Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Malattie
  4. Angiosarcoma

Angiosarcoma

Angiosarcoma
Curatore scientifico
Dr. Virgilio De Bono
Specialità del contenuto
Cardiologia

Che cos’è l’angiosarcoma?

L’angiosarcoma è un tumore maligno derivato da vasi sanguigni e costituito da ammassi di cellule endoteliali con spiccati caratteri di atipia. Si tratta di un tumore relativamente raro, che colpisce in ugual misura maschi e femmine, specialmente in età giovanile, fra i 10 e i 30 anni, ma può insorgere a tutte le età, anche nell’infanzia e nell’adolescenza.

Le sedi più frequenti sono gli arti, le regioni paranasali, la mammella e, tra gli organi profondi, il fegato, i polmoni, la milza. Quando si localizza nei tessuti superficiali si presenta come una tumefazione compatta, situata profondamente, dolente, che invade i tessuti vicini: muscoli, tessuto adiposo, vasi sanguigni. 

Quali sono i sintomi?

I sintomi di un angiosarcoma variano a seconda dell’area in cui si è sviluppato il tumore e il modo in cui è progredito.

Un angiosarcoma cutaneo sul cuoio capelluto, sul viso o sul resto dell’epidermide crea solitamente una lesione scura, come un livido.

Se è localizzato al seno, provocherà gonfiore. Un angiosarcoma al fegato provocherà dolori addominali, perdita di peso e affaticamento.

Qual è la prognosi?

L’angiosarcoma è un tumore molto aggressivo e spesso multicentrico, inoltre ha un alto tasso di recidiva locale e metastasi a causa delle loro proprietà biologiche intrinseche, per questo la prognosi nella maggior parte dei casi è sfavorevole.

Quali sono i soggetti maggiormente colpiti?

Colpisce più frequentemente gli uomini che le donne di età pari o superiore ai settant’anni.

Quanti e quali sono i tipi di angiosarcoma esistenti?

Esistono tre tipi di angiosarcoma principali:

  • angiosarcoma osseo
  • angiosarcoma cutaneo
  • angiosarcoma epitelioide

Quali sono le cause?

La causa principale dell’angiosarcoma è sconosciuta ma alcuni fattori tendono ad essere associati al suo sviluppo, questi sono:

  • mastectomia radicale
  • linfedema cronico
  • radioterapia
  • introduzione di materiali estranei nel corpo
  • preesistenti lesioni benigne

Come viene diagnosticato?

La diagnostica dell’angiosarcoma avviene tramite:

  • studi di laboratorio
  • test di imaging
  • scintigrafia ossea
  • biopsia

Generalmente la diagnosi mediante biopsia risulta essere la più efficace.

Qual è la stadiazione dell’angiosacroma?

L’angiosarcoma ha una stadiazione composta da quattro fasi:

  • prima fase, in cui il tumore si trova in una posizione del fegato che può essere trattata chirurgicamentes- econda fase, in cui si trova in uno o più punti all'interno dell'organo e possono essere trattati chirurgicamente
  • terza fase, che è una fase avanzata in cui il tumore ha raggiunto più di una posizione nell’organo e / o ad altre parti del corpo
  • quarta fase, in cui il tumore coinvolge diversi siti in tutto il corpo

Quali sono i trattamenti?

I trattamenti per l’angiosarcoma variano in base al livello di avanzamento del tumore. Tra i trattamenti spiccano:

  • radioterapia
  • chirurgia in combinazione con la radioterapia
  • farmaci
  • brachiterapia
Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Sindrome vasovagale
La sindrome vasovagale si caratterizza per uno svenimento improvviso, solitamente di breve durata, causato da una riduzione del flusso sa...
Cuore polmonare
Il cuore polmonare è un disturbo cardiaco molto grave, che si manifesta con ipertrofia del miocardio ed è causato da una disfunzione a ca...
Arteriopatia periferica
L’arteriopatia periferica è una malattia dell'apparato circolatorio caratterizzata dal progressivo restringimento delle arterie, con cons...