Disidrosi

Contenuto di: - Curatore scientifico: Dr. Giuseppe Hautmann
Indice contenuto:
  1. Quanto dura la disidrosi?
  2. Quali sono i sintomi della disidrosi?
  3. Quali sono le cause che la provocano?
  4. Quali sono i fattori di rischio di una disidrosi?
  5. Quali sono i test necessari per una diagnosi di disidrosi?
  6. Quali sono i trattamenti e farmaci per curare la disidrosi?
  7. Quali sono i rimedi casalinghi per alleviarne i sintomi?
  8. Che cos'è la disidrosi?

Quanto dura la disidrosi?

Disidrosi

Le bolle generalmente durano circa 3 settimane e causano prurito intenso. Una volta che le bolle si seccano, la pelle può apparire squamosa. Le bolle in genere ritornano appena la pelle guarisce completamente dalle bolle precedenti.

Quali sono i sintomi della disidrosi?

Le prime manifestazioni della malattia, precedute da prurito, sopravvengono all'inizio della primavera (marzo, aprile) e si ripetono durante la stagione calda, per poi scomparire del tutto in inverno. Ogni anno, il malato constata il ripetersi di questo ciclo. La disidrosi colpisce più frequentemente gli adolescenti e gli adulti di sesso maschile.

Le bolle si verificano più comunemente sui lati delle dita e sui palmi delle mani, anche le piante dei piedi possono essere colpite. Le vesciche sono generalmente piccole, come la larghezza della punta di una matita, e di solito appaiono in gruppo, con un aspetto granuloso.

Nei casi più gravi, le vescicole possono fondersi insieme per formare vesciche più grandi. La pelle colpita da disidrosi può essere molto pruriginosa o addirittura dolorosa. Una volta che le vesciche si asciugano e si sfaldano (succede in circa 3 settimane), la pelle sottostante può risultare rossa e tenera.

Quali sono le cause che la provocano?

La causa della disidrosi è sconosciuta. Tuttavia, può essere associata a una malattia simile della pelle chiamata dermatite atopica, nonché con condizioni allergiche. Le eruzioni possono essere stagionali in persone con allergie nasali.

Inoltre, per il rivelarsi della malattia, sembrano necessarie influenze causali, quali la luce ed il calore. Queste influenze non escludono però l'intervento di altri fattori, micotici e microbici in particolare, che troverebbero adatta sede di impianto e di sviluppo nelle zone cutanee suddette, dove il calore e la sudorazione aumentano la predisposizione allo sviluppo dei germi.

Quali sono i fattori di rischio di una disidrosi?

I fattori di rischio per la disidrosi includono:

  • Stress: la disidrosi sembra essere più comune durante i periodi di stress.
  • L'esposizione ad alcuni metalli: l’esposizione a cromo, cobalto e nichel, di solito in un ambiente industriale.
  • Pelle sensibile: le persone che sviluppano uno sfogo dopo il contatto con alcune sostanze irritanti hanno più probabilità di sviluppare disidrosi.
  • Eczema atopico: alcune persone con eczema atopico possono sviluppare anche l’eczema disidrosico.

Quali sono i test necessari per una diagnosi di disidrosi?

Nella maggior parte dei casi, il medico può diagnosticare la disidrosi sulla base di un esame clinico. Nessun test di laboratorio può specificamente confermare una diagnosi di disidrosi, ma il medico può suggerire di eseguire un test per escludere altri problemi della pelle che hanno sintomi simili.

Quali sono i trattamenti e farmaci per curare la disidrosi?

Il trattamento per la disidrosi comprende il più delle volte creme o pomate da applicare sulla pelle colpita. Nei casi più gravi, il medico può suggerire di assumere corticosteroidi, come il Prednisone, per via orale.

A seconda della gravità dei segni e sintomi, la cura può comprendere:

  • Corticosteroidi: possono contribuire ad accelerare la scomparsa delle vesciche. L'uso a lungo termine di steroidi però può causare gravi effetti collaterali.
  • Fototerapia: se altri trattamenti non sono efficaci, il medico può raccomandare un particolare tipo di terapia della luce che unisce l'esposizione ai raggi ultravioletti con dei farmaci che aiutano a rendere la pelle più ricettiva agli effetti di questo tipo di luce.
  • Unguenti per immuno-soppressione: farmaci come il tacrolimus (Protopic) e il pimecrolimus (Elidel) possono essere utili per le persone che vogliono limitare la loro esposizione agli steroidi. Tuttavia, questi farmaci possono aumentare il rischio di infezioni cutanee.
  • Iniezioni di tossina botulinica: alcuni medici raccomandano iniezioni di tossina botulinica per il trattamento di casi gravi di disidrosi. Tuttavia, questa è un’opzione di trattamento relativamente nuova che non ha ancora guadagnato l'accettazione generale.

Quali sono i rimedi casalinghi per alleviarne i sintomi?

