pizza dell'Andrea (in riferimento all'ammiraglio Andrea Doria che pare amasse particolarmente la sardenaira).

Pizza Sarda, Civargedda o S'anguli 'e Cibudda 

Questa pizza esiste nella versione con sole verdure o con verdure e salumi. È una ricetta che viene dalla tradizione pastorale ogliastrina, tipicamente cotta in forno a legna su foglie di cavolo o di castagno.

La vegetariana viene preparata con verdure stagionali e con l'aggiunta del Pecorino Sardo DOP. Mentre la versione più robusta prevede anche l'aggiunta dei ciccioli o del lardo di maiale.

Tipi di pizze: la pizza al taglio

È tipicamente romana l'origine della pizza al taglio, ossia tagliata a fette o a spicchi, che può essere bianca o rossa, quindi preparata con una base di pomodoro, mozzarella e tanti altri ingredienti proposti in tante combinazioni diverse, tra cui:

  • salumi;
  • formaggi;
  • verdure;
  • ortaggi;
  • pesce. 

Pizza alla Pala

La Pizza alla Pala nasce nel Lazio ed è caratterizzata tradizionalmente da una cottura su una pala di legno nel forno a legna

La sua crosta è sottile e croccante e viene condita con vari ingredienti, come la pizza al taglio.

Tipi di pizza bianca

La pizza bianca, alta o bassa, piace molto anche così, semplice, senza altri ingredienti. Nelle sue varianti più sfiziose, tuttavia, si può condire o farcire in tanti modi. 

Gli abbinamenti più particolari includono salumi, verdure e ortaggi di stagione, o anche frutta (come i fichi o le pere abbinate al formaggio).

La pizza bianca classica viene condita generalmente senza mozzarella, con salumi come prosciutto crudo, bresaola o mortadella, o con aggiunta di verdure. 

Le pizze con base mozzarella possono essere condite con vari ingredienti, tra cui: zucchine, melanzane, fiori di zucca, gamberetti, salmone, funghi, carciofini, olive, salsiccia, ecc.

Tipi di pizza rossa

La versione più semplice è la pizza rossa condita solo con pomodoro, olio, basilico o origano, ma può essere condita anche con altri ingredienti.

Negli ultimi anni sono state realizzate pizze diverse, che rivisitano alcuni piatti tipici delle cucine regionali, come per esempio, la pizza all'amatriciana, la pizza con le melanzane alla parmigiana, pizza con pomodori secchi, burrata e alici.  

Tipi di farine per pizza

Oltre a quello che si ricava con la più classica farina di grano tenero, acqua, lievito, olio e sale, esistono diversi tipi di impasti per pizza.

Per quanto riguarda il lievito, il lievito madre è considerato migliore per essere più digeribile, oltre a conferire alla pizza un sapore più intenso. Proprietà che deve alla presenza di maggiori microrganismi rispetto al lievito di birra.

Pizza ai Quattro Cereali

Questa pizza viene preparata con 4 diversi tipi di farine

  • farina di grano tenero;
  • farina di mais;
  • farina di segale;
  • farina di farro.

Potrebbe interessarti anche:


La miscela di farina conferisce alla pizza un sapore rustico e un'alta digeribilità.

Varietà di pizza: pizza con farina integrale

Viene preparata con farina integrale di grano tenero o di farro. La farina integrale conferisce alla pizza un sapore più rustico, una maggiore croccantezza e digeribilità oltre a essere più leggera e con meno calorie.

Questo tipo di farina ha anche un basso indice glicemico. Come è noto, inoltre, gli alimenti integrali contengono anche le fibre, importanti per le funzioni del tratto gastrointestinale.

Pizza al grano Khorasan (Kamut)

La pizza al grano Khorosan viene preparata con la farina di un antico grano duro (Grano Turanicum o Frumento Orientale) che presumibilmente è originario del Medio Oriente. 

