Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Esami
  4. Angiogramma

Angiogramma

Angiogramma
Curatore scientifico
Dr. Gabriele Bertoni
Specialità del contenuto
Angiologia

Cos'è un angiogramma?

Un angiogramma è un test a raggi X che utilizza un colorante speciale e una fotocamera (fluoroscopia) per scattare foto del flusso sanguigno in un'arteria (come l'aorta) o una vena (come la vena cava). Un angiogramma può essere utilizzato per guardare le arterie o le vene nella testa, nelle braccia, nelle gambe, nel petto, nella schiena o nella pancia.

Gli angiogrammi comuni possono vedere le arterie vicino:

  • al cuore (angiogramma coronarico): può aiutare a diagnosticare malattie cardiache, è il tipo più comune di procedura di cateterismo cardiaco. Durante un angiogramma coronarico, un tipo di colorante che è visibile grazie ai raggi X viene iniettato nei vasi sanguigni del cuore
  • ai polmoni (angiogramma polmonare)
  • al cervello (angiogramma cerebrale)
  • alla testa e al collo (angiogramma carotideo)
  • alle gambe o alle braccia (periferiche) 
  • all'aorta (aortografia)

La macchina a raggi X produce una serie di immagini (angiografia), che offre uno sguardo dettagliato dei vasi sanguigni. Se necessario, il medico può eseguire procedure quali l'angioplastica durante la coronarografia.

Durante un angiogramma, un tubo sottile, chiamato catetere, viene inserito in una camera vascolare simmetrica nell'inguine (arteria femorale o vena) o appena sopra il gomito (arteria brachiale o vena). Il catetere viene guidato nella zona da studiare. Successivamente, viene iniettato un colorante di iodio (materiale di contrasto) nella vena per rendere chiaramente visibile la zona sulle immagini a raggi X. 
Un angiogramma può trovare un’ostruzione di un vaso sanguigno (aneurisma). Può anche mostrare un restringimento o un blocco di un vaso sanguigno che influenza il flusso di sangue. Può dimostrare se è presente una malattia coronarica e quanto è grave.

Perché viene effettuato un angiogramma?

Il medico può raccomandare un angiogramma coronarico se si hanno:

  • sintomi della malattia coronarica, come dolore al petto (angina)
  • dolori a mandibola, collo, braccio non riconducibili ad altri problemi
  • dolore maggiore al torace (angina instabile)
  • un difetto cardiaco presente dalla nascita (cardiopatia congenita)
  • insufficienza cardiaca
  • altri problemi dei vasi sanguigni che influenzano il flusso circolatorio. Esempi di tali problemi includono un’ostruzione di un vaso sanguigno (che può causare blocco o sanguinamento interno), aneurismi (che sono debolezze delle pareti dei vasi sanguigni) e aree restrittive
  • lesione al torace
  • un problema ad una valvola cardiaca che richiede un intervento chirurgico
  • cercare i cambiamenti nei vasi sanguigni di organi feriti o danneggiati
  • mostrare il modello del flusso sanguigno di un tumore. Ciò può anche aiutare a scegliere il trattamento
  • mostrare la condizione, il numero e la posizione delle cellule renali prima di un trapianto di rene
  • cercare una sorgente di sanguinamento, come un'ulcera
  • preparare per l'intervento chirurgico ai vasi sanguigni malati delle gambe (malattia arteriosa periferica) in persone che hanno dolore grave delle gambe quando camminano
  • controllare quanto l'aterosclerosi sia grave nelle arterie coronarie

In alcuni casi, un metodo chiamato radiologia interventistica può essere utilizzato durante un angiogramma per curare le malattie. Ad esempio, un catetere può essere inserito per aprire un vaso sanguigno bloccato, fornire la medicina per curare un tumore o interrompere un'emorragia intestinale causata da un’emorragia diverticolare. 

Come ci si prepara ad un angiogramma?

Prima di eseguire un angiogramma, informare il medico se:

  • si è incinta
  • si sta allattando al seno
  • si è allergici al colorante iodato che si usa durante il test
  • si è mai avuta una grave reazione allergica (anafilassi) da qualsiasi sostanza, come il veleno di api o i molluschi
  • si ha l'asma
  • si è allergici a qualsiasi medicinale
  • si hanno problemi di sanguinamento o si stanno prendendo medicinali per la coagulazione
  • si hanno problemi renali o di diabete, soprattutto se si prende Metformina per tenere sotto controllo il diabete. Il colorante usato durante un angiogramma può causare danni ai reni in persone che hanno una funzione renale scarsa
  • non mangiare o bere per 4-8 ore prima dell'angiogramma. Può essere richiesto di non prendere aspirina o diluenti del sangue per diversi giorni prima della prova e per un giorno dopo la prova

Un angiogramma può essere effettuato in ospedale o in ambulatorio. Se avviene in un ambulatorio, il paziente rimarrà in una sala di rianimazione per diverse ore prima di tornare a casa. Se avviene in ospedale, probabilmente si potrà tornare a casa il giorno successivo.

La prova può richiedere diverse ore, pertanto vuotare la vescica appena prima di cominciare.

Prima di effettuare un angiogramma, si possono fare altri esami del sangue, quali studi della coagulazione del sangue e creatinina.

Verrà chiesto al paziente di firmare un modulo di consenso in cui dichiara di comprendere i rischi del test e di accettarne le eventuali conseguenze.

Cosa prevede la procedura di un angiogramma?

Un angiogramma prevede di:

  • posizionarsi sulla schiena per essere sottoposti ai raggi X. Poiché la tabella è inclinata durante la procedura, cinghie di sicurezza possono essere fissate sul petto e sulle gambe. Le telecamere possono muoversi sopra e intorno alla testa e al petto per scattare foto da diverse angolazioni;
  • somministrare un sedativo che aiuterà a rilassare, così come altri farmaci e fluidi.

