Sei un professionista sanitario? Iscriviti
  1. Pazienti.it
  2. I Nostri Contenuti
  3. Malattie
  4. Ascesso Al Seno

Ascesso al seno

Ascesso al seno
Curatore scientifico
Dr. Paolo Madeyski
Specialità del contenuto
Chirurgia generale Ginecologia Medicina estetica Senologia

Che cos’è un ascesso al seno?

Un tipo di infezione alla mammella, che può verificarsi nelle donne, può provocare un ascesso al seno. Gli ascessi al seno sono grumi infetti che si verificano proprio sotto l'areola, la pelle colorata attorno al capezzolo. Si presenta come un'area gonfia piena di pus, un liquido ricco di globuli bianchi morti.

Il gonfiore e il pus sono dovuti ad un'infezione locale, a causa della quale i batteri invadono il corpo in un certo punto e lì rimangono. I batteri non si diffondono in altre parti del corpo nel caso di infezione locale.

In passato, queste infezioni venivano chiamate "fistole ai dotti lattiferi" o "malattia di Zuska".

Quando si sviluppa una cisti al seno, si potrebbe avvertire un po’ di dolore nella zona. Ci potrebbe essere una protuberanza sotto la pelle e notare un gonfiore della pelle vicina. 

Se lasciata non trattata, l'infezione può iniziare a formare una fistola, che è un foro anormale che va dal condotto alla pelle. Se l'infezione è abbastanza grave, può verificarsi l'inversione del capezzolo. Questo succede quando il capezzolo viene attirato dal tessuto mammario invece che sporgere verso l’esterno. Ci potrebbe essere anche la presenza di febbre e una sensazione generale di malessere.

Quali sono le cause dell’ascesso al seno?

Molto casi di ascesso al seno sono collegati alla mastite (infiammazione al seno). La mastite, generalmente, colpisce le donne che stanno allattando; tuttavia, a volte si presenta anche in donne che non lo stanno facendo. Le donne che fumano hanno una percentuale maggiore di sviluppare una mastite e un ascesso al seno al di fuori della gravidanza e dell’allattamento. Questa malattia è conosciuta come mastite periduttale.

L’ascesso al seno in ordine di frequenza è dato da

  • mastite in gravidanza
  • mastite periduttale in dotti dilatati con accumulo di cristalloidi e che si occludono e poi si infettano
  • cisti sebacee che si infettano
  • neoplasia che va in necrosi e dà luogo a pus
  • piercing al capezzolo
  • fumo
  • diabete

Una donna di 50 anni e oltre che presenti un ascesso al seno deve sempre fare una mammografia e poi una citologia (spesso, purtroppo, attraverso questi esami capita di riscontrare una neoplasia).

Quali sono i sintomi di un ascesso al seno?

Un ascesso al seno è un bozzo gonfio e doloroso e può anche:

  • essere arrossato
  • essere molto caldo
  • causare una rotondità sulla pelle
  • causare un innalzamento della temperatura corporea (febbre)
  • provocare bruciore al seno

Chi può venir colpita da ascesso al seno?

L’ascesso al seno può manifestarsi in donne tra i 18 e i 50 anni di età, ma sono inusuali in donne che non stanno producendo del latte. Quando una donna è in fase di allattamento, può accadere che si formi un’infezione causata dalla penetrazione dei batteri nel tessuto mammario o a causa di un blocco del condotto mammario.

I condotti mammari sono del piccoli tubi che trasportano il latte. Ciò può provocare una malattia chiamata mastite (infiammazione del seno). Se non curata, un’infezione del seno può far sorgere un ascesso. La mastite colpisce una donna su 10 che sta allattando.

Come si diagnostica?

Il medico esegue un esame del seno per valutare la massa. Il pus può essere raccolto e inviato a un laboratorio per determinare quale tipo di infezione sia in corso. Il medico può avere bisogno di sapere esattamente quale tipo di batteri stia causando l’infezione, poiché alcuni batteri sono resistenti a determinati farmaci. Questo gli permetterà di fornire la migliore forma di trattamento. 

Anche gli esami del sangue possono essere ordinati per cercare l'infezione e controllare la salute in generale.

Un esame a ultrasuoni del seno può essere effettuato per determinare quali strutture sotto la pelle siano state colpite e quanto in profondità si sia formato l’ascesso.