Il nome deriverebbe infatti dall'antica regione persiana di Khorasan, che corrisponde alle zone oggi appartenenti ad Afghanistan, Iran, Uzbekistan, Turkmenistan e Tagikistan.

La caratteristica di questa farina è quella di rendere l'impasto più leggero e digeribile, anch'esso con un indice glicemico più basso rispetto alla farina raffinata.

Il Khorosan contiene: proteine, minerali e vitamine, è ricco di selenio, magnesio, zinco, vitamina E, lipidi ed acidi grassi. Tuttavia, risulta più calorico di altri grani.

Pizza al Farro

Anche il farro è un cereale antico, come il Khorosan, le cui origini si possono far risalire a oltre 5000 anni fa in Medio Oriente. 

Questo grano viene preferito da chi cerca un'alternativa alla farina bianca. Il suo sapore tende al dolce e ricorda quello della nocciola, e presenta iverse proprietà benefiche:

  • ha un buon contenuto proteico ed è una buona fonte di fibre
  • è privo di colesterolo
  • contiene vitamina A, C, del gruppo B, potassio, magnesio, fosforo e ferro
  • ha meno calorie di altri cereali e un basso contenuto di grassi
  • ha un basso indice glicemico.

Pizza con farina di segale

Anche la segale è un cereale antico di origine asiatica, dai cui chicchi si ottiene la farina che si può usare per preparare la pizza. Il sapore più rustico e la consistenza più densa sono le caratteristiche principali dal punto di vista organolettico. 

Le proprietà della segale sono diverse e tra queste:

  • è ricca di fibre e ha un basso indice glicemico
  • contiene proteine, acido folico e sali minerali, tra cui sodio, potassio, calcio e iodio, ferro
  • ha proprietà fluidificanti del sangue.

Le farine per la pizza senza glutine

La pizza senza glutine è adatta a chi una intolleranza al glutine o celiachia, una malattia autoimmune.

Grano, orzo e segale contengono il glutine, perciò le farine di grano tenero, farro, kamut, orzo, segale e avena, ne contengono. 

Tra le farine per ogni tipo di pizza che ne sono prive:

  • farina di riso
  • farina di mais
  • farina di tapioca  
  • farina di grano saraceno 
  • farina di quinoa
  • farina di amaranto
  • farina di miglio
  • farina di sorgo
  • farina di teff.
Condividi
Valentina Montagna | Editor
Scritto da Valentina Montagna | Editor

La mia formazione comprende una laurea in Lingue e Letterature Straniere, arricchita da una specializzazione in Web Project Management. La mia esperienza nel campo si estende per oltre 15 anni, nei quali ho collaborato con nutrizionisti, endocrinologi, medici estetici e dermatologi, psicologi e psicoterapeuti e per un blog di un'azienda che produce format televisivi in ambito alimentazione, cucina, lifestyle.

Le informazioni proposte in questo sito non sono un consulto medico. In nessun caso, queste informazioni sostituiscono un consulto, una visita o una diagnosi formulata dal medico. Non si devono considerare le informazioni disponibili come suggerimenti per la formulazione di una diagnosi, la determinazione di un trattamento o l’assunzione o sospensione di un farmaco senza prima consultare un medico di medicina generale o uno specialista.
Valentina Montagna | Editor
Valentina Montagna | Editor
in Ricette

521 articoli pubblicati

Contenuti correlati
Torte salate: 6 ricette facili e veloci
Torte salate veloci: 6 ricette facili salva tempo

Ecco 6 ricette per preparare delle torte salate veloci e con pochi ingredienti. Super rapide e facili, queste proposte soddisfano la gola in poco tempo. 

Scopriamo alcune idee per insalate di riso
Insalate di riso: ecco alcune idee

Le insalate di riso sono un piatto perfetto per l'estate: fresche e ricche di gusto. Ecco la ricetta classica e altre varianti per insalate originali

icon/chat