Estrogeni

Contenuto di:
Curatore scientifico: Dr. Gianfranco Blaas, Medico Chirurgo
Indice contenuto:
  1. Cosa sono gli estrogeni?
  2. A cosa servono gli estrogeni?
  3. Quali sono gli estrogeni?
  4. Quali sono gli alimenti ricchi di estrogeni?
  5. Quali sono i normali valori di riferimento?
  6. Estrogeni alti: quali sono le cause?
  7. Estrogeni bassi: quali sono le cause?
  8. Quando assumere estrogeni?
  9. Quali sono gli effetti collaterali?

Cosa sono gli estrogeni?

Gli estrogeni sono degli ormoni steroidei, prodotti e secreti:

  • principalmente nell’ovaio;
  • in modo modesto nel testicolo;
  • in minima parte dalle ghiandole surrenali.

Come tutti gli ormoni steroidei, il precursore degli estrogeni è il colesterolo, che viene trasformato da una serie di enzimi in diverse molecole steroidee.

Rispetto agli uomini, le donne hanno più estrogeni nel corpo: essi, infatti, sono ormoni sessuali, cioè caratterizzanti un sesso: ciò significa che inducono lo sviluppo dei caratteri sessuali secondari femminili.

A cosa servono gli estrogeni?

Gli estrogeni hanno diverse funzioni:

  • regolano:
    • lo sviluppo dell’apparato genitale;
    • lo sviluppo delle mammelle;
    • la distribuzione dei peli;
    • la distribuzione dell’adipe su fianchi, natiche, cosce e basso ventre;
    • la chiusura delle cartilagini delle ossa lunghe, durante la pubertà;
    • il ciclo mestruale, in particolare la prima metà del ciclo mestruale, mentre nella seconda metà agisce il progesterone;
  • stimolano la produzione di muco cervicale fertile e l’accumulo di sostanze nutritive nella parete uterina, per favorire, rispettivamente, la fecondazione e l’impianto dell’embrione;
  • evitano l’atrofizzazione della mucosa genitale, mantenendone la vascolarizzazione e la produzione di collagene;
  • proteggono dall’osteoporosi;
  • promuovono la sintesi di trigliceridi e delle lipoproteine ad alta densità (HDL), costituendo un agente protettivo verso aterosclerosi e malattie cardiovascolari;
  • stimolano le funzioni cerebrali;
  • favoriscono:

Quali sono gli estrogeni?

L’estrogeno più noto è l’estradiolo (17-β estradiolo), l’ormone femminile che caratterizza tutta la vita fertile della donna. Esso è prodotto dalle ovaie a partire dal testosterone e ha un’attività circa trenta volte maggiore rispetto agli altri estrogeni.

Gli estrogeni, la cui secrezione nell’ovaio dipende dagli ormoni ipofisari FSH (l’ormone follicolo stimolante) e LH (l’ormone luteinizzante), permettono all’ovocita di maturare e all’endometrio di prepararsi all’impianto dell’eventuale embrione, qualora avvenga la fecondazione.

Il follicolo dominante, sotto lo stimolo dell’FSH, produce prevalentemente gli estrogeni (e poco progesterone). Questo picco di estrogeni determina poi il picco di LH, il quale induce l’ovulazione e la formazione del corpo luteo. Quest’ultimo, poi, produce prevalentemente progesterone, invece degli estrogeni.

Altri estrogeni sono:

  • l’estriolo, che aumenta in gravidanza poiché è prodotto dalla placenta;
  • l’estrone, che aumenta durante la menopausa e viene prodotto per trasformazione dell’androstenedione nel tessuto adiposo.

Esistono poi degli estrogeni naturali, cioè presenti nel mondo vegetale.

Quali sono gli alimenti ricchi di estrogeni?

Gli estrogeni naturali, intesi come fitoestrogeni, sono estrogeni di origine vegetale. La loro struttura chimica è simile a quella degli estrogeni animali ed esercitano, quindi, funzioni analoghe. Gli alimenti con fitoestrogeni sono: 

  • soia;
  • cereali;
  • noci;
  • leguminose;
  • crucifere.

Un eccessivo consumo di fitoestrogeni determina la comparsa della sintomatologia da iperestrogenismo (estrogeni alti).

Quali sono i normali valori di riferimento?

I valori normali degli estrogeni variano in base al sesso, ovviamente, e nelle donne si modificano anche in base alla fase del ciclo e all’epoca della vita.

In fase follicolare, i valori di riferimento sono:

  • per l’estradiolo sono 10-178 pg/ml;
  • per l’estrone sono 37-140 pg/ml.

In fase ovulatoria, i valori di riferimento

  • per l’estradiolo sono 48-388 pg/ml;
  • per l’estrone sono 60-230 pg/ml.

In fase luteinica, i valori di riferimento

  • per l’estradiolo sono 31-247 pg/ml;
  • per l’estrone sono 37-140 pg/ml.

In menopausa, i valori di riferimento

  • per l’estradiolo sono 0-30 pg/ml;
  • per l’estrone sono 40-350 pg/ml.

Negli uomini i valori normali non subiscono variazioni e 

  • per l’estradiolo sono 10-45 pg/ml;
  • per l’estrone sono 30-90 pg/ml.

Estrogeni alti: quali sono le cause?

Le alterazioni dei livelli normali possono avere diverse cause.

Gli estrogeni alti si riscontrano in caso di:

Estrogeni bassi: quali sono le cause?

Gli estrogeni bassi si riscontrano in caso di:

Quando assumere estrogeni?

Gli estrogeni vengono assunti per trattare diverse condizioni causate dall’ipoestrogenismo (estrogeni bassi) e risolvere la riduzione dei livelli alterati di questi ormoni, che provocano:

  • alterazioni del ciclo mestruale causate da squilibri ormonali;
  • carenza estrogenica;
  • menopausa fisiologica o acquisita;
  • atrofia urogenitale;
  • acne androgenica;
  • alopecia androgenetica femminile.

Inoltre, gli estrogeni possono essere assunti come contraccettivo e per indurre la femminilizzazione negli individui che intraprendono il percorso di cambiamento del sesso da maschile a femminile.

Se e quali sono gli estrogeni da assumere è una decisione che spetta al medico e per alcune delle condizioni sopraelencate sono possibili diverse scelte, tra cui:

  • estradiolo o l’estriolo o l’etinilestradiolo per le alterazioni del ciclo mestruale;
  • l’estradiolo o l’etinilestradiolo o un’associazione tra estradiolo e progestinici per la carenza estrogenica;
  • l’estradiolo, l’estriolo, l’etinestradiol per la menopausa;
  • il promestriene per l’atrofia urogenitale;
  • l’etinilestradiolo per l’acne androgenica e l’alopecia adrogenetica;
  • estradiolo in associazione a progestinici per l’azione anticoncezionale.

Quali sono gli effetti collaterali?

Gli effetti collaterali degli estrogeni sono dovuti all’eccesso di questi ormoni o alla terapia ormonale sostituiva a lungo termine, e comprendono:

Negli uomini, un eccesso di estrogeni causa:

L’iperestrogenismo (estrogeni alti) viene trattato in base alla causa scatenante. Ad esempio, se è conseguenza:

  • di obesità, la terapia per ridurre i livelli di estrogeni consiste nella perdita di peso e nella somministrazione di una dieta che non contiene fitoestrogeni;
  • di dominanza estrogenica, la terapia consiste nella somministrazione di progesterone;
  • di tumore, la terapia è chirurgica.