Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Anatomia
  4. Riserva Ovarica

Riserva ovarica

Riserva ovarica
Curatore scientifico
Dr. Gianfranco Blaas
Specialità del contenuto
Ginecologia

Cos'è la riserva ovarica?

Le ovaie sono in grado di produrre ovuli a seguito di stimolazione. Questa capacità delle ovaie è detta riserva ovarica, essa è in stretta relazione con l’età della donna. La riserva ovarica si mantiene, infatti, stabile fino ai 35 anni per poi diminuire gradualmente.

La riserva ovarica fa, dunque, riferimento alla quantità di ovociti disponibili nell’ovaio di una donna, da ciò dipende la sua possibilità di gravidanza. La riserva ovarica fornisce, quindi, una valutazione del numero dei follicoli ovarici disponibili nelle ovaie in un determinato momento della vita di una donna.

La riserva ovarica è determinata geneticamente e quindi è individuale nonostante l’età. Durante lo sviluppo embrionale vengono prodotti tutti i follicoli che la donna utilizzerà durante tutta la sua vita riproduttiva.

Sono circa 400.000, ma solo 500 di essi, durante il periodo fertile della donna, arriveranno a maturazione completa (come gli ovociti in essi contenuti) e produrranno la cosiddetta ovulazione. Gli altri andranno incontro ad una riduzione di volume (atresia).

Dalla fase embrionaria sino alla età prepubere i follicoli “primordiali” occupano lo spazio centrale dell’ovaio, vicino ai vasi grossi che li nutrono. Quando inizia il processo maturativo che porterà alla pubertà, i follicoli “migliori”, che cioè arriveranno a maturazione, iniziano ad ingrossare, riempiendosi un liquido a base di estrogeni, e migrano verso l’esterno dell’ovaio.

I follicoli che non risentiranno della stimolazione ormonale (per problemi legati al patrimonio genetico dell’ovocita), rimarranno atresici. Nel periodo fertile della donna, quindi, ad ogni ciclo, nella fase iniziale sono presenti diversi follicoli in fase diversa di maturazione ma uno solo verrà selezionato ed è quello che verrà liberato. Gli altri follicoli, in parte matureranno nei mesi successivi, in parte andranno perduti.

La quota di follicoli disponibili ad arrivare sino a maturazione, al di là del fattore età della donna, è determinata geneticamente e rappresenterà la “riserva ovarica”. Questo si verificherà ogni mese fino a quando si ridurrà progressivamente la riserva ovarica e si arriverà alla menopausa.

Alcune condizioni possono ridurre la riserva ovarica della donna, per esempio interventi chirurgici a carico delle ovaie, uso di alcuni farmaci chemioterapici, radioterapia.

Nei casi dei trattamenti chemioterapici è consigliabile congelare gli ovuli (crioconservazione) prima di sottoporsi alla terapia dato che, in molti casi, questi tipi di trattamenti finiscono per distruggere totalmente la riserva ovarica, precludendo ad una donna l’eventualità di rimanere incinta con i propri ovuli.

Riserva ovarica: i valori

Diversi test misurano la riserva ovarica. Quelli che assicurano maggiore esattezza sono:

  • livello dell’ormone antimulleriano (AMH): viene prodotto nell’ovaio e indica quanti follicoli sono disponibili. Permette di valutare la bassa riserva ovarica. Può essere misurato in qualsiasi momento del ciclo;
  • conteggio dei follicoli antrali (AFC) tramite ecografia: si effettua all’inizio del ciclo e mostra i follicoli che sono preparati per rispondere ad una stimolazione ormonale in quello stesso ciclo. Si effettua con semplicità durante la visita medica attraverso un’ecografia;
  • livello dell’FSH e dell’estradiolo basali: si effettua all’inizio del ciclo ed è importante stabilire il livello di entrambi gli ormoni per poter valutare la riserva ovarica. Meglio fare questo dosaggio nella fase iniziale del ciclo per poterlo misurare idoneamente.

Per quel che riguarda i valori di riferimento nella norma, questi sono i parametri da tenere presenti:

  • AMH: fino ai 45 anni è compreso tra 0.9 e 9.5 ng/ml
  • AFC: i valori vanno tra i 2 e i 10mm
  • FSH: la soglia limite è di 15mUI/ml

Riserva ovarica bassa

La riserva ovarica diminuisce progressivamente con l’età fino ad esaurirsi. Quindi, l’età è il principale fattore di rischio per una scarsa riserva ovarica.

Tuttavia, non tutte le donne della stessa età hanno una riserva simile, quest’ultima infatti varia molto da donna a donna: alcune donne hanno una scarsa riserva ovarica anche in giovane età, mentre altre che hanno superano i 40 anni hanno una riserva normale. Questo è dovuto a fattori ambientali ma soprattutto genetici.

Riserva ovarica bassa: cosa fare?

Il trattamento per i casi di riserva ovarica bassa (e, quindi, di uno scarso numero di follicoli ovarici) dipende dai risultati dell’insieme delle prove diagnostiche e, soprattutto, dall’età della donna. Nei casi di riserva ovarica molto bassa in cui non è possibile ottenere ovuli propri, il trattamento indicato è la donazione di ovociti.

È possibile una gravidanza con una bassa riserva ovarica?

La probabilità di gravidanza non dipende soltanto dalla riserva ovarica ma anche dall’età della donna. Ci sono donne a 30 anni con bassa riserva ovarica, pochi ovuli ma di buona qualità; Altre donne a 40 anni possono avere più ovuli ma di peggiore qualità.

Come conoscere la nostra riserva ovarica?

In conclusione, diversi fattori possono dare indicazioni sulla riserva ovarica, tra queste troviamo:

  • l’età della donna è un fattore fondamentale per conoscere la riserva ovarica;
  • l’ecografia pelvica consente di studiare la morfologia delle ovaie;
  • lo studio dell’FSH. L’ormone follicolo-stimolante (FSH) agisce sull’ovaio per stimolare lo sviluppo follicolare. Interviene principalmente nella maturazione dei follicoli e il suo valore consente di conoscere la capacità delle ovaie di produrre ovuli quando questi sono sottoposti ad una stimolazione;
  • l’ormone antimulleriano (AMH) regola il numero di follicoli disponibili durante un ciclo mestruale. Permette di prevedere la quantità di follicoli disponibili durante un ciclo mestruale. 
Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Feto
Il feto è lo stadio di sviluppo prenatale che segue quello di embrione e che è contraddistinto da un grande accrescimento in termini di l...
Utero
L’utero è un organo riproduttivo femminile, le cui caratteristiche morfologiche variano leggermente da donna a donna e nell’arco della vita.
Flora Vaginale
Per flora vaginale si intende l’insieme dei numerosi microrganismi che colonizzano il cavo vaginale, la cui composizione varia secondo di...