Cordone ombelicale

Contenuto di:

Il cordone ombelicale è il collegamento tra l'ombelico del bambino e la placenta della madre, lungo generalmente 50 cm.

Qual è la funzione del cordone ombelicale?

Missing | Pazienti.it

La funzione del cordone ombelicale consiste nel trasportare l'ossigeno e le sostanze nutritive dal flusso sanguigno della madre a quello del bambino. Il sangue circola attraverso i vasi sanguigni nel cordone ombelicale, costituiti da:

  • una vena che trasporta il sangue ricco di ossigeno e sostanze nutritive,
  • due arterie che trasportano il sangue deossigenato e scarti, come l'anidride carbonica, dal bambino alla placenta.

Questi vasi sanguigni sono racchiusi e protetti da una sostanza gelatinosa, detta gelatina di Wharton, ricoperta a sua volta da uno strato di membrana amniotica. Verso la fine della gravidanza, la placenta trasmette al bambino gli anticorpi della madre, attraverso il cordone ombelicale, fornendogli la protezione da infezioni per i primi tre mesi di vita. 

Cosa accade dopo la nascita?

Subito dopo la nascita, l'ostetrica applica due mollette di plastica sul cordone: una all'altezza di 3-4 cm dall'ombelico del bambino e l'altra vicino alla placenta, per poi tagliarlo. Il cordone non ha nervi, pertanto il taglio è totalmente indolore, sia per il bambino, che per la madre.

Dopo circa 5-15 giorni dalla nascita, il moncone attaccato al bambino si secca e cade, ed in soli 7-10 giorni l'ombelico guarisce completamente. Dopo la caduta del moncone, è di fondamentale importanza pulire e tenere asciutto l'ombelico del bambino, per prevenire eventuali infezioni. 

Possono subentrare delle complicazioni?

È consigliabile consultare un medico se si nota un sanguinamento dall'ombelico, segno evidente di infezione.  

Argomenti: gravidanza cordone ombelicale feto
Missing | Pazienti.it
Rosolia

La rosolia è una malattia esantematica causata da un virus, noto come Rubivirus, appartenente alla famiglia dei Togaviridae. La rosolia si contrae per via aerea o tramite contatto diretto con...

Sindrome_delle_gambe_senza_riposo | Pazienti.it
Sindrome delle gambe senza riposo

La sindrome delle gambe senza riposo è una condizione in cui le gambe provocano disagio, di solito la sera, mentre si sta seduti o sdraiati. Il paziente affetto percepisce il...

Missing | Pazienti.it
Sindrome fetale alcolica

La sindrome alcolica fetale è una malattia che colpisce il feto ed è in grado di causare difetti alla nascita, danni cerebrali, una crescita ridotta e anomalie della testa e...

Sintomi_e_cure_della_sciatalgia | Pazienti.it
Sintomi e cure della sciatalgia

La sciatalgia si manifesta con un intenso dolore che parte dal basso della schiena e raggiunge la gamba in alcuni casi fino al piede. I sintomi dolorosi della sciatalgia sono...

Stitichezza | Pazienti.it
Stitichezza

La stitichezza è una condizione molto comune che colpisce le persone di ogni età. Può causare difficoltà nell’espellere le feci, eccessivo sforzo o l’impossibilità di svuotare completamente l'intestino. La stitichezza...

Colestasi_gravidica | Pazienti.it
Colestasi gravidica

La gravidanza può presentare alcune complicazioni piuttosto rare, una di queste è la colestasi gravidica, che è ausata dalla presenza di bile nella circolazione sanguigna.

Ovaia | Pazienti.it
Ovaia

L'ovaia è un elemento perlaceo, di colore bianco e situato lungo la parete laterale del bacino in una regione chiamata fossa ovarica . La fossa di solito si trova sotto...

Missing | Pazienti.it
Il parto

Il parto è il culmine di una gravidanza, ovvero il periodo con l'espulsione di uno o più neonati lattanti da una donna.

Nausea | Pazienti.it
Nausea

La nausea è la sensazione di vomito e può essere acuta, di breve durata o prolungata. La nausea può avere cause fisiche o psicologiche.

Vasi_previi | Pazienti.it
Vasi previi

Una delle complicazioni meno comuni in gravidanza è rappresentata dai vasi previi, che si presentano quando uno o più vasi sanguigni placentari o del cordone del bambino attraversano il canale...