Occasionalmente, una scansione MRI può essere consigliata, soprattutto per un'infezione grave o ricorrente.

Come si cura un ascesso al seno?

La prima fase del trattamento consiste nell’assumere antibiotici. A seconda delle dimensioni dell'ascesso e del livello di disagio, il medico può anche decidere di incidere l'ascesso e di drenare il pus. Ciò significa che l'ascesso viene rimosso nell'ambulatorio del medico. Molto probabilmente, verrà somministrata un po' di anestesia locale per intorpidire l'area.

Se l'infezione non sparisce con un corso o due di antibiotici o se l'infezione torna ripetutamente dopo essere stata inizialmente eliminata, potrebbe essere necessario un intervento chirurgico. Durante la chirurgia, l'ascesso cronico e le eventuali ghiandole verranno rimossi. Se si è verificata l'inversione dei capezzoli, il capezzolo può essere ricostruito durante l'intervento di chirurgia plastica.

La chirurgia può essere eseguita dal proprio medico, in un centro ambulatoriale chirurgico o in un ospedale, a seconda della dimensione e della gravità dell'ascesso.

Un ascesso al seno può causare complicazioni a lungo termine. Se è molto esteso e richiede un’operazione più invasiva, per esempio, rimuovere parte del seno, ne consegue un deturpamento.

Quali sono le complicanze?

Ascessi e infezioni possono ripetersi anche dopo essere stati trattati con antibiotici. Si può richiedere un intervento chirurgico per rimuovere le ghiandole colpite ed evitare la recidiva.

Il capezzolo e l'areola possono deformarsi o venir spinti verso il centro dall'ascesso, causando danni estetici, anche se l'infezione è stata trattata con successo con antibiotici. Ci sono soluzioni chirurgiche a queste complicazioni.

Nella maggior parte dei casi, i problemi del capezzolo o gli ascessi non indicano una probabile presenza di cancro al seno.

Quali sono le prospettive a lungo termine degli ascessi al seno?

La maggior parte degli ascessi al seno viene curata con un trattamento antibiotico o con il drenaggio. Tuttavia, a volte le epidemie ricorrenti o gravi richiedono un intervento chirurgico. Nella maggior parte delle volte, la chirurgia ha successo nel prevenire il ritorno dell'ascesso e dell'infezione.

Quali rimedi casalinghi si possono apportare?

Dal momento che un ascesso al seno è un'infezione, si dovranno assumere antibiotici per ridurre la presenza del batterio. Tuttavia, ci sono alcuni trattamenti a casa che possono ridurre il dolore e il disagio mentre si sta guarendo dall’ascesso:

  • applicare un pacco di ghiaccio coperto da un panno sul seno affetto da 10 a 15 minuti alla volta, più volte al giorno. Ciò può ridurre l'infiammazione e il gonfiore 
  • applicare foglie di cavolo lavate e pulite sul petto. Dopo aver pulito le foglie, posizionarlo in frigorifero finché non si raffredda. Rimuovere la base delle foglie di cavolo e mettere la foglia sul seno. La foglia fredda di cavolo può essere lenitiva
  • lavare la pelle e il capezzolo con un leggero sapone antibatterico. Lasciare asciugare l'area prima di mettere un reggiseno o una camicia
  • inserire un tampone morbido nel reggiseno per aiutare a scaricare il pus e ridurre qualsiasi attrito che potrebbe provocare un aumento del disagio
  • prendere un antidolorifico per ridurre il dolore e il disagio al seno
  • astenersi dallo spremere, spingere o altrimenti disturbare l'ascesso, in quanto ciò potrebbe peggiorare i sintomi

Contattare sempre il medico se si hanno segni di un peggioramento dell'infezione, come febbre alta, diffusione di arrossamenti, stanchezza o malessere, molto simile a quello che si avverte se si ha l'influenza.

Hai trovato questo contenuto utile?
Mostra commenti

Contenuti correlati

Incontinenza
L'incontinenza è una disfunzione dell'apparato urinario caratterizzata dalla perdita involontaria di urina. Conosciamo una incontinenza d...
Vaginismo
Si parla di vaginismo quando i muscoli della vagina si contraggono involontariamente ogni qualvolta vi è un tentativo di penetrazione, ch...
Ernia
Un'ernia si verifica quando gli organi interni spingono verso l'esterno, su parete muscolare e tessuti, producendo il caratteristico rigo...