I rimedi casalinghi per alleviare i sintomi sono:

  • Utilizzare impacchi freddi e umidi per alleviare l'irritazione. Le compresse fredde possono aiutare ad alleviare il prurito e/o la sensazione di bruciore causata dalla disidrosi. La terapia a freddo può anche ridurre l'infiammazione delle vescicole e aiutare a intorpidire le terminazioni nervose irritate con la generazione di dolore. Immergere un panno pulito e morbido in acqua fredda e metterlo in frigorifero per alcune ore prima di avvolgere le mani o i piedi infiammati. Avvolgere la pelle infiammata con l'impacco freddo per almeno 15 minuti, 2/3 volte al giorno o secondo necessità. Per fare in modo che l'impacco freddo duri un po' più a lungo, posizionare il ghiaccio tritato in una piccola busta di plastica e avvolgerlo con un panno morbido prima di applicarlo sulla pelle. Evitare di immergere le mani o i piedi infiammati nel ghiaccio: inizialmente può dare sollievo, ma può causare uno shock ai vasi sanguigni.
  • Antistaminici come la difenidramina (Benadryl) o loratadina (Clarityn, Alavert, altri) possono contribuire ad alleviare il prurito e la risposta infiammatoria caratteristica della disidrosi. Più specificamente, gli antistaminici bloccano l'azione dell'istamina, che viene prodotta durante reazioni di tipo allergico. Ridurre la quantità di istamina circolante tende a minimizzare l'espansione (dilatazione) dei piccoli vasi sanguigni sotto la pelle, riducendo il rossore e la sensazione di prurito nella pelle. Gli antistaminici possono causare sonnolenza, vertigini, visione offuscata e confusione, quindi non guidare o utilizzare macchinari pesanti durante la loro assunzione.
  • Mettere in ammollo le zone colpite in amamelide può accelerare la guarigione.
  • Applicare l'aloe vera. Il gel di aloe vera è un rimedio popolare a base di erbe per la pelle infiammata e irritata. Ha una forte capacità non solo di lenire la pelle irritata e pruriginosa e di ridurre il prurito causato dalla disidrosi, ma accelera significativamente anche il processo di guarigione. L'aloe vera ha anche proprietà antimicrobiche, utili se la disidrosi è stata innescata o esacerbata da infezioni fungine o batteriche. Applicare l'aloe vera più volte al giorno per i primi giorni dopo che si sono notati arrossamenti e irritazioni alle mani o ai piedi può avere un impatto significativo sulla lotta contro la malattia. L'aloe vera contiene polisaccaridi (zuccheri complessi) che aiutano ad idratare la pelle e mantenerla idratata. Può anche innescare la produzione di collagene, che dà alla pelle la sua elasticità. Se si possiede una pianta di aloe, rompere una foglia e applicare il gel/succo interno denso direttamente sulla pelle irritata. In alternativa, acquistare una bottiglia di gel di aloe puro in farmacia. Per avere migliori effetti, posizionare il gel nel frigorifero e applicarlo dopo che si è raffreddato. 
  • Prendere in considerazione l'applicazione della farina d'avena, un altro rimedio casalingo per lenire la pelle irritata. Funziona abbastanza rapidamente per ridurre l'infiammazione della pelle. L'estratto di avena contiene composti che hanno proprietà anti-infiammatorie, utili per lenire la pelle sottoposta a disidrosi. Produrre una palla di farina d'avena (non troppo spessa), lasciarla raffreddare per qualche ora in frigo e poi applicarla direttamente sulla pelle infiammata, lasciandola asciugare. Risciacquare con acqua corrente, ma farlo delicatamente perché la farina d'avena agisce anche come un esfoliante delicato. In alternativa, comprare farina d'avena finemente macinata e mescolarla con acqua fredda in una piccola bacinella o pediluvio, immergere le mani o i piedi per 15-20 minuti su base giornaliera. 
  • Mantenere la pelle umida applicando pomate o creme spesse, come vaselina, olio minerale o grasso vegetale, comunemente raccomandati per la disidrosi perché trattengono l'umidità della pelle e forniscono uno strato di protezione da potenziali irritanti. In alternativa, creme come Eucerin e Lubriderm sono più spesse della maggior parte delle lozioni e potrebbero essere di aiuto, sebbene debbano essere riapplicate più spesso degli unguenti perché vengono assorbite più rapidamente. Idratare la pelle per tutto il giorno, in particolare dopo il bagno o la doccia, per prevenire la secchezza/screpolature della pelle. Se la disidrosi è particolarmente irritante, prendere in considerazione l'applicazione di una crema di idrocortisone, è utile per ridurre rapidamente dolore e gonfiore.
  • Ridurre la temperatura delle docce per prevenire la secchezza. I bagni e le docce con acqua calda possono aiutare a promuovere la secchezza e l'irritazione della pelle perché l'acqua a temperatura più elevata rimuove gli oli naturali che proteggono la pelle. Pertanto, bagni e docce freschi o tiepidi sono un'idea migliore per la disidrosi. Trascorrere almeno 15 minuti in un bagno fresco su base regolare può effettivamente aiutare ad idratare la pelle perché è abbastanza assorbente. 
  • Utilizzare saponi delicati. Il sapone normale può seccare e irritare la pelle di alcune persone con disidrosi, quindi selezionare il sapone con ingredienti naturali privi di profumo e contenenti idratanti naturali (vitamina E, olio d'oliva, aloe vera). Detergenti ipoallergenici formulati per pelli sensibili (Neutrogena, Aveeno) sono una buona idea, in quanto possono essere meno secchi. Ricordarsi di non strofinare la pelle troppo vigorosamente con la spugna durante la pulizia. Per sicurezza, indossare sempre guanti protettivi quando si usano detergenti per la casa in modo che la pelle non entri in contatto con i prodotti chimici.

Che cos'è la disidrosi?

La disidrosi è una malattia cutanea caratterizzata da anomala sudorazione, a carico soprattutto delle mani e dei piedi. La malattia è caratterizzata dalla presenza, al palmo delle mani ed alla pianta dei piedi (disidrosi palmare e disidrosi plantare) di vescicole, dure, solide, quasi incassate del derma sottostante.

Le lesioni hanno una scarsa tendenza ad aprirsi spontaneamente, ma in genere si essicano e tendono poi a desquamare.