Durante tutta la procedura potrebbe essere chiesto di:

  • fare respiri profondi
  • trattenere respiro e tosse
  • posizionare le braccia in varie posizioni

Gli elettrodi sul petto monitorano il cuore durante tutta la procedura. Un bracciale per la pressione arteriosa rintraccia la pressione sanguigna e un altro dispositivo, un pulsossimetro, misura la quantità di ossigeno nel sangue. È possibile ricevere farmaci (anticoagulanti) per aiutare a prevenire la coagulazione del sangue nelle arterie coronarie.

Durante la procedura inoltre:

  • una piccola quantità di peli può essere rasata all'inguine o al braccio dove il catetere deve essere inserito. La zona viene lavata e disinfettata e poi viene iniettato un anestetico locale;
  • una piccola incisione viene fatta sul sito di ingresso e un tubo di plastica viene inserito nell'arteria;
  • il catetere viene inserito attraverso il tubo di plastica nel vaso sanguigno ed entra in contatto con il cuore e le arterie coronarie. Infilare il catetere non dovrebbe causare dolore, avvertire il team medico se si avverte qualche disagio;
  • del colorante viene iniettato attraverso il catetere. Quando questo accade, si possono avere vampate di calore. Non allarmarsi se si sente il battito cardiaco accelerato, questo è un evento frequente durante l'angiografia.

Un angiogramma dura circa un'ora, ma può anche essere più lungo, specialmente se in combinazione con altre procedure. 

Cosa bisogna aspettarsi dopo un angiogramma?

Quando l'angiogramma è terminato:

  • il catetere viene rimosso dal braccio o dall'inguine
  • l'incisione viene chiusa con una pressione manuale
  • si viene portati in un zona di recupero per l'osservazione e il monitoraggio
  • quando la situazione è stabile, si torna in camera, dove si è monitorati regolarmente
  • è importante giacere supini per diverse ore per evitare sanguinamenti. Durante questo periodo, può essere applicata una pressione all'incisione per impedire il sanguinamento e promuovere la guarigione
  • è bene bere molti liquidi per espellere il colorante dal proprio corpo.Si potrebbe essere in grado di tornare a casa il giorno stesso o potrebbe essere necessario rimanere in ospedale per un giorno o più

Quali sono i rischi di un angiogramma?

Come con la maggior parte delle procedure eseguite al cuore e ai vasi sanguigni, la coronarografia presenta alcuni rischi. Le principali complicanze sono però rare. Potenziali rischi e complicazioni includono:

  • attacchi di cuore
  • lesioni all'arteria cateterizzata
  • accelerazioni del ritmo cardiaco (aritmie)
  • reazioni allergiche alla tintura o a farmaci utilizzati durante la procedura
  • danni renali
  • eccessivo sanguinamento
  • infezioni
  • coaguli di sangue
  • esposizione alle radiazioni dei raggi X

Nella maggior parte dei casi, i problemi si verificano entro 2 ore dalla prova quando si è in sala di rianimazione. Se il problema si verifica durante l'angiogramma, il test potrebbe non venire completato. 

C'è la possibilità di una reazione allergica al colorante. La reazione può essere mite (prurito, eruzione cutanea) o grave (difficoltà respiratorie o shock improvviso). La maggior parte delle reazioni può essere trattata con farmaci. 

C'è una piccola probabilità che il catetere possa danneggiare un vaso sanguigno. 

Il colorante utilizzato per la prova può causare danni diretti ai reni. Questa è una preoccupazione importante soprattutto per le persone che hanno problemi renali, diabete o che sono disidratati.

Cosa mostra un angiogramma?

Se l’angiogramma è normale:

  • i vasi sanguigni sono normali in forma, dimensione, posizione e numero
  • il colorante fluisce uniformemente attraverso i vasi sanguigni
  • non si vede restrizione, blocco, rigonfiamento o altro problema dei vasi sanguigni

Se l’angiogramma è anormale:

  • i vasi sanguigni che non sono nella loro posizione normale possono significare che un tumore o un'altra massa sta spingendo contro di loro
  • un restringimento in un'arteria può significare che un deposito di grasso, di calcio o un coagulo sta riducendo il flusso di sangue attraverso il vaso
  • un’ostruzione in un vaso sanguigno può significare una debolezza nella parete del vaso sanguigno (aneurisma)
  • il colorante che esce da un vaso sanguigno può significare la presenza di un foro nello stesso
  • ci sono anomali ramificazioni dei vasi sanguigni presenti dalla nascita
  • un anormale schema dei vasi sanguigni può significare la presenza di un tumore

Cosa influisce sul test?

Le ragioni per le quali potrebbe non essere possibile eseguire il test o i risultati potrebbero non essere utili includono:

  • essere incinta. Un angiogramma non viene fatto durante la gravidanza perché la radiazione potrebbe danneggiare il bambino in via di sviluppo (feto)
  • blocco o curvatura dei vasi sanguigni causati da aterosclerosi, pressione alta o invecchiamento. Ciò può rendere difficile guidare il catetere attraverso i vasi sanguigni o iniettare il colorante
Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Cardioangiografia
La cardioangiografia è una tecnica di esame radiografico.
Arteriogramma
Si tratta di un’analisi che usa i raggi X e i mezzi di contrasto per visualizzare l’interno delle arterie. E’ nota più comunemente come a...
Angio TAC
L'angio TAC o angioTC è un metodo di diagnosi che prevede l'utilizzo della TAC per esaminare i vasi sanguigni.